PAROLE SICILIANE

che provengono da varie lingue straniere  

 

 

SICILIA

Un jornu ca Diu Patri era cuntenti

e passiava 'n celu cu li Santi,

a lu munnu pinsau fari un prisenti....

e da curuna  si scippau un diamanti.

Cci addutau tutti li setti elementi

e lu pusau a mari 'n facci a lu livanti.
 lu chiamarunu 
"Sicilia" li genti,

ma di l'Eternu Patri Ŕ lu diamanti.

                                                                     (Anonimo)

***

 

NOTIZIE STORICHE SUL DIALETTO SICILIANO

La conformazione geografica di isola, ha certamente permesso al dialetto siciliano di mantenersi lontano da influenze di confine. Il risultato Ŕ una certa omogeneitÓ dei dialetti siciliani, che comunque si distinguono per alcuni tratti fondamentali.
Data la lunga e tortuosa
storia della Sicilia, Ŕ difficile distinguere tutte le influenze linguistiche subite dalle diverse aree dell'isola, che comunque si pu˛ dividere in parte orientale e occidentale.
L'influenza latina nell'isola Ŕ stata molto forte, anche se piuttosto lenta e contrastata dalle lotte tra Roma e Cartagine. Lo strato della popolazione che aveva acquisito il latino, comunque, non lo perse mai, neanche con le dominazioni greche ed arabe, ma anzi lo rafforz˛ con diverse ondate di colonizzazione culturale.
E' cosý possibile rintracciare, nel siciliano, due diverse ondate di influenza latina. Una pi¨ arcaica, basata sul sistema fonetico latino, con le vocali finali pronunciate sempre in maniera chiara (non come negli altri dialetti italiani meridionali), ed una pi¨ influenzata da correnti bizantine in cui si distinguono tre nuovi caratteri. Si afferma la metafonia (cambio vocalico), tra Ragusa, Enna e Caltanissetta, per cui le vocali cambiano sotto l'influenza della "u" finale, come in "muortu" diverso dal femminile "morta", e "fierru" al plurale "ferra"; i gruppi consonantici "nd" e "mb" si assimilano in "nn" e "mm", "quannu" per "quando", ma questa innovazione non raggiunge Messina nÚ Catania; e per ultimo, la "d" intervocalica diviene "r", come in "cririri", per "credere", o in "deci" per "dieci", questo elemento si Ŕ affermato soprattutto in provincia di Catania.
Anche la dominazione normanna ha lasciato il suo segno, contaminando il siciliano con alcuni elementi gallo-italici. Le tracce di quest'influenza si trovano nelle parole "badagghiari", sbadigliare; "vozzu" per "gozzo"; "dumani" per domani; comuni al siciliano e al
toscano e completamente diverse dai corrispettivi calabresi.
Ma le compelsse vicende storiche della regione hanno lasciato tracce anche nel lessico siciliano, in cui Ŕ possibile trovare anche parole spagnole, come "criata" per serva; parole orientali, come "sceccu" per asino; francesismi, come "custurieri" per sarto, "racina" per una (fr. raisin).
Il siciliano si distingue quindi per molto vocaboli dalle altre lingue meridionali, ricodiamo, oltre agli esempi giÓ citati, anche "animulu" per arcolaio; "tastari" per assaggiare; "scannari" per ammazzare; "sciaurari" per odorare. E ancora "picca" per poco; "cozzu" per poggio; "agnuni" per cantuccio; "crastu" per montone, etc.
Tra i vocaboli condivisi con la Calabria, troviamo invece "scurzuni" per serpe; "cattibo e cattiva" per vedovo e vedova; "lemmo" per catino.

I dialetti siciliani si possono quindi dividere in tre zone: siciliano occidentale, diviso tra area palermitana, trapanese e agrigentina; siciliano centrale, diviso tra le aree nisseno-ennese, agrigentina orientale e delle Madonie; e siciliano orientale, diviso in area siracusano-catanese, nord orientale, messinese e sud orientale.

 

La Lingua siciliana

Una delle delle prove pi¨ convincenti dell'unitÓ spirituale del popolo siciliano Ŕ costituita dall'uniformitÓ sostanziale del linguaggio parlato dai sui abitanti.

In assoluto contrasto con la sardegna e con l'Italia meridionale, i dialetti siculi danno l'impressione di una grande uniformitÓ. Tolte alcune piccole divergenze fonetiche locali, vige nell'isola, un dialetto unitario. Le differenze che si possono riscontrare nel lessico derivano quasi esclusivamente dalla maggiore o minore presenza di relitti arabi e greci. Il lessico latino presenta in tutta l'isola tale uniformitÓ quale di rado e dato di constatare nel resto d'Italia.

La romanitÓ della Sicilia non ha le sue origini nel latino importato nell'isola dai romani, ma deve essere piuttosto il risultato di una nuova romanizzazione compiutasi gradatamente, solo dopo il crollo della dominazione araba.

In Sicilia non si Ŕ sempre parlato e non si parla tuttavia, unicamente ed esclusivamente il siciliano. GiÓ nell'antichitÓ greco-romana i siciliani parlavano correttamente tre lingue: il greco, il latino e il punico e fino all'etÓ di Augusto le monete siciliane avevano iscrizioni in greco.

Sotto i romani e gli svevi l'isola divenne altresý paese di colonizzazione: si giustificano cosý le isole linguistiche, come Aidone, Nicosia, Piazza Armerina che conservano il loro dialetto gallo-italico o quelle che conservano forti tracce di linguaggio settentrionale come Bronte e Randazzo, dovuto alle immigrazioni di notevoli masse di persone che dall'Italia settentrionale si spostarono in Sicilia nell'undicesimo-tredicesimo secolo,sia come soldati con le loro famiglie, sia come coloni, che desideravano abbandonare le terre del Nord travagliate dalle lotte comunali, per lavorare nei campi tranquilli della Sicilia. Altre piccole isole linguistiche si formarono in Sicilia nel quindicesimo secolo, quando gli albanesi abbandonarono la patria per non sottostare alla dominazione dei turchi.

Quali sono le stratificazioni linguistiche pi¨ notevoli nel dialetto siciliano? Esse sono senza dubbio evidenti anche ai giorni nostri e possono suddividersi in cinque stratificazioni fondamentali: la greco-classica, la greco-bizantina, l'araba, la franco-latina del periodo normanno e la catalano castigliana del periodo aragonese spagnolo; e in talune stratificazioni minori, come la francese moderna o l'anglosassone, fino ad arrivare agli americanismi importati in Sicilia dalle truppe di occupazione nel periodo 1943-1945.

Limitando le esemplificazioni a quelle strettamente essenziali per ogni stratificazione.

Si nota che l'influsso greco-classico Ŕ ancora evidente nell'uso che i siciliani fanno del passato remoto invece del passato prossimo, per indicare un fatto recentemente accaduto (glielo dissi, invece di gliel'ho detto), sono poi vocaboli grecoclassici naca (culla), cannata (anfora), taddarita (pipistrello) ecc...

L' influenza greco-bizantina Ŕ soprattutto notevole nei toponimi, come nel caso di Adrano che per secoli diventa Adern˛.

L' influsso arabo Ŕ chiarissimo in un numero notevole di toponimi, come: sciarra (rissa) da "sciarrah"; favara (sorgente) da "favarah"; giarra (Giara) da "giarrah" ; e tanti altri.

Numerosi sono gli influssi castigliano-catalani del periodo aragonese e spagnolo. Per influsso catalano si ha il siciliano abbuccari per versare, attrassari per attardarsi, accanzari per conseguire, e tanti altri potrebbero elencarsene. L'influsso castigliano da truppicari per inciampare, scupetta per fucile, taccia per bulletta ecc..

Quanto agli influssi pi¨ recenti, i mercenari tedeschi delle truppe spagnole e borboniche che inperversarono in Sicilia dal sedicesimo al diciannovesimo secolo, hanno lasciato la lora tipica negazione nixi (da "nichts").

Il francese moderno ha dato al linguaggio siciliano lammuarru per armadio, buffetta per tavolino, tabbarÚ per vassoio, tirabusci˛ per cavatappi, tutti termini legati al confort della societÓ abbiente, dal Settecento in poi.

Gli inglesi hanno lasciato un ricordo della loro permanenza in Sicilia nel periodo napoleonico, influenzando anche la formazione del superlativo degli aggettivi (in sicilia bellissimo si dice Ŕ veru bellu); fino ad arrivare ai recentissimi influssi americani come giobba per posto di lavoro, importati dai siciliani emigrati e poi tornati in patria.

Le stratificazioni linguistiche del dialetto siciliano fanno fede della travagliata storia del popolo che l'ha parlato attraverso i secoli e che lo ha innalzato a dignitÓ di lingua. La validitÓ del linguaggio siciliano attraverso i secoli, apparirÓ ancor pi¨ chiaramente, se si pensa che esso, lungo il quattordicesimo secolo, fu relativamente autonomo dal toscano e costituý un vero e proprio tentativo di nazionale italiana.

I siciliani sono molto attaccati al loro linguaggio, e la ricchezza e la bellezza dei canti popolari lo dimostra.

Cosý scrive Ignazio Scimonelli da Palermo (1753-1831) nel 1793:

Nun mettu peccu a Grecu o Germanisi

nÚ a Toscu o Francu, a Latinu o Spagnolu;

ma bedda carta mi canta in cannolu

lingua e paisi.

E pri sta lingua sugnu tantu vanu

ca mortu, e prima di essiri urvicatu

lu misereri lu vogghiu cantatu

'n sicilianu.

SarÓ in latinu ben fattu e ben dittu,

ma un misereri in lingua nostra misu

l'arma mi la fa jiri 'n paradisu

drittu pi drittu!

 

(Traduzione)

Non trovo nulla da dire sulla lingua greca o tedesca

ne su quella toscana o francese, latina o spagnola;

ma il documento linguistico ci fa apprezzare con sicurezza

lingua e paesi.

E per questa lingua io nutro un affetto cosý vivo

che, quando morir˛, prima di essere sotterrato

il "De profundis" lo voglio cantato

in siciliano.

SarÓ in latino ben fatto e ben detto

ma un "De profundis" recitato nella nostra lingua

l'anima me la farÓ andare in paradiso

direttamente!

Nei primi dell'Ottocento, un medico novatore di Modica, Carlo Amore (1768-1841)

scriveva nel suo poemetto pedagocico in sestine intitolato L'educazioni:

 

Nun scrivu lu linguaggiu italianu

pirchý nun su' lumbardu o bolognisi.

Nascii in Sicilia, sugnu muducanu,

usu la lingua di lu me' paisi.

Si a tia, litturi, sta lingua nun piaci

strazza lu libru, e a mia lÓssami in paci.

 

(Traduzione)

Non adopero il linguaggio italiano

perchŔ non sono lombardo o bolognese.

Sono nato in Sicilia, sono di Modica,

uso la lingua del mio paese.

Se a te, lettore, questa lingua non piace

strappa il libro, e lasciami in pace

Da dove deriva il nome SICILIA?

Il nome Sicilia deriva dalla radice SIK (fertilitÓ) e dal suffisso -ILIA (terra), e pertanto Sicilia vuol dire terra fertile, non per caso

i romani la chiamarono ôil granaio di Romaö.

Anche il nome Italia deriva da ôVýtuliaö, che era il tratto di costa jonica tra Taormina e Messina, dove si allevavano i výtuli,

ovvero i vitelli sacri al dio Sole.

 

Cos'Ŕ la Trinacria?

Il simbolo della trinacria (una testa con tre gambe) Ŕ un simbolo solare. La testa gorg˛nide che sta al centro ha un valore apotropaico,

cioŔ di talismano portafortuna, infatti secondo la tradizione mitologica, la testa della gorg˛ne aveva il potere di pietrificare i nemici,

mentre le tre gambe rappresentano i raggi del sole.

I colori della bandiera.

PerchŔ rosso e giallo?

La bandiera giallo e rossa della Sicilia esiste da 720 anni. Venne fatta nel 1282 dalla Confederazione delle CittÓ della Sicilia che, dopo la rivolta del VESPRO del 30 marzo 1282 a Palermo, con un patto solenne, il 3 aprile del 1282, decisero di cacciare i Francesi da tutta la Sicilia. I colori di questa bandiera sono il rosso ed il giallo con la Trinacria in mezzo. Il rosso Ŕ il colore del Comune di Palermo (ancora oggi), il giallo Ŕ il colore del Comune di Corleone, a quel tempo era la grande capitale agricola nel cuore della Sicilia. Furono le prime due cittÓ a fondare la Confederazione contro gli Angioini. La Trinacria esiste da circa 30 secoli in varie versioni. La testa della Trinacria era nel petto di tutte le statue della dea Atena presso i Greci. Identificata con MEDUSA da scultori e pittori, rappresentata in tutte le epoche.

Dal gennaio 2000 con la Legge N.1 del Parlamento Siciliano Ŕ la BANDIERA UFFICIALE della Sicilia. Questa Legge ne regola l'uso e l'esposizione su tutti gli edifici pubblici. Deve essere esposta sugli edifici comunali, sulle scuole, sugli edifici pubblici ed in tutti i luoghi in cui la Sicilia Ŕ rappresentata. La Polizia Municipale di tutta la Sicilia ha due stemmi uguali sulle divise. I Carabinieri delle caserme Siciliane hanno uno stemma con la Sicilia e la bandiera giallo rossa, la Guardia di Finanza e la Guardia Forestale anche. La Trinacria Ŕ usata da milioni di Siciliani in tutto il mondo come simbolo dei loro prodotti e delle associazioni. La troviamo nello stemma dell'universitÓ di Palermo, negli uffici postali prima dei Piemontesi ed Ŕ stata usata anche sulle medaglie delle Universiadi in Sicilia nel 1997. Le navi della Marina Mercantile Siciliana sino al 1861 issavano la bandiera giallo-rossa con la Trinacria su tutti i mari del mondo (anche sotto i Borboni).

Allo stadio viene usata in tutta la Sicilia, anche dove i colori della squadra non sono il giallo ed il rosso come invece sono a Messina da quel 1282. Tutte le CittÓ della Confederazione inviarono i loro uomini a Messina per difendere la "porta della Sicilia" dall'esercito Angioino che, insieme a tutte le cittÓ Guelfe d'Italia inviate dal papa francese anche lui, voleva vendicarsi sterminando coloro che avevano osato fare una rivoluzione contro il re incoronato dal papa. 5 mesi di assedio a Messina non bastarono per piegare i Siciliani chiusi dentro le poderose e insuperate mura. 60.000 armati, 200 navi da guerra, 15.000 cavalieri NON RIUSCIRONO A TOGLIERE QUESTA BANDIERA DALLE ANTICHE MURA DELLA CITTA' STATO DI MESSINA, LIBERA REPUBBLICA. Nella precipitosa fuga, a settembre, rest˛ sul campo lo stendardo della cittÓ di Firenze (guelfa), Ŕ ancora conservato nel Duomo di Messina.

Cenni di etimologia

         Se oggi, in questo nostro incontro, io inframmezzassi il mio intervento con termini quali: LIPPU, OGGIALLANNU, TABBUTU, RACINA, TRUPPICARI, SPARAGNARI, nessuno di noi - credo - si allarmerebbe, lamenterebbe di non comprendere, si riterrebbe escluso. Tutti, piuttosto, troveremmo palese conferma a una nostra sensazione che uno studio del Centro Ethnologue di Dallas ha, compiutamente, cosý fissato: < Il Siciliano Ŕ differente dallĺItaliano standard in modo abbastanza sufficiente per essere considerato una lingua separata; Ŕ inoltre una lingua ancora molto utilizzata e si pu˛ parlare di parlanti bilingui > in Siciliano e in Italiano standard. 

         Quelle, LIPPU, OGGIALLANNU, TABBUTU, RACINA, TRUPPICARI, SPARAGNARI, sono parole che adoperiamo con naturalezza, con proprietÓ di significato, parole con le quali assolviamo egregiamente lĺesigenza sociale della comunicazione. Ma la cosa pi¨ rilevante ai nostri fini Ŕ che esse fanno parte, a pieno titolo, del nostro odierno parlare, sono pregne di attualitÓ.

         Ci˛ detto ( dando per superata la ô vexata quaestio ö lingua-dialetto ), non ci rendiamo forse conto, perchÚ magari mai ci siamo interrogati in tal senso, che esse sono antiche di secoli quando addirittura non di millenni.

Il Siciliano, le cui radici diciamo cosý ufficiali affondano nel lontano 424 a. C. con la virtuale costituzione ad opera di Ermocrate della nazione siciliana, Ŕ dunque un organismo vivo, palpitante. Un organismo capace di resistere alle influenze delle disparate altre culture con le quali si Ŕ ô incontrato ö, capace di acquisire da ognuna di esse quanto di volta in volta pi¨ utile al suo arricchimento e di stratificare tali conquiste sulle proprie, originarie fondamenta. Ecco, allora, si avvicendano nel tempo il greco-siculo, il latino-siculo, lĺarabo-siculo, il franco-siculo, lĺispano-siculo, ma sostanzialmente sempre una lingua, una sola: il Siciliano.

         Ricordando, per inciso, che lĺetimologia Ŕ < la scienza che studia lĺorigine delle parole e la derivazione delle parole di una lingua > ci poniamo quindi la domanda: < Quali sono le origini del Siciliano? >

         La risposta, in parte, Ŕ insita giÓ nella premessa appena fatta, ma il quesito necessita comunque di una ( succinta, nel nostro caso ) trattazione, impone una esposizione esemplificativa.

Apuleio, scrittore siciliano del II secolo d.C., asseriva che i Siciliani parlavano tre lingue: il Greco, il Punico e il Latino. Ma, da allora e fino al XIX░ secolo, ne sono passati di ô ospiti ö!

Dal Greco, VIII secolo a.C.:

Bastaz - Vastasu; Kerasos - Cirasa; Babazein - Babbiari; Lipos - Lippu; Baukalis - Bucali; Keiro - Carusu; Rastra - Grasta; Bubulios - Bummulu; Apestiein - Pistiari. E ancora: Naca, Cannata, Taddarita, Ammatula ů  

Dal Latino, III secolo a.C.:

Muscarium - Muscaloru; Crassus - Grasciu; Hodie est annus - Oggiallannu; Ante oram - Antura; et cetera et cetera.

DallĺArabo, che come il Greco e il Latino, ha fortemente influenzato la lingua siciliana, 827 d.C.:

Zbib - Zibibbo; Qafiz - Cafisu; Suq - Zuccu; Tabut - Tabbutu; Qashatah - Cassata; Saut - Zotta; GiÔbiah - Gebbia; Babaluci - Babbaluci; Giulgiulan - Giuggiulena; Sciarrah - Sciarra. E poi: Lemmu, Funnacu, Giarra, Margiu, Zagara, Burnia, Zimmili ů

         Una curiositÓ: lĺEtna Ŕ chiamato Mungibeddu, termine che assomma la radice latina di mons ( monte ) e quella araba di gebel ( bello ). Il vulcano era ritenuto da credenze popolari il padre di  tutti i monti e di tutti i vulcani.

         Dalla radice Francese, in conseguenza della dominazione normanna e angioina, tra il 1060 e il 1282: 

         Ache - Accia; Mucer - Ammucciuni; Boucherie - Vucciria; Couturie - Custureri; Trousser - Truscia; Raisin - Racina. E inoltre: Giugnettu, Accattari, Avanteri ů

         Dallo Spagnolo, che praticammo quasi ininterrottamente per cinque secoli dal  1412 al 1860:

         Abocar - Abbuccari; Lastima - Lastima; Encertar - Nzirtari; Scopeta - Scupetta; Esgarrar - Sgarrari; Alcanzar - Accanzari; Tropezar - Truppicari. E quindi: Muschitta,  Sarciri, Picata, Ammurrari ... 

         Dal Tedesco ( tra il 1720 e il 1734 quando la Sicilia venne assegnata dagli Spagnoli allĺimpero Austriaco ):

Hallabardier - Laparderi; Rank - Arrancari; Sparen - Sparagnari; Wastel - Guastedda; Nichts - Nixi.

Ci siamo ovviamente limitati a pochi condivisi esempi, ma le relazioni sono innumerevoli quante le parole stesse del dialetto siciliano e di certo ognuno di voi potrebbe immediatamente suggerire chissÓ quanti e quali altri vocaboli o locuzioni.

Veniamo pertanto a rievocare le frequentazioni del Siciliano servendoci di alcuni esempi.

         Riportiamo infine, giacchÚ inerente al nostro argomentare, uno stralcio della tesi di Giovanni Ragusa:

I Siculi erano un popolo indo-europeo. DallĺIndia essi vennero verso lĺEuropa e quelli che, in seguito, giunsero nella nostra Isola, guidati da Siculo, furono chiamati Siculi. La loro lingua pertanto doveva essere, se non la sanscrita, una che certamente ne derivava. Alcuni vocaboli: il nostro p¨tra ( puledro ) nel sanscrito Ŕ p¨tra che vuol dire figlio; il nostro mÓtri, non deriva dal latino mater, ma dal sanscrito mÓtr; il nostro bÓria ( balia ) nel sanscrito Ŕ bhÔryÔ e vuol dire moglie. E prosegue: I Siculi, sottomessi dai Greci, furono costretti per necessitÓ a far proprio il lessico dei dominatori, ma lo espressero con la fonetica che era ad essi congenita, naturale. Ci˛ avviene anche a noi che, dovendo parlare lĺitaliano, lo esprimiamo ( foneticamente e sintatticamente ) come ci Ŕ naturale, e ci˛ fa sý che veniamo riconosciuti ô siciliani ö in ogni luogo e da tutti. Sappiamo che la nostra lingua, figlia del sanscrito, ha come il sanscrito soltanto vocali a, i, u. Sappiamo che la lingua siciliana rifiuta in modo assoluto la e e la o atone. Sappiamo anche che si esprime con regole diverse da quelle delle lingue latina e italiana. Di essa non dobbiamo vergognarci, perchÚ non ci rivela,come dicono i concittadini del Nord Italia, terroni, ma gente di antica e nobile civiltÓ.  

La lingua siciliana a sua volta ha influenzato in qualche maniera la lingua italiana: Cannolu - Cannolo; Trazzera - Trazzera; Ntrallazzu - Intrallazzo; Salmurigghiu - Salmoriglio; Picciotti - Picciotti; Sfinciuni - Spincione; ma questa Ŕ unĺaltra storia.

Non possiamo tuttavia chiudere questo capitolo senza fare una breve allusione al dialetto gallo-italico di Sicilia.

Tra il secolo XI e il secolo XIII, schiere di militari, di cavalieri, di fanti, con a seguito le famiglie, dal Monferrato e dalla Gallia Cisalpina calarono in Sicilia. Le popolazioni di Piazza Armerina, Aidone, Nicosia, San Fratello, Sperlinga e Novara di Sicilia, ove costoro si stabilirono, mantengono tuttora nella loro parlata le connotazioni fonetiche, morfologiche e lessicali, ben differenti da quelle del Siciliano, che hanno determinato il c.d. gallo-italico.

                                                                     Marco  Scalabrino

 

CURIOSITA' SUL NOSTRO DIALETTO

Come Ŕ risaputo, in millenni di storia la Sicilia ha subýto nel tempo varie dominazioni, da parte di popoli

stranieri, dagli arabi, ai normanni, dagli svevi agli angioini, dagli aragonesi, agli spagnoli ai francesi.

Tutti naturalmente hanno lasciato il segno della loro dominazione nella nostra isola, soprattutto nel dialetto, che oggi Ŕ molto diverso da paese a paese.

Qui voglio dare solo alcuni cenni su un elenco alquanto limitato di parole che traggono la loro origine

proprio da questi popoli stranieri. Il capitolo non vuole assolutamente essere un trattato completo di termini,

sia in uso che fuori uso, ma un modo di appagare una certa curiositÓ e,  perchŔ no,

divertirsi anche con il nostro antico e affascinante idioma siciliano.

Si riporta un elenco che comprende solo alcune delle parole dialettali siciliane, delle quali molte restano ancora in uso in Sicilia.

Come si pu˛ notare in parecchi termini, in origine veniva usata la lettera K al posto della lettera C.

Mi riservo di apportare ulteriori integrazioni e approfondimenti a questo nuovo capitolo del sito,

certo che desterÓ la curiositÓ e l'interesse di tutti coloro che amano la loro terra e vogliono conoscerla sempre di pi¨. Un particolare invito lo rivolgo ai giovani studenti di tutte le scuole di Ribera, affinchŔ studino le nostre origini, non certo per rivivere il passato che mai pi¨ tornerÓ, ma per trarne sicuramente una grande e significativa lezione di vita.

 

Giuseppe Nicola Ciliberto

 

 

 

PAROLE...PAROLE...PAROLE...siciliane

 

 

 

Banditore medievale (vanniaturi)

abbanniÓri (a Ribera si dice "vanniari") (proclamare, gridare)

[gotico: bandujan = dar pubblico annuncio,

intimare] Dal basso latino BANNUM, editto

abbukkÓri (cadere, versare, inclinare, capovolgere)

[latino: bucca = bocca; greco: apokhŔo = versare fuori, cadere; catalano e spagnolo: abocar] anonimo siciliano, "Sposizione della Passione del Vangelo secondo Matteo", anno 1373: santu Binidictu dissi a killu lu quali avia ascusu lu flascuni: - Figlu, guarda a zo ki tu truvirai dintru a killu ki tu amuchasti a lu boscu -, et killu abbuccau lu flascu et ixiundi unu scursuni.
 

akkabbÓri (terminare, finire)

[catalano e spagnolo: acabar, da una creazione propria del latino volgare peculiare delle terre ispaniche ACCAPARE, a sua volta dal latino volgare CAPU, da CAPUT=testa; quindi vale per "portare a capo, portare a termine"] Termine attestato giÓ nel 1519; difficile determinare se di origine catalana o castigliana

akkattÓri (comprare)

[latino: ad + captare = cercare di prendere; normanno: acater; francese: acheter; napoletano: accattare; italiano arc.: accattare = prendere in prestanza, mendicare, comprare] Statuto Messinese, anno 1320: Di li mircatantii ki si accactirannu et vindirannu intra li terri infra mircadanti et mircadanti, oy mircatanti et altri pirsuni, non si diia pagari kistu dirictu...
 

 

 

Sedano

Óccia (sedano)

[latino: apium; spagnolo: apio; francese: ache]
 


addumÓri (accendere)

[catalano-rossiglionese: allumar; francese: allumer; italiano arc.: allumare = illuminare] Giovanni Campulu, "Libru de lu dialagu de sanctu Gregoriu", anni 1302-37: et in killa hura mideme le lampe de la ecclesia, le quali eranu ammortati, foru allumate...

addunÓrisi (accorgersi, darsi conto)

[catalano: adonar-se; italiano: addarsi] Termine di probabile origine catalana. Giovanni Campulu, "Libru de lu dialagu de sanctu Gregoriu", anni 1302-37: Kistu monacu davanti de li monachi paria ki fachissi abstinencia ma jn privatu maniava e saturÓvassi benj: li monachi non si nde adunavanu de zo ki fachýa.

addurmiscýrisi (addormentarsi)

[latino: obdormiscere, addormiscere; spagnolo: adormecerse] Accurso di Cremona, "Libru di Valeriu Maximu translatatu in vulgar messinisi", anni 1321-37, issu medemmi dannau lu sou humanissimu propositu commu vacanti et repentendusi di l'andari, turnau a lu lectu et addurmisiusi

affruntÓrisi (vergognarsi)

[catalano: afrontar-se]

aggrifari (rapinare)

[ant. provenzale: grifar]

ajeri (ieri)

[spagnolo: ayer]
 

 

 

Una pianta di alÓstra

alÓstra (pianta spinosa selvatica simile alla ginestra)

[greco: kŔlastron = agrifoglio] Termine di probabile antichissima

origine mediterranea, pre-indoeuropea


ammarrÓri (munire di argini un luogo per difenderlo da inondazioni)

[spagnolo: embarrar = infangare, intonacare col fango] Termine di probabile antichissima origine mediterranea, pre-indoeuropea, la cui forma precedente potrebbe essere stata ambarrÓri

ammÓtula (invano, inutilmente, senza risultato)

[arabo: batil; catalano: debades; occitano: en de bados; spagnolo: en balde] Direttamente dalla lingua araba. Probabilmente la parola siciliana originariamente era a mbÓtula

ammucciÓri (nascondere)

[latino volg.: muciare; normanno: mucher] Giovanni Campulu, "Libru de lu dialagu de sanctu Gregoriu", anni 1302-37, jn killa silva chi era unu Órburu cavatu, e dintru kistu Órburu chi era amuchatu unu prisuni ki avia fugutu.

ammuntuÓri (a Ribera:"annintuvari") (nominare)

[francese ant.: mentevoir]

ammuttÓri (spingere, imprimere movimento)

[latino: ad+motum]
 

 

Acciughe

anci˛va (acciuga)

[catalano: anxova; spagnolo: anchoa; portoghese: anchova; ligure: anci÷a]

Il termine anxova Ŕ attestato per la prima volta nella lingua catalana nel 1383

e sembra provenire da un dialetto dell'Italia meridionale (il Siciliano ?)

o dal basco "antzu" (= secco, da cui sardina essiccata); probabilmente

dal latino volgare APIUVA


ankuni (gomito)

[greco: ank˛n = gomito]
 

 

 

Una altalena legata tra

due alberi

annakÓri (cullare, dondolare)

[greco: naka = culla]
 


ant¨ra (poco fa)

[latino: ante horam = un'ora fa]

appizzari (perdere, sprecare, sciupare, attaccare)

[greco: ekspipto]
 

 

Alberi

di arance

arbulu (albero)

[spagnolo: arbol]
 


arrassÓri/arrastari (allontanare)

[arabo: arasa; greco: a?asse?? = scagliare]

arricintari (risciacquare)

[lombardo: rexentar]

arriciuppÓri (racimolare frutta dopo il raccolto)

[spagnolo: rechupar = succhiare di nuovo]

arrikugghýrisi (a Ribera: "arricoglisi") (ritornare, rincasare)

[spagnolo: arrecogerse; catalano: recollir-se]

arrivintÓri (ansimare per la fatica)

[spagnolo: reventar (spagnolo reg.: arreventar)] Di sicura provenienza castigliana

arruciÓri (bagnare)

[latino volg.: roscidare; catalano: ruixar, arruixar; spagnolo: rociar]

asciÓri (trovare)

[latino: afflare; portoghese: achar; spagnolo: hallar]

astraku (terrazzo, pavimento di coccio)

[latino volg.: astracum = coccio] Angelo Senisio, "Declarus", anno 1348: pavimentum calcis et sabulis

cum lapillis vel testulis minutis confectum, qui dicitur astrechu.

attrivýtu (temerario, ardito, audace)

[spagnolo: atrevido; catalano: atrevit]

attummuliari (a Ribera "arrizzulari) (cadere)

[normanno: tomber]
 

 

Castagne tostate sulla griglia

atturrÓri (tostare)

[spagnolo: torrar, turrar; catalano: torrar; latino: torrere]


azzizzÓri (abbellire, adornare, sistemare)

[arabo: aziz = splendido, prezioso; provenzale: azesmar = disporre; italiano: azzimare]
 

 

Chiocciola (babbalucia)

babbal¨ciu (a Ribera: babbalucia) (lumaca)

[greco: boubalÓkion; arabo: babush] anonimo siciliano, "Thesaurus pauperum", secolo XIV: Item li buvalagi ki si trovanu a li arboli, emplastati, balinu supra ogni cosa ad rompiri la stinantia. Parola attestata nel siciliano antico anche con la grafia buvalachi (Accurso di Cremona, "Libru di Valeriu Maximu translatatu in vulgar messinisi", anni 1321-37)


babbiÓri (scherzare)

[greco: babazo = ciarlare]  

 

 

"Baddottula" (Donnola)

badd˛ttula (donnola)

[francese fam.: belotte] Angelo Senisio, "Declarus", anno 1348: animal simile muri,

quod dicitur billocta. Da bidd˛tta (belluccia) a bidd˛ttula, infine badd˛ttula.


balÓta (pietra)

[arabo: balÓt] anonimo siciliano, "Sposizione della Passione del Vangelo secondo Matteo", anno 1373: dananti la porta di la gructa di lu sepulcru, una grandi petra balata taglata, per clusura

banna (lato, parte, posto)

[ant. provenzale: banda]
 

 

Fioroni di fico, detti

comunemente "bifari"

býfara (varietÓ di fico)

[latino: bifera]

 

 

Una "buatta" di sarde salate.

(Scatola di latta)

buÓtta (barattolo)

[normanno: boite]
 

 

 

Un  "bucali"

(boccale in ceramica)

bukali (boccale)

[greco: baukalis]

 

"Bummulu e "Lancedda"

b¨mmulu (brocca)

[greco: bomb¨lion]
 


burgýsi (possidente)

[franco-provenzale: borgÚs; catalano: burgÚs]

b¨rgiu (cumulo di paglia)

[arabo: burg] Termine introdotto in Siciliano durante la dominazione araba
 

 

 

"Burnýa" in terra cotta.

burnýa (vaso per conserve, barattolo)

[arabo: burnÝya; catalano: alb˙rnia, b˙rnia; persiano: barni; piemontese:

burnýa, amburnýa; spagnolo: albornÝa]
 

 

 

"Cafisu"  (Misura per olio

kafýsu (cafiso: misura d'olio)

[arabo: qafiz]

Recipiente cilindrico di zinco, a forma di anfora o di cono rovesciato.Era provvisto di due manici laterali dello stesso materiale, posti ad angolo tra la parte terminale cilindrica e quella finale del calice. Era usato come unitÓ di misura dellĺolio.  Aveva una capacitÓ di 10 litri e per questo veniva detto decalitro. Ma poteva avere una capacitÓ diversa a seconda della localitÓ.

Il nome deriva forse dallĺarabo o dal latino capis, cioŔ vaso ad anfora

e veniva probabilmente usato in particolare nei sacrifici.


kalank¨ni (onda di fiume)

Termine di probabile antichissima origine mediterranea pre-indoeuropea

kalÓnna (scoscendimento,

frana di rocce di un fianco montuoso, terreno in forte pendio)

Termine di probabile antichissima origine mediterranea pre-indoeuropea
 

 

Kalia, ceci abbrustoliti

kÓlia (ceci abbrustoliti) [arabo: haliah]


kamara (camera) [spagnolo: camara]
 

 

Tarme (kamule) checorrodono un tessuto.

kÓmula (tarma)

[arabo: qaml, qamla = pidocchio; latino: camura; piemontese: cÓmola] Angelo Senisio,

"Declarus", anno 1348: vermis, qui dicitur camula, quasi terens et rodens vestem.
 


kanýgghia (crusca)

[latino volg.: canilia] Angelo Senisio, "Declarus", anno 1348: acus farine, que dicitur canigla.

kanigghi˛la (forfora)

[latino volg.: canilia = crusca] (A Ribera si usa dire: "canigliola")
 

 

Un bell'esemplare di "cantaru"

dei primi anni del secolo

appena trascorso (1900 - 1950).

kÓntaru (cÓntero, vaso da notte)

[latino: cantharus; greco: kantaros = vaso da vino]
 

 

 

"Capuliatu"

(polpette di carne tritata)

kapuliÓri (tritare la carne)

[aragonese: capolar; catalano e spagnolo: capolar =

fare a pezzettini; latino volg.: capulare]


karnizzerýa (macelleria)

[spagnolo: carnicerýa] Termine introdotto in Siciliano direttamente dalla lingua castigliana  karrivÓli (roccia rossastra).

Termine di probabile antichissima origine mediterranea, pre-indoeuropea kartŔdda (cesta) [greco: kartallos]
 

 

 

"Carusi" che lavoravano nelle miniere di zolfo.

karusu (ragazzo)  [greco: kouros].
 

(A Ribera si dice  "addevu" , mentre

con il termine "carusu" si indica il salvadanaio in argilla.

Il "Caruso" riberese deriva dal fatto che i salvadanai di un tempo

avevano la forma di testa di bambino (Caruso appunto).

 

Lombrico,

detto "casentaru"

kasŔntaru (lombrico)

[greco: ges enteron' = intestino della terra]
 

 

Una cassata siciliana

kassata (cassata, dolce tipico siciliano)

[arabo: qashatah; latino: caseata = qualcosa fatta di formaggio;

spagnolo: quesada, quesadilla]


katÓmmari (adagio, piano; usato specie nell'espressione "catÓmmari catÓmmari" )

= adagio adagio,lentamente) [greco: katamera = giorno per giorno]
 

 

 

Secchio ("catu")

katu (secchio) [greco: kados; latino: cadus]

 

Cavallo

Kavaddu (cavallo)

dal latino "caballus" e poi dallo spagnolo "caballo"


ciarÓri (a Ribera "sciavurari") (odorare, emanare odore)

[latino: fragrare; italiano: fragrare; catalano: flairar]
 

 

Ceci abbrustoliti,

comunemente chiamati

"kalia"

cýciru (cece)

 [latino: cicer]

 

Ciliegie o "cirasi"

cirÓsa (ciliegia)

[latino: cerasium; greco: kÚrasos; spagnolo: cereza; italiano arc.: cerasa]

"Thesaurus pauperum", secolo XIV: Item li chirasi dulchi, maniati cum

li ossa a diunu stomacu, provoca multu lu ventri.


ci¨nku (storpio)

[italiano arc.: cionco; tedesco: cionk] "Sposizione della Passione del Vangelo secondo Matteo", anonimo siciliano,

anno 1373: Cristu a zo mustrari, illuminava li cheki. Item, putia diri: "Kistu sanau unu chuncu...
 

 

 

Una antica icona che

rappresenta la "Sacra Famiglia"

kona (icona)

[greco: eikona; latino: icona]
 

 

Un bell'esemplare di montone,

detto "crastu"

krastu (montone)

[greco: krÓstos]
 

 

Cameriera (criata o cammarera"

kriÓta (serva, cameriera)

[spagnolo: criada] Termine introdotto direttamente dalla lingua castigliana

 

Cucchiaio (cucchiara)

kukkiara (cucchiaio)

[spagnolo: cuchara]

 

Zucca  (Cucuzza)


kuk¨zza (zucca)

 [latino tar.: cucutia; italiano arc.: cocuzza] Angelo Senisio, "Declarus",

anno 1348: Cucurbita etiam dicitur, que nos dicimus cucuzza.
 

 

Cudduruna o

Kudduruna

kudd¨ra o Kudduruni (pane a forma di ciambella)

 [greco: kollura = ciambella]

 

Curtigliu

(cortile

kurtýgghiu (cortile)

[spagnolo fam: cortijo = masseria]

 

Kustureri

(custureri-

sarto)

kusturŔri (sarto)

[francese: costurier; spagnolo: costurero; catalano ant.: costurer, custurer] anonimo siciliano, "Quedam Prophetia", anno 1354 (?): Non vali a custurer, mi pari, arti et a zimmaturi, a iudichi et a nutari, ancor lavuraturi, a mastri et a sculari et homini

ki aspettanu hunuri: tinuti sun plui cari li michidari furi.


dammusu (soffitto)

[arabo: dahmmusu]

dimmura, dimmurari (a Ribera: "addimurari") (ritardo, ritardare))

 [spagnolo: demora]
 

dudda (mora) Termine di origine sicana

farfÓnti (bugiardo, millantatore)

[provenzale: forfant; spagnolo: farfante]

firranti (grigio)

[normanno: ferrant] 
foddi (pazzo) [normanno: fol]
 

 

"Forficia" (forbice)

f˛rficia (forbici)

[latino: forfex, forficis; italiano arc.: forfici]
 


fumŔri (letame, concime stallatico)

[francese: fumier]
 

 

Gebbia (abbeveratoio

per gli animali)

gŔbbia (vasca)

 [arabo: giŔbja o giabiya] Angelo Senisio, "Declarus",

anno 1348:

locus tenens aquas, ut gebia, gisterna

 

Pane riccamente decorato

con la "giuggiulena" (sesamo)

giuggiulena (seme di sesamo)

 [arabo: giulgiulan]


giugnŔttu (luglio)

[normanno: juillet]
 

 

Un magnifico esempio di carretto

siciliano il cui cavallo Ŕ adornato con

numerosi paramenti e il tipico

doppio "giummu"  (pennacchio)

gi¨mmu (fiocco, pennacchio)

 [arabo: giummah; latino: glomus = gomitolo]

 

Una tipica e comune rana, detta

comunemente "giurana".

giurÓna (rana) -  [arabo: giarÓnat]


grÓscia (grasso, sporcizia)

 [latino: crassus]
 

 

 

 

Alcuni tipi di "grasti" (vasi per fiori)

grasta (vaso da fiori in terracotta)

[dal greco: ??st?a (trovato termine incomprensibile), gastra]


guardari (controllare, custodire)

 [spagnolo: guardar]
 

 

Guastedda o vastedda

guastŔdda, vastŔdda (pane rotondo)

[ant. tedesco: wastil = cibo; ant. francese: gastel; latino med.: vastellum]
 


guddefi (foresta)

[ant. tedesco: wald]

guzzuniari (scuotere, agitare)

 [tedesco: hutsen]

jovi (a Ribera: jovidi") (giovedý)

[spagnolo: jueves]

lariu (a Ribera "lasdu") (brutto)

[normanno: laid]

largasýa (generositÓ)

[normanno: largesse]

lasku (sottile, raro, sparso)

 [ant. provenzale: lasc]

lÓstima (lamento, pena, fastidio)

 [spagnolo: lÓstima = pena, lamento]

lavÓnka (dirupo, frana)

[ant. provenzale: lavanca = valanga]

likku (ghiotto)

 [greco: liknos]

liestu (a Ribera "lestu") (veloce)

 [normanno: lest]

lýmÓrra (terra mista a acqua, fanghiglia)

[latino: limus = fango; italiano: limaccia] Termine di probabile antichissima origine mediterranea,

pre-indoeuropea, forse rafforzato dal vocabolo latino "limus"

lýmpiu (a Ribera: "limpitu") (pulito)

[spagnolo: limpio; latino: limpidus] Termine di chiara origine castigliana
 

 

 

Lippu  (muschio)

lippu (grassume, muschio di conduttura d'acqua)

[greco: lipos = grasso]


luni (a Ribera "l¨nidi") (lunedý)

[spagnolo: lunes] 


manciaci¨mi (prurito)

[francese: demangeaison] (A Ribera si usa dire: "manciasciuni")
 

 

Manta, cutra

(coperta da letto)

manta (coperta da letto)

[spagnolo: manta]
 


marti (a Ribera "mÓrtidi") (martedý)

[spagnolo: martes]

mÓttula (bambagia, cotone idrofilo)

[latino: matula]

merkuri (a Ribera "mŔrculi") (mercoledý)

[lombardo: merc˛r]
 

 

Meusa (Milza)

mŔusa(milza)  

(a Ribera non si usa il termine "meusa" ma si dice solo "milza")

[catalano: melsa]
 


midŔmma, vidŔmma (anche, pure)

[latino: idem; francese: medesme = medesimo]

miskinu (poverino)

[arabo: miskin]
 

 

Un elegante "muccaturi", fazzoletto in uso

nei primi anni del secolo appenna

trascorso.

mukkat¨ri (fazzoletto)

[catalano: mocador] Parola di origine catalana attestata sin dal 1464
 


munzeddu (cumulo, mucchio)

[francese: moncel = piccolo monte]
 

 

"Muscaloru" (E' il ventaglio fatto con "curina" (erba nana), che serviva a

ravvivare il fuoco.

muskal˛ru (ventaglio per le mosche o per ravvivare il fuoco)

[latino: muscarium]


naka (culla)

[greco: naka; sumerico: nÔcher = riposare] Questo termine dovrebbe essere arrivato in Sicilia sin dall'epoca della Magna Grecia; In greco indicava il vello e la culla; le culle, infatti, erano costituite da un vello di pecora posto accanto al letto dei genitori a modo d'amaca

nennŔ (mammella)

[greco: nennÚ]

niku (piccolo)

 [greco: mikr˛s]]

ntamÓtu (sbalordito),

[greco: thÓuma; francese: entamÚ]

nsajÓri (provare)

[spagnolo: ensayar]

nsÚmmula (insieme)

[latino: in simul; francese: ensemble]

ntonsi (allora)

[spagnolo: entonces]

nutrikari (accudire, nutrire)

[latino: nutricare]

nzirtÓri (indovinare, colpire con precisione)

[catalano: encertar]

oggellÓnnu (l'anno scorso)

[latino: hodie est annus]

orbu (cieco)

[latino: orbum]

palatÓru (a Ribera: "balataru") (palato)

[catalano e spagnolo: paladar; latino volg.: palatare]
 

 

"Palumma" (Colomba)

palumma (colomba)

[spagnolo: paloma]
 

 

"Ombrellu" . "Umbrella" (Ombrello)

parakku (ombrello)

[spagnolo: paragua]

 

 

"Parrini" (preti) che

celebrano la messa.

parrýnu (prete)

 [francese ant.: parrin = padrino]
 

 

"Aranciu patuallu"

(Arancia del tipo Portogallo)

partuÓllu (arancia)

[greco: portokÓli]

 

paru (uguale)

[ant. provenzale: paratge]
 

 

"PŔrcia" (gruccia) -

 A Ribera

comunemente viene chiamata "crozza".

pŔrcia (gruccia)

 [spagnolo: percha; francese: perche; catalano: perxa; latino: pertica]
 


pidik¨ddu (picciuolo di frutto)

[latino: pediculus]
 

 

Pignata (Pentola)

pignÓta (pentola)

[spagnolo: pi˝ata; italiano: pignatta] Secondo il Muratori, dal latino

OLLA PINEATA, ossia pentola a forma di pigna. Il termine spagnolo

Ŕ sicuramente un apporto dell'italiano "pignatta"

 

"Pinseddu" (pennello)

pinzŔddu (pennello)

[spagnolo: pincel; catalano: pinzell; latino: penicillus]


pistiÓri (mangiare)

[greco: estýo]

pitÓzzu (quaderno)

 [greco: pitÓkion = tavoletta per scrivere; latino: pittacium = ricevuta]
 

 

Pitrusinu

(Prezzemolo)

pitrusýnu (prezzemolo)

 [latino: petroselinum; greco: pet??s??????, petroselinon]
 


prŔscia, prýscia (fretta)

[latino: pressa = premuta]

priÓrisi (compiacersi, provar diletto)

[catalano: prear-se = mostrarsi soddisfatto, compiacersi delle proprie qualitÓ o di altro]

Termine passato in Siciliano direttamente dal Catalano

purrýtu (fradicio, marcio)

[francese: pourrit]

pusŔri (pollice) (termine non in uso a Ribera)

[normanno: poucier]

putýa (bottega)

 [spagnolo, aragonese: botiga; greco: apotheke; latino: apotheca = magazzino]
 

 

"Racina" (Uva)

racýna (uva)

 [normanno: raisin; latino: racemus = grappolo]


racioppu (grappolo con poca uva)

 Termine di antichissima origine mediterranea, probabilmente pre-indoeuropea

raggia (rabbia)

[francese: rage]

rag˛gghia (anello di ferro)

[catalano e spagnolo: argolla] La parola fu introdotta in Castigliano dall'Arabo Al-ghulla;

nel 1533 si ha la prima attestazione anche in Catalano. Castiglianismo


retrŔ (gabinetto) (non in uso a Ribera)

[francese: ] Francesismo

ricývu (ricevuta) (a Ribera: "ricivuta")

[spagnolo: recibo] Castiglianismo

rifard(i)Órisi (tirarsi indietro)

[arabo: rafarda = rifiutare]

runfuliÓri (russare) (a Ribera: "rumpuliari")

[italiano: ronfare; francese: ronfler; provenzale: ronflar; latino: proflare] Probabilmente dal latino RE + IN + FLARE

saýa (canale)

[arabo: saqiya]

saými (grasso)

[latino: sagina; francese ant.: sa´n; provenzale: sa(g)in; spagnolo: saÝn; arabo: schaim]
 

 

"Salaguni" (salice)

salaguni (salice)

[ant. tedesco: salaha]

 

sciÓrra (litigio, rissa, zuffa)

[italiano arc.: sciarra; persiano: sciur; arabo: sciara = litig˛; alto tedesco medioevale: zar = atto dello strappare]

skat˛ (di bassa qualitÓ)

[greco: skat˛ = merda]
 

skittu (non condito, semplice, puro)

[greco: skŔtos = schietto]
 

 

"Scupetta" (Fucile)

skupetta (fucile)

[spagnolo: escopeta]


sfunnakata (moltitudine) (termine non in uso a Ribera)

Termine di origine indoeuropea, derivante dall'antico Siculo

soggiru (suocero)

[latino: socer]

sparagnari (risparmiare)

 [ant. tedesco: sparen]

spatari (disarmare)

 [spagnolo: espadar]
 

 

"Sponza di mari"

(Spugna di mare

sponza (spugna)

 [greco: spongýa; spagnolo: esponja]
 


strikari (strofinare)

[catalano: estregar]

tabb¨tu (bara, cassa da morto, sarcofago)

[arabo: tabut; greco: t?f?? = sepolcro; spagnolo: ata˙d]

taliari (guardare)

[arabo: talayi = luogo dal quale si pu˛ osservare senza esser visti; spagnolo:

atalayar = osservare dall'alto o spiare le azioni degli altri].

(La parola "taliari" deriva anche da una radice verbo greco "orao"
(Teamos) ovvero "osservare" da cui deriva anche Teatro e PoliTeama)
.

tannu (in quel tempo, allora)

[latino: ante annum = un anno prima; spagnolo: anta˝o; francese: antan; latino:

tandiu = tanto tempo, un cosý lungo tempo]
 

 

 

Vari tipi di tegami

tiÓnu (tegame)

[greco: tŔganon]
 

 

Terreno ridotto in zolle (timpe)

timpa (poggio)

Termine di probabile antichissima origine mediterranea. (A Ribera per "timpa" si

intende indicare anche una grossa zolla di terreno arato da poco).


trÓsiri (entrare)

 [latino: transire = passare, andare oltre]

travagghiari (lavorare)

[francese: travaller; spagnolo: trabajar]

trippari (inciampare)

[normanno: triper; catalano: trepar]

troffa (cespo, zolla d'erba)

[greco: t??f?? = pezzo, cosa staccata] Termine arrivato in Sicilia probabilmente ai tempi della Magna Grecia

truppikÓri (inciampare)

[spagnolo: trompicar; greco: t??pt??? = rompersi, piegarsi]
 

 

Una "truscia" legata ad un bastone

tr¨scia (fagotto)

[francese: trousse]


tuppuliÓri (battere)

[greco: tupto = battere]

unni (dove)

[latino: unde]

venniri (venerdý)

[lombardo: vŔnner]
 

 

Un "vucceri" (macellaio)

intendoa preparare

i vari tagli di carne.

vuccŔri (macellaio)

[francese: boucher]

 

 

"Zabbara" (agave

zabbÓrra (agave)

 [arabo: sabbar]

 

Fiori di arancio (zagara)

zagara (fiore dell'arancio)

[arabo: zahr = fiore]
 

 

zaffarana (zafferano)

 [persiano: zahfarÓn; spagnolo: azafrÓn]

zamm¨ (anice)

[arabo: zamm¨t]
 

 

 

"Zotta" (Frusta

zotta (frusta)

 [spagnolo: azote; arabo: sawt]
 


zukku (ramo che nasce dalla parte bassa del tronco, tronco)

[arabo: suq; latino: soccus]

 

VISITA LE ALTRE SEZIONI DEL SITO:

IL DIALETTO CHE SCOMPARE

IL DIALETTO DI RIBERA

 

HOME PAGE