DIVERTITEVI CON I SEGUENTI

 

 

INDOVINELLI SICILIANI

 

 

 

(Raccolti, selezionati e tradotti da Giuseppe Nicola Ciliberto)

 

Dal tempo dei tempi l'uomo si è sempre divertito a mettere in difficoltà parenti o amici, proponendo enigmi, quesiti, problemi o indovinelli da risolvere.

Era un modo simpatico di trascorrere qualche ora in allegria tanti anni fa, quando non c'erano molti divertimenti e la televisione era ancora lungi da venire.  Gli indovinelli sono stati sempre graditi dalla gente ed ogni volta che si presenta l'occasione di ascoltarne qualcuno, è difficile,

per non dire impossibile, che non si tenti di trovarne la soluzione, se non altro per appagare una irrefrenabile curiosità ed una invadente

voglia di dimostrare capacità e intuito.

Molti degli indovinelli riportati in questo capitolo, sono stati recuperati direttamente dalla viva voce di nostri compaesani, specie tra parenti,

nonni o bisnonni, che li hanno ricordati sempre con una grande nostalgia del loro passato. Sono indovinelli molto vicini alla nostra

tradizione popolare, anche se alcuni, con qualche variante sono conosciuti in varie parti della Sicilia.

 

Una delle peculiarità più tipiche degli indovinelli siciliani è quella di prestarsi, molto spesso, ad interpretazioni a doppio senso o ad allusioni

di qualcosa che non si vuole pronunciare, ma che si lascia facilmente intendere. Spesso nascondono umoristicamente, degli elementi che fanno

andare con la mente a qualcosa di "erotico", "di osceno" o "di intimo" che non si deve nominare. Comunque, gli indovinelli, anche se a volte leggermente spinti, non hanno mai alcuna volgarità, per cui possono sempre essere declamati anche di fronte a bambini, che ne saranno

divertiti più dei grandi. Nella stragrande maggioranza dei casi, qualche ambigua interpretazione o qualche pensiero

a situazioni "osé" svaniscono nel nulla, al momento stesso in cui viene data la soluzione.

 

Sta proprio qui il successo degli indovinelli, proprio in questo voler far pensare, volutamente, a qualcosa di proibito

o a qualche atteggiamento malizioso, ma che in realtà non c'entrano per niente.

 

Di recente, ho deciso, anche dietro richiesta di qualche attento visitatore del sito, di inserire la traduzione italiana di tutti gli indovinelli qui riportati.

Faccio notare purtroppo, che  molto spesso cambia il vero senso delle parole in dialetto riberese e, non si riescono

a cogliere le stesse sensazioni e lo stesso ritmo di lettura, come avviene con le frasi scritte nella loro forma originaria.(G.N.C.)

 

Per dare la possibilità ai lettori di provare a scoprire da soli le soluzioni, le stesse vengono riportate a parte, in fondo a questa stessa pagina.

 

 

1)  CAMINANNU CAMINANNU, MI LA VAIU CUTULIANNU.

 (Camminando camminando me la vado muovendo).

 

2)  DINTRA UN CAMMARINU C'E' UN SIGNURINU,  CU 'NA MANU A FIANCU E VISTUTU DI BIANCU.

(Dentro un camerino c'è un signorino, con un amano al fianco e vestito di bianco).

 

3)  DU' LUCENTI, DU' PUNCENTI, QUATTRU ZOCCULI E 'NA SCUPA.

 (Due cose che luccicano, due cose che pungono, quattro zoccoli e una scopa).

 

4)  STU 'NDOVINELLU E' COSA DI PAZZI,  SI 'NCULU TI LA METTU, TU MI DICI: -GRAZII .

 (Questo indovinello è cosa da pazzi, se sotto il culo te la metto, ti mi dici: "grazie" .

 

5)  'NFILANNU 'NFILANNU, FIRRIANNU FIRRIANNU,   FA 'DDA COSA E DOPPU S'ARRIPOSA.

 (Infilando infilando, girando girando, fa quella cosa e dopo si riposa).

 

6)  'NCAPU PILU, SUTTA PILU, 'MMEZZU C'E' LU MARIOLU.

 (Sopra pelo, sotto pelo, in mezzo c'è lo scacciapensieri).

 

7)  CU L'OCCHI MANCIA CARNI E CU LA VUCCA MANCIA PEZZI.

 (Con gli occhi mangia carne e con la bocca mangia pezze (di stoffa).

 

8)  UNN'E' IMPIRATURI E PORTA LA CURUNA,  UNN'E' CAVALERI E PORTA LU SPRONI,

    UNN'E' MONACU E CANTA LU MATINU,  SI L'ABISSI SI' UN VERU ‘NDUVINU.

 (Non è imperatore e porta la corona, non  è cavaliere e porta lo sperone,

non è monaco e canta al mattino, se lo sai sei un vero indovino).

 

9)  HAIU 'NA CASCITTINA CHINA D'OSSA E DINTRA C'E' 'NA PEZZA TUTTA RUSSA.

 (Ho una cassettina piena di ossa e dentro c'è una pezza (piccolo pezzo di stoffa) tutta rossa).

 

10) TRASI TISA E NESCI MUSCIA.

 (Entra dura ed esce molle).

 

11) 'NTA 'NA CASAZZA C'E' 'NA VICCHIAZZA,  CU UN SULU DENTI E CHIAMA LI GENTI.

 (In una casaccia c'è una vecchiaccia, con un solo dente e chiama le genti).

 

12) C'E' 'NA FILA DI PECURI CURTI, QUANNU CURRINU, CURRINU TUTTI.

 (C'è una fila di pecore corte, quando corrono, corrono tutte).

 

13) LA ZA' CICCA SI STINNICCHIA, LU ZU' COLA CI ACCRAVACA, CI LA TRASI E CI LA NESCI E CI FA LU GIUCHITIGGIU' !

 (La zia Francesca si distende, lo zio Cola la cavalca, gliela entra e gliela esce e le fa fare "lu giutichiggiu').

 

14) LI ME BIANCHI COSCI E LI TO' BIANCHI E LISCI,  SI UNCINU COSCI CU COSCI  E COMU FINISCI FINISCI.

 (Le mie bianche cosce e le tue bianche e lisce, si uniscono cosce con cosce e come finisce finisce).

 

15) DI DAVANTI M'ACCURZA E DI 'NNARRE' M'ALLONGA.

(Dal davanti mi accorcia e di dietro mi allunga).

 

16)  TRASI MODDU E NESCI DURU.

 (Entra molle ed esce duro).

 

17)  BIANCA E' LA CAMPAGNA, NIURA LA SIMENZA, L'OMU CHI SIMINA E' SEMPIRI CHI PENSA.

 (Bianca è la campagna, nero il seme, l'uomo che semina sta sempre a pensare).

 

18)  A LU SCURU, A LU SCURU, CI LA 'NFILU 'NCULU.

 (Al buio al buio, glielo infilo nel culo).

 

19)  MENTRI ‘U ZU MASI SI RUMMULIA, 'MMEZZU LI GAMMI CI PINNULIA.

 (Mentre lo zio Tommaso si agita, in mezzo alle gambe gli penzola).

 

20)  C'E' 'NA COSA LONGA E TISA, PURU LI MORTI LA VONNU MISA.

 (C'è una cosa lunga e rigida, pure i morti la vogliono messa).

 

21)  SUPRA UN MUNTI CI SU' TRI SIGNURINI : UNA VISTUTA DI BIANCU, UNA VISTUTA DI RUSSU

     E UNA VISTUTA DI NIVURU.  A QUALI DI LI TRI' CI MURI' LU MARITU ?

 (Sopra un monte ci sono tre signorine: una vestita di bianco, una vestita di rosso

e una vestita di nero. A chi delle tre gli è morto il marito ? )

 

22)  C'E' 'NA SCATULA DI RUBINI, SUNNU RUSSI E SUNNU FINI,

     SUNNU TUTTI D'UN CULURI, CU 'NDUVINA E' UN GRAN DUTTURI.

 (C'è una scatola di rubini, sono rossi e sono fini, sono tutti di un colore, chi indovina è un gran dottore).

 

23)  CI SUNNU VINTI FRATI DI DIFFIRENTI STATURA, DECI SU' AMMUCCIATI E DECI A LA LUSTRURA,

     INSEMI SUNNU NATI, TUTTI A LA STESSA URA.

 (Ci sono venti fratelli di diversa statura, dieci sono nascosti e dieci alla luce,

insieme sono nati, tutti alla stessa ora).

 

24)  LA VECCHIA SI CALA' E LU PARRINU CI LA 'NFILA'.

 (La vecchia si abbassò e il prete gliela infilò) .

 

25)  ZU GAITANU, ZU GAITANU, CHI FACITI 'NTI STU CHIANU ?  NE' MANCIATI, NE' VIVITI,  SICCU E LONGU VI FACITI.

 (Zio Gaetano, zio Gaetano, cosa fate in questa pianura ? nè mangiate, nè bevete, magro e lungo vi fate).

 

26)  SCINNIVU 'NTA UN JARDINU, CI TRUVAVU UN SIGNURINU, CI SBUTTUNAVU LU 'NNAPPUNI E MI NISCI' LU SAZIZZUNI.

 (Sono sceso in un giardino, vi ho trovato un signorino, gli ho aperto i pantaloni e mi ha uscito il salsiccione).

 

27)  LU RE L'AVI GROSSU, LU PAPA L'AVI CCHIU' GROSSU, MA LA REGINA CHIANCIA CA CCHIU' GROSSU LU VULIA .

 (Il re ce l'ha grosso, il papa ce l'ha più grosso, ma la regina piangeva perchè più grosso lo voleva).

 

28)  TALIA DDA', TALIA DDA' ! CHI CI PENNI A TO' PAPA' ?

 (Guarda là, guarda là, cosa gli pende a tuo papà ?)

 

29)  SUGNU FRIDDU PI NATURA MA A LA DONNA FAZZU BENI, SI M'ACCHIANA LA CALURA, FAZZU CHIDDU CHI CUNVENI.

 (Sono freddo per natura ma alla donna faccio bene, se mi assale la calura, faccio quello che conviene).

 

30)  HAIU 'NA COSA LONGA UN PARMU, CU A TESTA RUSSA CHI VA' SCULANNU.

 (Ho una cosa lunga un palmo, con la testa rossa e va scolando).

 

31)  LA BATISSA DI PIGNIPIGNAZZI, AVI LA TONACA PIZZI PIZZI,

     CU LI SPINGULI APPUNTATI, PI SARVARI LA VIRGINITATI.

 (La badessa di Pignipignazzi, ha la tunica tutta di pizzo, con gli spilli affilati, per salvare la verginità).

 

32)  SUPRA PILU, SUTTA PILU, JSA 'A GAMMA CA TA 'NFILU.

 (Sopra pelo, sotto pelo, alza la gamba che te la infilo).

 

33)  VIRDI NASCI, NIURU CRISCI,  RUSSU CAMPA, BIANCU FINISCI.

 (Verde nasce, nero cresce, rosso vive, bianco finisce).

 

34)  HAIU 'N'ARANCIA CA LU MUNNU FIRRIA, LA MANNU 'NTURCHIA E TORNA 'NTI MIA.

 (Ho una arancia che il mondo gira, la mando in Turchia e torna da me).

 

35)  L'ABBRAZZU, L'ACCARIZZU E LU PIZZICU CI FAZZU, IDDA CUNTU A MIA MI DUNA E IU CI CANTU LA CANZUNA .

 (L'abbraccio, l'accarezzo e il pizzico le faccio, lei ascolto mi dà e io le canto la canzone).

 

36)  TA 'NFILU 'NTO CULU, TA TRASU 'NTA VUCCA, TA ZZICCU 'NTE SCIDDI, TA METTU 'NTE MANI;

     E QUANNU CASDIU MA VIU ISARI,  MA SIDDU C'E' FRIDDU MA VIU CALARI.

 (Te lo infilo nel culo, te lo introduco nella bocca, te lo sistemo dentro le ascelle, te lo metto nelle mani,

e quando riscaldo me la vedo alzare, ma se c'è freddo me la vedo abbassare).

 

37)  C'E' UN VECCHIU CU LA VARBA BIANCA, SEMPRI SI MOVI E MAI SI STANCA.

 (C'è un vecchio con la barba bianca, sempre si muove e mai si stanca).

 

38)  C'E' UN GRAN CANNISTRU DI ROSI E DI SCIURI, LA NOTTI SI GRAPI E LU JORNU SI CHIUDI.

 (C'è un grande canestro di rose e di fiori, la notte si apre e il giorno si chiude).

 

39)  PRIMA MI ERA PATRI, ORA MI VENI FIGLIU, STU FIGLIU CHI NUTRICU E' MARITU DI ME MATRI.

 (Prima mi veniva padre, ora mi viene figlio, questo figlio che allevo è marito di mia madre).

 

40)  PIZZA AMMAZZA A BELLA, BELLA AMMAZZA A QUATTRU, SPARU A CU VIU E 'NZERTU A CU NUN VIU;

     ACQUA VIPPI NE' 'NCELU NE' 'NTERRA, CARNI MANCIAVU CU PALORI SCRITTI.

 (Pizza uccide a Bella, Bella uccide a quattro, sparo a chi vedo e colpisco a chi non vedo;

acqua ho bevuto nè in cielo e nemmeno in terra, carne ho mangiato con parole scritte).

 

41)  PETRU DI TUTTI LI PETRI, CA FACISTI LI PETRI : LONGHI, TUNNI E QUATRI;

     DI LI GRANA DI LI PETRI CHI FACISTI ?  - MI LI MANCIAVU CU LA BUTTANA DI TO' MATRI !

 (Pietro di tutte le pietre, che hai fatto le pietre: lunghe, rotonde e quadrate;

dei soldi delle pietre che ne hai fatto ?    -  Me li sono mangiati con la puttana di tua madre ! )

 

42)  DIMMI CU VIVI ACQUA E PISCIA VINU,

     DIMMI CU TI SALUTA DI LUNTANU,

     DIMMI CU SENZA PEDI FA CAMINU,

     DIMMI CU SI CURRUMPI E TORNA SANU.

     DIMMI CU VA' A SUNARI DI MATINU,

     DIMMI CU ETTA LI SPADDI A LU CHIANU;

     DIMMI CU MANNA FOCU DI CUNTINU

     E CU E' CA LUCI COMU JORNU CHIARU.

 Dimmi chi beve acqua e piscia vino,

dimmi chi ti saluta da lontano,

dimmi chi senza piedi fa il cammino,

dimmi chi si corrompe e ritorna sano.

Dimmi chi va a suonare di mattina,

dimmi chi poggia le spalle al piano;

dimmi chi manda fuoco in continuazione

e chi si illumina come giorno chiaro.

 

43)  BONGIORNU E CAPUD'ANNU, SUGNU CHIDDU D'OGGI ALL'ANNU, VI LA SONU PURU AGUANNU ?

 (Buongiorno a Capo d'Anno, sono quello dell'anno scorso, ve la suono pure quest'anno ?)

 

44) AVI LA  VARBA LA MISCHINEDDA, PO' SI MARITA E FA LA RICUTTEDDA.

 (Ha la barba la meschina, poi si sposa e fa la ricottina).

 

45)  SI NUN MI MOVU SUGNU FIMMINA,  SI MI MOVU SUGNU MASCULU.

 (Se non mi muovo sono femmina, se mi muovo sono maschio).

 

46)  BELLU A VIDIRI, CARU A 'CCATTARI, INCHILU DI CARNI E LASSALU STARI.

 (Bello a vedersi, caro a comprarlo, riempilo di carne e lascialo stare).

 

47)  LU FIGLIU INGRATU VASTUNIA A SO' MATRI.

 (Il figlio ingrato bastona sua madre).

 

48)  QUAL E' 'DDA COSA, CA CU LA FA, LA FA PI VINNILA, CU L'ACCATTA NUN CI SERVI  E A CU CI SERVI NUN LA VIDI ?

(Qual è quella cosa, che chi la fa,  la fa per venderla, chi la compra non gli serve e colui al quale serve non la vede).

 

49)  E' TUNNU E UNN'E' MUNNU,  E' VIRDI E UNN'E' ERBA,  E' RUSSU E UNN'E' FOCU.

 (E' rotondo e non è mondo, è verde e non è erba, è rosso e non è fuoco).

 

50)  MI SCANTU A PIGLIALLA, MI SCANTU A TUCCALLA, CI TAGLIU LA TESTA, CI TAGLIU LA CUDA,

     E VIDU DDA' INTRA, 'NA BEDDA SIGNURA.

 (Ho paura a prenderla, ho paura a toccarla, le taglio la testa, le taglio la coda,

e vedo lì dentro, una bella signora).

 

51)  'NTERRA NASCI, 'NTERRA CRISCI, FA LU FRUTTU E NUN SCIURISCI.

 (In terra nasce, in terra cresce, fa i frutti e non fiorisce).

 

52)  NASCI CU LI CORNA, CAMPA SENZA CORNA E MORI CU LI CORNA.

 (Nasce con le corna, vive senza corna e muore con le corna).

 

53)  HAIU 'NA BELLA QUALITA', PIACIU A TUTTI LI PIRSUNI, ORA CCA', ORA DDA', CANCIU SEMPRI LU PATRUNI.

 (Ho una bella qualità, piaccio a tutte le persone, ora quà, ora là, cambio sempre il padrone).

 

54)  QUAL E' DDA COSA CA QUANNU E' CCHIU' CASDA E' CCHIU' FRISCA ?

 (Qual è quella cosa ch equando è più calda è più fresca ?)

 

55)  SUGNU ARRIDDUTTU SULU PEDDI E OSSA, STAIU APPUIATU A UN DEBULI VASTUNI,

     'NTI LU 'MMERNU MI STIRANU L'OSSA E 'NTI L'ESTATI MI ETTANU ALL'AGNUNI.

 (Sono ridotto solo pelle e ossa, sto appoggiato a un debole bastone,

nell'inverno mi stirano le ossa e nell'estate mi buttano in un angolo).

 

56)  A LU SULI ARRIMODDA E ALL'ACQUA SI FA TISA.

 (Al sole diventa molle e all'acqua si fa tesa).

 

57)  CU E' DDU STORTU CA TAGLIA LI GAMMI A LI DIRITTI ?

 (Chi è quello storpio che taglia le gambe dritte ?)

 

58)  SUGNU SICCA, LONGA E BEDDA E HAIU 'NTESTA 'NA FIAMMEDDA,

     BRILLU SEMPRI E UNN'HAIU FUMU, MA A PICCA A PICCA MI CUNSUMU.

 (Sono secca, lunga e bella e ho in testa una fiammella,

brillo sempre e non ho fumo, ma a poco a poco mi consumo).

 

59)  CI SUNNU NOVI FRATI DINTRA UN PARU DI CAZI.

 (Ci sono nove fratelli dentro un paio di calzoni).

 

60)  QUAL  E' 'DDA COSA CA ANCHI SI CURRI STA FERMA ?

 (Qual è quella cosa che anche se corre sta ferma ?)

 

61)  SU' DI SPINI 'NCURUNATU, SU' BATTUTU E SFRACILLATU,

     NUN SUGNU OMU E MANCU DIU, MA SI VEGNU ALL'ESSIRI MIU, ADDIVENTU VERU DIU.

(Sono di spine incoronato, sono battuto e sfracellato,

non sono uomo e nemmeno Dio, ma se vengo all'essere mio, divento vero Dio).

 

62)  LU CULU 'NTA LA PETRA, LA FACCI 'NTA LU CULU E LI MANI 'NTI LI MINNI.

 (Il culo sulla pietra, la faccia nel culo e le mani sulle mammelle).

 

63)  IU E TU 'NN'AVEMU TANTI E SI VIDI GIORNALMENTI,

     'NN'HANNU PICCA LI RIGNANTI, ANCHI SIDDU SU' PUTENTI;

     'NN'HANNU ASSA' L'ANGILI E SANTI,  SULU DIU UNN'AVI NENTI.

 (Io e tu ne abbiamo tanti e si vede giornalmente,

ne hanno pochi i regnanti, anche se sono potenti;

ne hanno assai gli angeli e i santi, solo Dio non ne ha niente).

 

64)  VURRIA SAPIRI QUALE' DDA COSA CA JORNU E NOTTI MAI S'ARRIPOSA.

 (Vorrei sapere qual è quella cosa che giorno e notte mai si riposa).

 

65)  ME' PATRI SENZA MATRI FICI A MIA, MI FICI 'NTI 'NA GRAN FILICITATI,

     VINNI 'NA DONNA A 'NCUNTRARI A MIA, MI FICI FIGLI DI MATRI E DI PATRI.

     E LI ME FIGLI GRAPERU LA VIA E FICIRU LA MATRI DI ME PATRI.

 (Mio padre senza madre ha fatto me, mi ha fatto in una grande felicità,

venne una donna ad incontrare me, mi ha fatto figli di madre e di padre.

e i miei figli hanno aperto la via e fecero la madre di mio padre).

 

66)  HAIU UN PIRTUSU MA FAZZU TANTI PIRTUSA.

 (Ho un buco ma faccio tanti buchi).

 

67)  LU PAPA 'NN'AVI UNU, LU VISCUVU VIDE', LA FIMMINA BAGGIANA 'NNI VOLI ALMENU SE' .

 (Il papa ne ha uno, il vescovo pure, la femmina vanitosa ne vuole almeno sei).

 

68)  LU VISCUVU DI MILANU NOTTI E JORNU L'AVI 'MMANU.

 (Il vescovo di Milano notte e giorno ce l'ha in mano).

 

69)  HAIU UN PALAZZU CU DUDICI PORTI,  OGNI PORTA TRENTA TOPPI,

     OGNI TOPPA VINTIQUATTRU CHIAVI.

(Ho un palazzo con dodici porte, ogni porta trenta serrature,

ogni serratura ventiquattro chiavi).

 

70)  A LI GIUVINI GALANTI LI TALIA E CI STA DAVANTI,

     CU LA SO' BEDDA DUCIZZA, SEMPRI TOCCA ED ACCARIZZA.

 (Ai giovani eleganti li guarda e ci sta davanti,

con la sua bella dolcezza, sempre tocca ed accarezza).

 

71)  DINTRA 'NA GRUTTICEDDA C'E' 'NA CAMMAREDDA,

     CHINA DI SIGGITEDDI E MMEZZU C'E' LA MUNACHEDDA.

 (Dentro una piccola grotta c'è una cameretta,

piena di sedioline e in mezzo c'è la monachella).

 

72)  AVI LU CODDU E UNN'AVI TESTA,  AVI LI VRAZZA E UNN'AVI MANI,

     AVI LA PANZA E UNN'AVI MUDDICU, AVI LU CULU E UNN'AVI PIRTUSU.

 (Ha il collo e non ha testa, ha le braccia e non ha mani,

ha la pancia e non ha ombelico, ha il culo e non ha buco).

 

73)  CCIAIU DINTRA CINCU ANCIDDI, TUTTI QUANTI MINUTIDDI,

     UNA 'NFILA E UNA 'SFILA, FANNU BENI LA SO TILA;

     E LU SACCU QUANNU E' CHINU, POSA 'NTERRA E FA CAMINU.

 (Ho dentro cinque anquille, tutte quante minutine,

una infila e una sfila, fanno bene la loro tela;

e il sacco quando è pieno, poggia a terra a fa cammino).

 

74)  LA ETTU DI 'NA MUNTAGNA E NUN SI RUMPI, LA ETTU 'NTALL'ACQUA E SI RUMPI.

 (La butto da una montagna e non si rompe, la butto nell'acqua e si rompe).

 

75)  SUGNU TALIANU DI LA LOMBARDIA, LA 'NDUVINATI LA CITTA' MIA ?

     IU VI LU DICU, NUN LU 'NZIRTATI ?  COMU SI CHIAMA STA BEDDA CITATI ?

 (Sono italiano della Lombardia, la indovinate la città mia ?

io ve lo dico, non lo indovinate ? come si chiama questa bella città ?)

 

76)  'NTALL'ACQUA NASCI, 'NTALL'ACQUA CRISCI, VIDENNU L'ACQUA IDDU SPARISCI.

 (Nell'acqua nasce, nell'acqua cresce, vedendo l'acqua lui sparisce).

 

77)  OH CHI COSA MAMMA MIA ! PRIMA IU STAVA DINTRA LU PATRUNI,

     ORA LU PATRUNI STA DINTRA DI MIA !

 (Oh che cosa mamma mia ! prima io stavo dentro al padrone,

ora il padrone sta dentro di me).

 

78)  SEMU DU SORU E CCIAVEMU UN PATRUNI, SEMPRI CU IDDU STAMU S'E' SANU;

     MA SI PI SORTI E' A LETTU 'U PATRUNI, PANZI VACANTI ! E RISTAMU ALL'AGNUNI .

 (Siamo due sorelle e ci abbiamo un padrone, sempre con lui stiamo se è sano;

ma se per sorte è a letto il padrone, pance vuote! e rimaniamo in un angolo).

 

79)  IU NASCIVU 'NTI 'NA FURESTA, HAIU LI GAMMI E UNN'HAIU TESTA,

     A LI BEDDI E A LI BRUTTI, VAIU TUCCANNU LU CULU A TUTTI.

 (Io sono nato in una foresta, ho le gambe e non ho testa,

alle belle e alle brutte, vado toccando il culo a tutti).

 

80)  HAIU LU SENSU MIU TRAVIATU TANTU, CA 'NTEMPU UN'URA MI FIRRIU LU MUNNU,

     HAIU FIRRIATU ROMA CU PALERMU E M'ARRITROVU A LU LOCU UNNI SUGNU.

 (Ho il senso mio sconvolto tanto, che in tempo di un'ora mi giro il mondo,

Ho girato Roma con Palermo e mi ritrovo nel luogo dove sono).

 

81)  IVU A MILANU, PURTAVU UN PARMU DI ROBBA 'MMANU,

     CI LA PURTAVU A LA ME SPUSA E CI L'APPIZZAI 'NTA LA PILUSA.

 (Sono andato a Milano, ho portato un palmo di stoffa in mano,

glielo portata lla mia sposa e glielo attaccata nella parte pelosa).

 

82)  TI LA DICU E TI LA RIDICU,  TI LA DICU ARRE' DI NOVU,  'NTA LA DONNA TI LA TROVU.

 (Te la dico e te la ridico, te la dico ancora di nuovo, nella donna te la trovo).

 

83)  SUGNU FRIDDA PI NATURA, ME MARITU MI QUADIA,

     A LA NOTTI M'ABBANNUNA, MA A LU JORNU STA CU MIA.

(Sono fredda per natura, mio marito mi riscalda,

nella notte mi abbandona, ma di giorno sta con me).

 

84)  OH CHI SCIAVURU DI TUMAZZU, OH CHI SCIAVURU DI STUFATU !

     VAIU LESTU PI MANCIARI E MI TROVU CARZARATU.

 (Oh che odore di formaggio, oh che odore di stufato !

vado svelto per mangiare e mi trovo carcerato).

 

85)  C'ERA UN DU' PEDI CA AVIA UN PEDI, LU DU' PEDI S'ASSITTA' SUPRA UN TRI PEDI;

     VINNI UN QUATTRU PEDI CA VULIA LU PEDI, SI SUSI' LU DU' PEDI E CI TIRA' LU TRI PEDI !

 (C'era un due piedi che aveva un piede, il due piedi si è seduto sopra un tre piedi;

è venuto un quattro piedi che voleva il due piedi, si è alzato il due piedi e gli ha tirato il tre piedi !)

 

86)  PIGLIA 'SS'ALI E SALA 'SS'ALI, SI NUN SALI 'SS'ALI, 'SS'ALI FETINU !

 (Prendi queste ali e sala queste ali, se non sali queste ali, queste ali puzzano !)

 

87)  MISSA E MISSALI, PARRINU DI CASALI, DINARI TRENTA, PURCIDDATA QUARANTA,

     VA' PI L'ARMA DI LA VOSTRA JUMENTA.   

 (Messa e messale, prete di casale, denari trenta, buccellati quaranta,

vanno per l'anima della vostra giumenta). 

    

88)  FARFALLI, FARFALLINI E FARFALLUNI, VONNU DINARI E SENZA CALUNII.

 (Farfalle, farfalline e farfalloni, vogliono denari e senza scuse).

 

89)  LU SCRIVI SUPRA LA CARTA O AGGRUPPI UN FAZZULETTU,

     MA SI NUN SI' FIDILI, CI APPIZZI LU RISPETTU.

 (Lo scrivi sopra la carta o annodi un fazzoletto,

ma se non sei fedele, ci perdi il rispetto).

 

90)  NUNN'HAIU ACQUA E VIVU ACQUA, SI ACQUA AVISSI, VINU VIVISSI.

 (Non ho acqua e bevo acqua, se acqua avessi, vino berrei).

 

91)  SUGNU LONGU E SUGNU TUNNU, SUGNU MORTU E SPIRTUSATU,

     MA RISUSCITU E RISPUNNU, SI MI DUNI LU TO' SCIATU.

 (Sono lungo e sono rotondo, sono morto e bucato,

ma risuscito e rispondo, se mi dai il tuo fiato).

 

92)  LUNTANU MI FASTORNA, VICINU MI PIACI, UNN'E' FOCU C'ABBRUSCIA, MA NUN MI FA STARI IN PACI.

 (Lontano mi fastorna, vicino mi piace, non è fuoco che brucia, ma non mi fa stare in pace).

 

93)  UN PARMU 'NN'HAIU, UN PARMU 'NNI VURRIA, SEMPIRI DI CARNI IU LA INCHIRIA.

 (Un palmo ne ho, un palmo ne vorrei, sempre di carne io la riempirei).

 

94)  CAMPANEDDA SAPURITA, SI LA MANCIA LA ME ZITA.

 (Campanella saporita, se la mangia la mia fidanzata).

 

95)  LU SAGRISTANU DI LA CHESA MATRICI, SONA LI CAMPANI QUANNU TU LU DICI,

     E' UN RAGIUNERI PUNTUALI E PIRFETTU CA T'ASSICUTA QUANNU SI' A LETTU.

 (Il sagrestano della chiesa Madrice, suona le campane quando tu lo dici,

è un ragioniere puntuale e perfetto che ti insegue quando sei a letto).

 

96)  SI L'ASPETTI, SEMPRI VENI, MA PO' QUANNU SI NNI VA', DI SICURU UN VENI CCHIU'.

 (Se l'aspetti sempre viene, ma poi quando se ne va, di sicuro non viene più).

 

97)  LU BUSTU DI LIGNU, LA PANZA DI PEDDI, E VA' CANTANNU VANEDDI VANEDDI.

 (Il busto di legno, la pancia di pelle e va cantando in mezzo alle strade).

 

98)  SO' PATRI NUN C'ERA E MANCU SO' NANNU E QUANNU SI MARITA', UNN'AVIA MANCU UN ANNU.

 (Suo padre non c'era e nemmeno suo nonno e quando si è sposato, non aveva nemmeno un anno).

 

99)  SIA DI JORNU CA DI NOTTI, SIA A LU LUSTRU CA A LU SCURU,

     ANCHI FERMU GIRA 'NTUNNU, CU LI SPADDI SEMPRI A MURU.

 (Sia di giorno ch edi notte, sia alla luce che al buio,

anche fermo gira intorno, con le spalle sempre al muro).

 

100) SBOCCIANU COMU LI FUNCI, QUANNU 'U SIGNURI CHIANCI.

 (Sbocciano come i funghi, quando il Signore piange).

 

101) UNN'E' SURDATU E PORTA LA SPATA E FINA CHI CAMPA SEMPRI SPATULIA.

 (Non è soldato e porta la spada e fino a che vive sempre la agita).

 

102) QUANNU E' FRIDDU E' ADDUMATU, QUANNU E' CASDU E' ASTUTATU.

 (Quando è freddo è acceso, quando è caldo è spento).

 

103) CU LA VUCCA CANTA, E CU LU CULU S'ACCUMPAGNA.

 (Con la bocca canta, e con il culo si accompagna).

 

104) TICCHI TICCHI DUMANI PARTU, TICCHI TICCHI AFFARI FATTU,

     TICCHI TICCHI ARRIVU FILICI, TICCHI TICCHI SALUTU L'AMICI.

 (Ticchi ticchi domani parto, ticchi ticci affare fatto,

ticchi ticchi arrivo felice, ticchi ticchi saluto gli amici).

 

105) DU' LA TENNU E IU MI LA GODU, MA A IDDA ASSA' CCI ABBRUSCIA.

 (Due la tengono e io me la godo, ma a lei assai le brucia).

 

106) QUANNU FRISCA POVIRU ME', CH'E' 'NCAZZATU 'U ZU' MATTE'.

 (Quando fischia povero me, com'è arrabbiato lo zio Matteo).

 

107) FOFU E' ALL'ERTA 'NTRA LI FRASCHI, FIFU CERCA CU LI NASCHI.

 (Alfonso è all'erta tra i cespugli, Fifo cerca con il naso).

 

108) CU UN PISEDDU DI CIRIVEDDU, PARLA E UN SAPI ZOCCU DICI.

 (Con un pisello di cervello, parla e non sa quello che dice).

 

109) LI CIMI DI SUTTA E LU ZUCCU DI SUPRA.

 (Le cime di sotto e il tronco di sopra).

 

110) DI CINCU FRATI UNU SULU PORTA LU CAPPEDDU.

 (Di cinque fratelli uno solo porta il cappello).

 

111) SUPRA LU 'NZIPITI 'NZIPITI PIZZU,  C’ERA ‘N’ACEDDU CHI ‘NZIPITIAVA  E NOTTI E JORNU MAI SI ZITTIA.

 (Sopra lo nzipiti nzipiti pizzo, c'era un uccello che nzipitiava e notte e giorno mai stava zitto).

 

112) 'NZIRTATIMI CU E', CA CI VOTA LU CULU A LU RE'.

 (Indovinatemi chi è, che ci gira il culo al re).

 

113) TRIC TRAC PATRI CANNEDDA, QUATTRU ADDIVUZZI CU LA CAMMISEDDA.

 (Tric trac padre cannella, quattro bambini con la camicina).

 

114) CARCOCCIULA CU QUARANTA FOGLI, CCHIU' ARRIMINI E CCHIU' LA 'MBROGLI,

     SPIZZICANNU SPIZZICANNU, TI LA SPASSI TUTTU L'ANNU.

 (Carciofo con quaranta foglie, più mescoli e più li imbrogli,

spizzicando spizzicando, te la spassi tutto l'anno).

 

115) CU LI SPADDI A LU MURU PARLA, CU LA FACCI A LU MURU NUN PARLA. 

 (Con le spalle al muro parla, con la faccia al muro non parla).

 

116) CU LA VUCCA RISULIDDA TI DUGNU A MANCIARI,

     SI CERCHI PANI NUN NI SACCIU FARI,

     SI CERCHI PASTA NUN NI SACCIU 'MPASTARI,

     SI CERCHI PULENTA NUN SACCIU ARRIMINARI,

     CU LA VUCCA RISULIDDA TI FAZZU MANCIARI.

 (Con la bocca sorridente ti dò da mangiare,

se cerchi pane non ne sò fare,

se cerchi pasta non ne sò impastare,

se cerchi polenta non so mescolare,

con la bocca sorridente ti faccio mangiare).

 

117) 'NTANTARANTA' 'NTANTARANTA', UNNI LA METTU SEMPIRI STA.

 (Ntantarantà ntantarantà, dove la metto sempre sta).

 

118) QUANNU IDDU VENI, IDDA SI 'NNI VA',  QUANNU VENI IDDA, IDDU SI 'NNI VA' .

 (Quando lui viene, lei se ne va, quando viene lei, lui se ne va).

 

119) CU MANCIA L'AVA' FARI, CU VIVI L'AVA' FARI, E SEMPRI L'AVA' FARI, CU VOLI ASSA' CAMPARI.

 (Chi mangia la deve fare, chi beve la deve fare, e sempre la deve fare, chi vuole assai campare).

 

120) IU NUDU E TU 'NCAMMISA, A MIA M'AVVAMPA E A TIA T'ATTISA.

 (Io nudo e tu in camicia,a me mi avvampa e a te diventa rigida).

 

121) APPIZZA, MUZZICA E MORI.

 (Si attacca, morde e muore).

 

122) 'NTA LU JARDINU DA ZA TINA, C'E' 'NA BEDDA SIGNURINA, E' VISTUTA DI VIULETTU E AVI UN VIRDI CAPPILLETTU.

 (Nel giardino della zia Tina, c'è una bella signorina, è vestita di violetto e ha un verde cappellino).

 

123) DU “O” E QUATTRU “I”,  'NA CASCIATA E UN PIRIPIPI'.

(Due O e quattro I, un cassone e un piripipì).

 

 

- Se non li avete indovinati ora ve li indovino io....... perchè li sò tutti !  Parola di Albert Einstein.

 

 

SOLUZIONI DEGLI INDOVINELLI

 

1)  La mano nella tasca.   2)  Il vaso da notte.  3)  La mucca.   4)  La sedia.   5)  La chiave .

6)   L'occhio.   7)  La forbice.   8)  Il gallo.   9)  La bocca, i denti e la lingua.  10) La pasta dentro alla pentola.   11) La campana della Chiesa.   12) Le tegole dei tetti.   13) E' un modo antico di fare la pasta in casa.  La pasta (la za'  Cicca)   si distende;  la sbria o sbriuni (lu zu' Cola) arnese  in legno per  impastare, entra ed esce dall'impasto producendo un rumore caratteristico (lu giuchitigiu').   14) Le lenzuola.   15) La strada.   16) Il pane nel forno.  17) La carta, l'inchiostro e la persona che scrive.   18) La chiave nella serratura.  19) La corona del rosario.   20) La candela.   21) A nessuna può morire il marito poiché sono tutte e tre  signorine.   22) Il melograno .   23) Le dita delle mani e dei piedi.  24) L'ostia che da' il prete durante la comunione.   25) L'asparago.   26) Il granoturco.   27) L'anello.   28) L'orologio da taschino.  29) Il ferro da stiro.   30) La candela.   31) Il carciofo.   32) La calza di lana.   33) Il carbone.  34) Il sole.   35) La chitarra.   36) Il termometro.   37) Il mare.   38) Il cielo.

39) Una donna va' a trovare il padre in carcere e per sfamarlo lo allatta con il latte del proprio seno.

40) Un uomo estroverso e stravagante va' in giro per il mondo con un fardello dove tiene alcune cose. Entrando in una Chiesa lascia il   fardello fuori, ma all'uscita si accorge che un cane gli aveva mangiato  una pizza avvelenata che gli sarebbe servita durante la caccia. Quattro corvi mangiano il cane morto e muoiono a loro volta. Poi beve l'acqua   dentro un lampadario di una chiesa e mangia una lepre che aveva uccisa   arrostendola con carta di giornale. "Bella" é il nome del cane.

41) Un figlio chiede al padre, che di mestiere fa lo spaccapietre, cosa ne faccia dei soldi guadagnati. Il padre risponde che li spende assieme alla moglie per soddisfare le esigenze della famiglia.

 

42) La viti vivi acqua e piscia vinu,

    l'amicu ti saluta di luntanu,

    la littra e' senza pedi e fa caminu,

    lu mari si currumpi e torna sanu.

    Lu sagristanu sona di matinu,

    lu mortu etta li spaddi a lu chianu,

    lu suli manna focu di cuntinu,

    la luna luci comu jornu chiaru.

La vite beve acqua e dà il vino

l'amico ti saluta da lontano,

la lettera è senza piedi a fa cammino,

il mare si agita e torna calmo,

Il sagrestano suona di mattina,

il morto butta le spalle alla terra,

il sole manda fuoco in continuazione,

la luna luccica come giorno chiaro.

43) La cornamusa.   44) La capra.   45) L'aria e il vento.   46) L'anello.  47) Il battaglio della campana.   48) La cassa da morto.   49) Il melone.   50) Il fico d’India.   51) Il fungo.  52)  La luna.   53)  Il denaro.   54)  Il pane .   55)  L'ombrello.   56)  La corda.   57)  La falce.   58)  La candela.   59)  L'arancia.   60)  Il rubinetto. 61)  Il grano. E' evidente l'analogia tra le fasi della lavorazione del grano e la Passione di Gesù Cristo. La spiga piena di spine viene falciata, battuta ed i chicchi, macinati. Infine con la farina, oltre al  pane, si possono preparare le ostie, che dopo la consacrazione rappresenteranno Dio. 62)  Il pastore mentre munge una pecora.   63)  Propri simili.   64)  Il fiume.   65)  Adamo ed Eva. (E' Adamo che parla) .   66)  L'ago.   67)  L'anello.   68)  L'anello.   69)  Anno, mesi, giorni, ore. 70)  Il barbiere.   71)  La bocca, i denti e la lingua.   72)  La quartàra.   73)  La calza.  74)  La carta. 75)  Como.   76)  Il sale.   77) Il budello per fare la salsiccia.   78)  Le scarpe.   79)  La sedia.   80)  Il sogno.   81)  Il fermaglio per capelli.   82)  La tela.   83)  La terra e il sole.   84)  Il topo in trappola. 85)  Un uomo (du' pedi), aveva uno zampone (un pedi) che si apprestava a mangiare. Si siede sopra un treppiede (tri pedi) e nel frattempo arriva un cane (quattru pedi) che voleva strappargli lo zampone. L'uomo gli  tira addosso il treppiede. 86)  Questo indovinello che è quasi uno scioglilingua è originario della cittadina di Cianciana. In italiano si può cosi'  tradurre: "Prendi queste ali e sala queste ali; se non sali queste  ali, queste ali puzzeranno". La frase è rivolta da un marito alla propria moglie che teneva in casa da qualche giorno alcune ali pollo senza cucinarle. Quindi, l'invito a mettere sotto sale le ali, era          necessario affinché le stesse non andassero  a male. 87)  Un uomo era talmente affezionato alla propria giumenta, che quando questa gli è morta, ha addirittura pensato di fargli celebrare una   messa di suffragio, rivolgendosi al parroco del paese. Il prezzo che ha  dovuto pagare è stato di trenta denari, più quaranta buccellati. La frase, poi, è stata pronunciata dal parroco durante la sua predica. 88)  Le cambiali.   89)  L'appuntamento.   90)  Il mugnaio che lavora con il mulino ad acqua.   91)  Lo zufolo di canna.   92)  L'amore.   93)  La scarpa.   94)  La pera.   95)  La sveglia.   96)  Il tempo.   97)  Il tamburo.   98)  Eva.   99)  L'orologio da parete.   100) Gli ombrelli.   101) Il pesce spada.   102) Il frigorifero.   103) L'asino che raglia.   104) Il telegrafo.   105) La sigaretta tra le dita.   106) Il vigile urbano.   107) Il cacciatore e il suo cane.   108) Il pappagallo.   109) La scopa.   110) Il dito con il ditale.   111) L'orologio del municipio.   112) Il cocchiere sulla carrozza.   113) La noce aperta.   114) Un mazzo di quaranta carte.   115) Il manifesto murale.   116) Il riso.   117) La scopa. 118) Il giorno e la notte.   119) Il bisogno fisiologico.   120) Il ferro da stiro e la camicia.   121) La vespa.   122) La melanzana.   123) (Carretto e carrettiere): Due ruote, quattro zampe della mula, il cassone del carretto e il carrettiere che lo conduce.

TORNA INDIETRO