VIVA SAN CALO’

                              (Testo e musica di Giovanni Moscato)

 

              Pi stu gran Santu ca fa milli grazii vogliu canta  - ri,

              Re-                                                      La7    Re-

  pi farivilla un si fa prigari, basta canta  - ri.

         Sol-                Re-                La7  Re-

              Viva viva viva viva, viva viva San Calò…(2 VOLTE)

                      Sol-          Re-          La7          Re-

Rosa ch’è zita e s’avà maritari, avà priga  - ri,

                                                       La7  Re-

Peppi lu zoppu voli guariri avà canta  - ri.

             Sol-             Re-          La7  Re-

              Viva viva…ecc………………………….(2 VOLTE)

E quannu passa la prucissioni, supra la vara lu pani ha ghittari,

               La7               Re-                La7                        Re-

pi chistu santu nivuru e beddu, ca ‘nni pruteggi e ‘nni voli beni.

             Sol-               Re-                  La7                      Re-

E tutti ‘i jorna l’amà prigari, da caristia ‘nn’avà salvari,

             Sol-            Re-          Sol-                     Re-

prumissi e sciuri cciamà purtari a chistu Santu ch’è San Calò.

             Sol-                   Re-               La7                   Re-

            Viva viva…ecc……………………………(2 VOLTE)

San Caloiru di Naru fa li grazii a migliaru,

                                        La7              Re-

San Caloiru di Giurgenti fa li grazii pi nenti,

                                          La7         Re-

San Caloiru di Canicattì ‘nni fici una e si ‘nni pintì.

        Sol-                R            La7              Re-

San Caloiru da marina fa ‘na grazia ogni matina,

                                           La7                Re-

San Caloiru di Bivona fa li grazii a chidda bona,

                                        La7                 Re-

San Caloiru di Grutti mangia, vivi e si ‘nni futti.

        Sol-        Re-               La7               Re-

Viva viva…ecc………………………………….. (2 VOLTE)

______________________________________________________________________________________

E’ un canto, ove ben coesistono, sia  il sacro che il profano,  composto dall’agrigentino Giovanni Moscato, autore tra l’altro  di tanti brani siciliani, tra i quali: “’A cammaratisa”, “Stidda d’amuri”, “Lu cantu di lu pisciaru”,Agrigento da sempre”, “Bedda vastasata”, ecc. E’ notoria la devozione degli agrigentini  per San Calogero, santo nero, che è il protettore e il Patrono di molti paesi siciliani. Allo stesso, ogni anno vengono offerti immensi tesori, costituiti da gioielli ed ex- voto per “Grazia ricevuta” e vengono organizzate solenni processioni, dove ben si fondono sia la fede, che la tradizione,  tra una marea di folla che grida, prega, getta il pane, o esulta per un grande santo, che sembra anche simpaticamente disposto, a farsi schernire dai propri fedeli, come in questa orecchiabile canzone

Ottime interpretazioni discografiche del canto, sono:  quella del Gruppo “I Dioscuri”, che, servendosi anche di tamburi ha saputo ricreare l’atmosfera della festa al Santo, che, ad Agrigento, si svolge ogni anno a luglio e quella del noto cantante Gian Campione, vero ambasciatore della musica popolare, che contribuisce molto a far conoscere il folklore agrigentino nel mondo.

TORNA INDIETRO