SCIOGLILINGUA

Uno dei divertimenti preferiti dalla gente di Sicilia è stato sempre quello di mettere qualcuno in difficoltà, proponendogli la recita di qualche scioglilingua. Come afferma la stessa parola, gli scioglilingua richiedono una notevole destrezza di linguaggio e non sempre è facile potervi riuscire, specie quando la declamazione deve essere fatta con una certa velocità e ripetuta varie volte in successione. 

L'ilarità dei presenti è quasi sempre garantita dalla mescolanza di varie parole simili che recitate una dietro l'altra, provocano spesso, confusione e generano il più delle volte altre parole, non comprese nello scioglilingua. Molte di queste parole, involontariamente pronunciate, hanno tante volte, un significato un po' "osè" o contrario alla morale.

Ma con i tempi che corrono, sicuramente nessuno si scandalizzerà più di tanto, nell'ascoltare qualche "spinto" scioglilingua, ma, anzi, se ne farà sicuramente quattro risate.

E d'altronde, se non fosse cosi', mancherebbe senz'altro quel fascino che provoca la recita di questi simpatici versi, che oltre a sciogliere veramente la lingua, servono, come nei tempi passati, a rallegrare qualche comitiva di persone o a chiudere in bellezza un riuscito "schiticchio" .

Negli scioglilingua non si intravede alcuna malizia, quando si ascolta qualche parola "proibita" e pertanto, se ne riportano alcuni tra i più conosciuti nel territorio di Ribera e che negli anni passati, avranno sicuramente, fatto divertire i nostri antenati.

 

'U principi di Sticchi, Sticchetti e Cavigliuna

manna' a Napuli pi sticchi, sticchetti e cavigliuna.

Cca' nun c'eranu sticchi, sticchetti e cavigliuna ?

ca lu principi di Sticchi, Sticchetti e Cavigliuna

manna' a Napuli pi sticchi, sticchetti e cavigliuna ?

 

 

'A regina di Chiappazzi manna' a Napuli pi tazzi,

nun ci su' tazzi e catazzi

ca 'a regina di Chiappazzi manna' a Napuli pi tazzi ?

 

 

Piddu pidduzza, 'nta vanidduzza, chi s'arripezza un pezzu di pezza.

Piddu pidduzza arripezza la pezza

e mentri arripezza lu vidi a 'gna Tuzza.

Piddu pidduzza 'nta vanidduzza, ora arripezza assiemi a 'gna Tuzza.

 

 

Crapa tinta caca 'ntimpa; 'ntimpa caca tinta crapa.

Crapa zzoppa caca 'ncoppa, 'ncoppa caca zzoppa crapa.

 

 

Cci vonnu tri stroppi di siccu olivastru,

pi cucinari tri testi di crastu,

stroppi, olivastru e testi di crastu

intra tri testi di crita du Castru.

 

 

Jennu 'u patruni cugliennu cuttuni, donna Mattia cuttuni cuglia,

cuttuni cuglia donna Mattia, jennu 'u patruni cugliennu cuttuni.

 

 

Curri currennu cugliennu muluna, 'nti la terra di cunigliuna;

c'eranu tavuli e tavuluna, curri currennu cugliennu muluna.

 

 

Ivu a cogliri pitrusicchiu 'nti lu vostru virdi orticchiu,

ca si c'era 'nti lu me' orticchiu, nun vinia a pitrusicchiu.

 

 

Ivu a la putia di mastru Gilormu

pi cunzari lu catu a lu funnu,

mastru Gilormu nun lu truvai

e lu funnu a lu catu nun lu cunsai.

 

 

'A crapa strippa, 'a braca scippa ,

scippa a braca, a crapa strippa.

 

 

Mi spia' cu siti vui

e vui cu siti ci dissi iu,

iu sugnu mi dissi idda.

 

 

Intra un pirtusu di muru c'è un pedi di cavulu cruru,

chi fa ddu pedi di cavulu cruru intra un pirtusu di muru ?

 

 

A ddi tempi 'nnarreri 'u ruccuni

c'era un vecchiu, vicchiazzu, vicchiuni,

chi cugliva stincazzi e stincuni.

Chi cugliti, vicchiazzu, vicchiuni

'nta ssi timpi arreri 'u ruccuni ?

Cogliu stinchi, stincazzi e stincuni.

 

 

Tri sciaschi stritti 'ntra tri stritti sacchi stannu

ed ogni sciascu strittu 'nta un strittu saccu stava.

 

 

A partasa da cala da mala,

e pertese de chele de mele,

i pirtisi di chili di mili,

o portoso do colo do molo,

u purtusu du culu du mulu.

 

 

Grapi lu stipu e piglia lu spicchiu,

posa lu spicchiu e chiudi lu stipu.

 

 

Fazzulettu picciuttiscu, picciuttiscu fazzulettu,

picciuttiscu fazzulettu, fazzulettu picciuttiscu.

 

 

Sutta un palazzu c'e' un cani pazzu,

tè pazzu cani stu pezzu di pani.

 

 

Sutta un matarazzu, lassai tri fila di cannavazzu,

truvai tri fila di cannavazzu sutta un matarazzu.

 

 

Sutta 'u ponti di Milazzu, Tuzza cogli ramurazzu,

si lu 'nfascia a mazzi a mazzi e si linchi li matarazzi.

 

 

'U papa pisa e pista 'u pipi,

'u pipi pista e pisa 'u papa.

 

TORNA INDIETRO