I  PROVERBI

Si riportano alcuni tra i più popolari proverbi che, tramandati a voce fin dai tempi più remoti, oggi costituiscono un immenso patrimonio, dal quale si può attingere

un proficuo insegnamento e si può meglio capire, di quali e quante situazioni è costellato il nostro vivere quotidiano.

I proverbi sono una lezione di vita, un oracolo che anticipa qualche evento, o un bagaglio di suggerimenti indirizzati ai vari comportamenti della gente.

Spesso sono una verità quasi assoluta. A tal proposito ricordo il noto detto che da secoli afferma "Il proverbio non sbaglia mai".

Il popolo siciliano si ritrova oggi una grande quantità di proverbi e detti popolari, che di tanto in tanto, nei discorsi della gente,

spesso vengono citati, per meglio evidenziare una particolare situazione, o una improvvisa circostanza, dando più forza al senso di un discorso.

L'illustre studioso di Cultura Popolare Siciliana Giuseppe Pitrè, affermava anni fa, che i proverbi siciliani, da soli, superano

quelli di tutte le altre regioni d'Italia messi insieme. Infatti la sola Sicilia, ai tempi del Pitrè, poteva contare ben 13.000 proverbi,

mentre tutte le altre regioni, in totale ne annoveravano circa 9.500.

Dai proverbi, credo, ci sia molto da imparare, in quanto costituiscono un grande tesoro di saggezza popolare e di conoscenza

delle nostre più antiche radici. Spero, quindi, che la elencazione in questo volume, di quelli che sono più vicini e più in uso nelle nostre zone,

molti dei quali inediti, possa contribuire a creare un interesse in più per i lettori di qualunque età e di qualunque estrazione sociale.

 

* CU DUNA LU PANI A LU CANI DI CU, PERDI LU CANI E LU PANI DI CCHIU'.

(A volte il bene fatto non viene ricambiato).

 

* PENSA LA COSA AVANTI CHI LA FA, CA LA COSA PINSATA E' BEDDA ASSA'.

(Riflettere bene prima di fare qualcosa).

 

* VAIU P'ACCHIANARI MA SEMPRI SCINNU,

CERCU DI RIDIRI UN'URA E CHIANCIU UN'ANNU.

(E' l'amara constatazione di una condizione economica in peggioramento. Pochi momenti di gioia, spesso si alternano a lunghe sofferenze).

 

* DI TANTI CHI MI VIDINU MURIRI, IU SULU MI LU PIGLIU LU PINSERI.

(Solo chi soffre si preoccupa veramente delle proprie disgrazie).

 

* ACEDDU CA E' 'NTI LA GAGGIA, O CANTA PI 'MMIDIA O CANTA PI RAGGIA.

(Chi è impossibilitato a far qualcosa, prova invidia per gli altri).

 

* NUN SI FA CANGIU SENZA IUNTA.

(Non si da niente per niente).

 

Antichi arnesi agricoli esposti in un museo della civiltà contadina.

 

* CU PRATICA 'NSIGNA.

(Chi fa pratica apprende e poi, potrà insegnare agli altri).

 

* L'ABBUNNANZA UNN'HA MAI FATTU CARISTIA.

(Quando c'è abbondanza non si conosce la miseria).

 

* LA MEGLIU PALORA E' CHIDDA CA NUN SI DICI.

(A volte e' meglio non intervenire in certe situazioni per non creare ulteriori complicazioni).

 

* SORDI DI JOCU LASSALI DDOCU

(I soldi vinti al gioco, molto spesso vengono rigiocati e persi).

 

* LI GUAI DI LA PIGNATA LI SAPI LA CUCCHIARA C'ARRIMINA.

(Ognuno conosce la propria vita e le proprie sofferenze).

 

* CU TACCARIZZA CCHIU' DI QUANTU SOLI,

O T'HA 'NGANNATU, O 'NGANNARI TI VOLI.

(Chi si mostra molto affettuoso, a volte può nascondere qualche intendimento ingannevole).

 

* CI SUNNU CRUCI, CRUCIDDI E CRUCIAZZI.

(La croce simboleggia sempre la sofferenza. Esistono vari livelli di sofferenza, dalle più lievi alle più atroci).

 

* CU LU PATRI E LU PATRUNI, SEMPRI TORTU E MAI RAGIUNI.

(Con i parenti più grandi o con i datori di lavoro, si ha sempre torto).

 

* CAVULU VECCHIU E CAVULU SCIURUTU, CHIDDU CHI CCIA' FATTU, CCIA' PIRDUTU.

(E' inutile prodigarsi per le cose che non daranno mai frutti).

 

* MEGLIU SURFARARU E NO' VIDDANU, DI SITA TI LU FA LU FASDALINU.

(Ognuno si vanta del proprio mestiere).

 

* CAMINA CU LI MEGLIU DI LI TO', E APPIZZACI LI SPISI.

(Bisogna frequentare sempre buone compagnie, anche a costo di rimetterci).

 

* CU TIRA PI DU' CUNIGLIA, NENTI SI 'NNI PIGLIA.

(Chi vuol fare contemporaneamente più cose, spesso non fa nulla).

 

* QUANNU IU TI VULIA TU NUN MI VULISTI, ORA CA TU MI VO' CI LA SBAGLIASTI.

(Una buona occasione bisogna saperla prendere al volo ed al momento propizio).

 

* LU 'NFAMI DICI LA VIRITA' E UNN'E' CRIDUTU.

(Chi ha fama di bugiardo non e' creduto neanche quando dice la verità).

 

* LU SCECCU PORTA LA PAGLIA E L'ASINU SI LA MANGIA.

(Dicesi di quelle persone egoiste che pensano solo a se stesse).

 

* IRISI A RIPARARI UNNI CI CHIOVI.

(Andare a chiedere aiuto in chi sta peggio).

 

* FA' BENI E SCORDATILLU, FA MALI E PENSACI.

(Fare bene e dimenticare, fare male e pensarci).

 

* ARBULU CA NUN DUNA FRUTTU TAGLIALU DI PEDI.

(Bisogna disfarsi delle cose inutili).

 

* DISIDIRACI LU BENI A LU TO' VICINU, CA BONU SCIAVURU TI NNI VENI.

(Desidera il bene del vicino, poiché un giorno ne potrai avere bisogno).

 

* ARANCI ARANCI, CU L'AVI SI LI CHIANCI.

(Ognuno si deve lamentare dei propri guai).

 

* CU PI DOTA PIGLIA LA MUGLIERI, DULURUSU FARA' LU SO' CAMPARI.

(Chi sposa una donna solo per interesse, non avrà un matrimonio felice).

 

* LU DOTTU A LA 'PPEDI E LU SCECCU A CAVADDU.

(Spesso le lodi ed i riconoscimenti, vengono attribuiti a chi non li merita).

 

* APRILI FA LI SCIURI, MERITU 'NN'AVI LU MISI DI MAJU.

(E' simile al precedente. Qualcuno si attribuisce i meriti degli altri).

 

* AVA' ESSIRI CIPUDDA PI ARDIRI L'OCCHI.

(Ci si prodiga solo quando si ha un certo interesse).

 

* COMU E' CURNUTU CU UN CORNU E' CURNUTU CU DDU CORNA.

(Un marito tradito una volta e' considerato tale e quale ad uno tradito più volte).

 

* L'AMURI E' COMU LU CITROLU, CUMINCIA DUCI E FINISCI AMARU.

(L’amore è dolce quando inizia, ma amaro quando finisce).

 

* 'MBRIACHI E PICCILIDDI DIU LI AIUTA.

(Dio aiuta sempre gli indifesi e i bambini).

 

* BON TEMPU E MALU TEMPU NUN DURA TUTTU TEMPU.

(Le gioie e i dolori si avvicendano).

 

* FACCI CA NUNN'E' VISTA E DISIATA, FACCI CA E' VISTA E' SCHIFIATA.

(L'affetto e' più sentito e più sincero tra persone che si vedono raramente).

 

* LU IMMIRUTU 'MMEZZU LA VIA, TALIA AD ATRU E IDDU UN SI TALIA.

(Prima di giudicare gli altri bisogna giudicare se stessi).

 

* OGNI 'MPIDIMENTU E' GIUVAMENTU.

(Anche un temporaneo impedimento può rivelarsi utile, in quanto dà più tempo per riflettere).

 

* UNN'E' TUTTU ORU CHIDDU CHI LUCI.

(Non bisogna giudicare le cose solo all'apparenza).

 

* CU DI PORCU NASCI, DI PORCU CRISCI.

(Deriva da un antico proverbio latino: "Grugnit sic fetus, porcus ut ante vetus". La più appropriata spiegazione è,

che l'educazione dei padri si trasmette sui figli e quindi da buoni genitori, buoni figli e viceversa).

 

* LU SPARAGNU UNN'E' GUADAGNU.

(L'avarizia e il voler sempre risparmiare, spesso sono causa di cattivi affari).

 

* ADASCIU ADASCIU COMU LI BABBALUCI, CI PERDI TEMPU MA DOPU TI CUMPIACI.

(Con la pazienza e la buona volontà si riesce sempre a realizzare i propri progetti. A volte il successo si raggiunge dopo molti sacrifici).

 

* A LU JORNU NUN NI VOGLIU E A LA SIRA SPARDU L'OGLIU.

(Fare un lavoro in ore inusuali).

 

* PRIMA DI NATALI, LU FRIDDU NUN FA MALI.

(E' credenza diffusa in Sicilia, che il vero freddo inizia dopo il Natale).

 

Oggetti della civiltà contadina

 

* CU METTI MANU AD ARATRU, NUN LASSASSI 'MPICCI AD'ATRU.

(Chi inizia un lavoro si deve impegnare a portarlo a termine, senza lasciare ad altri alcuna incombenza).

 

* CU LA SIMENZA E LI FATICHI S'ARRICOGLINU LI SPICHI.

(Con un certo capitale e con un impegnativo lavoro si avrà successo. Altro proverbio simile è

"Cu simìna e travaglia, di sicuru arricogli").

 

* CU TROPPU STA 'MPIGNATU, TANTI VOTI E' PICCHIATU.

(Chi lavora e si adopera in molte cose, specie se con cognizione di causa e preparazione, spesso è invidiato e criticato).

 

* CENT'UNZI DI MALINCUNIA, NUN PAGANU TRI DINARI DI DETTA.

(Non basta la malinconia per superare i momenti difficili).

 

* CU VENI APPRESSU, CUNTA LI PIDATI.

(Chi arriva dopo, deve solo accettare ciò che altri hanno deciso, senza poter interferire.

E’ simile al proverbio che dice "Cu tardu arriva, mali alloggia").

 

* JANNI CUMANNA A VANNI:- VACCI TU' CA SI' CCHIU' GRANNI.

(E' lo scarica barile, di coloro che non intendono eseguire un lavoro).

 

* ZOPPI A BALLARI E CHECCHI A CANTARI.

(Storpi chiamati a ballare o balbuzienti invitati a cantare, lasciano presagire un sicuro un insuccesso. Affidare incarichi ad incapaci).

 

* TIRA CHIASSA' UN PILU DI FIMMINA, CA 'NA PARIGLIA DI VO'.

(Ha più forza un pelo di donna che una coppia di buoi. Le donne sono considerate privilegiate, poiché,

servendosi del loro aspetto fisico, a volte possono riuscire ad ottenere qualsiasi cosa).

 

* UN PATRI FA CAMPARI CENTU FIGLI, MA CENTU FIGLI UN FANNU CAMPARI UN PATRI.

(Il padre e' capace di dare sostentamento a tutti i figli che ha, ma questi, molto spesso

non sanno fare altrettanto nei suoi confronti).

 

* MENTRI LU MEDICU STUDIA, LU MALATU SI FA LA VIA.

(Se non si interviene in tempo, una situazione può degenerare).

 

* LU RISPETTU E' MISURATU, CU LU PORTA L'AVI PURTATU.

(Il rispetto tra le persone deve essere reciproco).

 

* SENZA DINARI NUN SI CANTA MISSA.

(Nessuno fa niente per niente ).

 

* METTISI L'ACQUA DINTRA E LU CANNOLU FORA.

(Intraprendere iniziative sbagliate che creano molti inconvenienti).

 

* LU PATRI FA LI FIGLI FISSA E CCIAVA' CUNTRASTARI CU E' CA PASSA.

(Avere a che fare con persone inette o incapaci).

 

* AGUSTU E RIGUSTU E' CAPU DI 'MMERNU.

(Il mese di agosto viene considerato l'inizio dell'inverno).

 

* LU FERRU STIRA SULU QUANNU E' CASDU.

(Ogni cosa deve essere fatta al momento giusto, per avere successo).

 

* CU AVI LINGUA PASSA LU MARI.

(Chiedendo informazioni si può arrivare ovunque).

 

* SI UNN'HAI DINARI ETTA COPPI.

(Se non puoi ottenere una cosa in una certa maniera, tenta un'altra soluzione).

 

* PANNERI NUDU, SCARPARU SCAZU E FALLIGNAMI SCANCARATU.

(Qualunque artigiano si prodiga per gli altri, ma difficilmente trova il tempo per riparare le proprie cose).

 

* AMURI, BIDDIZZI E DINARI, SU' TRI COSI CA NUN SI PONNU AMMUCCIARI.

(Le cose molto evidenti non si possono nascondere agli altri).

 

* ANCHI SI SALI CI 'NNI METTI 'NA VISAZZA,

CONSALA COMU VO', SEMPRI E' CUCUZZA.

(Quando una cosa non è buona all'origine, non c’è rimedio per poterla migliorare, come appunto la zucca,

che è considerata un ortaggio povero e senza gusto).

 

* MENTRI CA SEMU PAPA PAPIAMU, CUSA' SI N'ATRA VOTA PAPA SEMU.

(Fare le cose quando se ne ha la possibilità. Trae origine da una famosa frase pronunciata un giorno

da Papa Leone X, che disse: "Godiamoci il papato, poiché Dio ce l'ha dato").

 

* CU NUN SAPI L'ARTI CHIUDI PUTIA.

(Chi non sa fare bene il proprio mestiere, deve chiudere la bottega).

 

* CARNI CRUDA E PISCI COTTU.

(Ogni cosa, per produrre le aspettative desiderate, deve avere le giuste caratteristiche).

 

* L'ARBULU S'ADDIRIZZA MENTRI E' NICU.

(I figli si educano quando sono piccoli).

 

* QUANNU LU PIRU E' FATTU CADI SULU.

(Ogni cosa darà i giusti frutti al tempo opportuno).

 

* QUANNU LU SULI AFFACCIA, AFFACCIA PI TUTTI.

(Di taluni avvenimenti tutti possono trarne beneficio).

 

* OGNI FICATEDDU DI MUSCA E' SUSTANZA.

(Anche una cosa insignificante, può avere grande importanza).

 

* QUANNU LU DIAVULU T'ACCARIZZA, TI VOLI SUCARI L'ARMA.

(Chi si mostra troppo premuroso e gentile, a volte può danneggiare).

 

* ARRIVATI A LA CINQUANTINA, UN MALANNU A LA MATINA.

(Dopo una certa età cominciano i mali fisici).

 

* AMMUCCIA AMMUCCIA, CA TUTTU PARI.

(Non saper mantenere un segreto e portarlo a conoscenza involontariamente ).

 

* NENTI SI FA, CA NENTI SI SAPI.

(Qualunque cosa si faccia, prima o poi sarà da tutti conosciuta).

 

* MEGLIU PERDIRI CA STRAPERDIRI.

(Interrompere una iniziativa che va male, per evitare di aggravare la situazione).

 

* PATTI PRIMA, AMICIZIA LONGA.

(Quando gli accordi vengono stabiliti prima, l’amicizia dura di più).

 

* L'ONURI CA SI PERDI 'NTA UN MINUTU, IN CENT'ANNI UNN'E' RICUMPINSATU.

(Se si perde l'onore anche per un solo attimo, in avvenire sarà molto difficile potersi riscattare).

 

* SCIUMI CA DUNA ACQUA A DU' VADDUNA, A L'UNU O ALL'ATRU A MANCARI VENI.

(Non si possono fare due cose contemporaneamente).

 

* ANCHI LU BURDUNARU PO' SBAGLIARI LA VIA.

(Tutti possono sbagliare. "Lu burdunaru", era il carrettiere sempre in viaggio per paesi,

strade e trazzere, che conosceva molto bene).

 

* CU TI PARI CA DORMI E ARRIPOSA, CHIDDU PORTA LA CRUCI CCHIU' GRAVUSA.

(Chi all’apparenza sembra felice, a volte può nascondere grandi sofferenze.

Anche un noto detto del Metastasio così afferma: "Se a ciascun l'interno affanno, si leggesse in fronte scritto,

quanti mai che invidia fanno, desterebbero pietà").

 

Una caratteristica foto che coglie il momento della "pisata" del grano.

 

* CU VA' A LA ZITA SENZA 'MMITATU, UN TROVA SEGGIA PI STARI ASSITTATU.

(Chi non è stato invitato ad una festa o ad una riunione, non troverà accoglienza).

 

* LU FIGLIU TROPPU AMMIZZIGLIATU, CRISCI MALADUCATU.

(Il figlio troppo coccolato, cresce irrispettoso verso la famiglia e verso il prossimo).

 

* VULIRI LA VUTTI CHINA E LA MUGLIERI 'MBRIACA.

(Desiderare più cose contemporaneamente).

 

* CHIDDU CA SI SCHIFIA, VENI TEMPU CA SI DISIA.

(Ciò che si rifiuta oggi, un giorno sarà desiderato).

 

* A POVIRU MALATU, NUN PENSA PARINTATU.

(Spesso un ammalato, o uno che è bisognoso, viene trascurato dai parenti).

 

* CU AVI CAMPA FILICI E CU UNN'AVI PERDI L'AMICI.

(Chi sta bene vive felice, ma chi è povero perde gli amici).

 

* ARIU NETTU UNN'AVI SCANTU DI TRONA.

(Chi non ha fatto del male non ha nulla da temere).

 

* LU PICURARU VISTUTU DI SITA, FA SEMPIRI FETU DI LACCIATA.

(Le persone infide e cattive, anche se vestite con eleganza, vengono sempre riconosciute).

 

* CALATI JUNCU CA PASSA LA CHINA.

(E’ l’atto di sottomettersi alla volontà dei più forti o dei più prepotenti).

 

* CU AMICI E CU PARENTI, NIGOZIU NENTI.

(E' meglio non far mai società o accordi con i parenti).

 

* L'AMICU SI VIDI A LU BISOGNU.

(Il vero amico si vede nei momenti di bisogno).

 

* CU VIDI, SENTI E TACI, CAMPA CENT'ANNI IN PACI.

(Chi vede, sente e non parla, sarà sempre tranquillo).

 

* QUANNU L'AMICU UN T'ARRISPUNNI A PRIMA VUCI,

E' SIGNU CA LU DISCURSU NUN CI PIACI.

(Quando un amico fa finta di non sentire, è segno che non ha voglia di ascoltare).

 

* LA LINGUA CHIACCHIARUNA, LA SCANSA OGNI PIRSUNA.

(Chi parla troppo viene allontanato dalle persone).

 

* L'ARICCHI ATTUPPATI, FANNU ZITTIRI CANNUNATI.

(Il fingere di non sentire fa tacere chiunque. E' molto simile al proverbio "Un c'è peggiu surdu di cu nun voli sentiri).

 

* LU PARADISU NUN GRAPI PURTUNI, SI BONA MANCIA A SAN PETRU NUN DUNI.

(Per ottenere favori e raccomandazioni, molto spesso occorre far regali).

 

* L'OMU TISTARDU LASSATILU SULU, C'AVI LA CROZZA CCHIU' DURA D'UN MULU.

(E' meglio tenersi lontani da chi vuole fare sempre di testa propria).

 

* QUANNU LU GATTU UN C'E' LU SURCI ABBALLA.

(Quando manca il capo ognuno ne approfitta).

 

* LI FIGLI SU COMU LI MULUNA, NUN SI SAPI COMU ARRINESCINU.

(Il futuro dei figli è sempre imprevisto).

 

* PRUCURATURA, MEDICI E ABBUCATI, CUNSUMANU LI CASATI.

(E' opinione diffusa che queste categorie di professionisti pretendano sempre dei compensi

esagerati e provocano spesso, dissesti nelle famiglie).

 

* PI 'MMEZZU DI LI SANTI SI VA' IN PARADISU.

(Con le raccomandazioni si ottiene ogni cosa).

 

* RESISTI A LA SFURTUNA E A LI TORTI E CAMPA COMU PO', CU 'NGEGNU E ARTI.

(Occorre resistere alle difficoltà della vita, mettendo in atto tutte le proprie risorse e la propria intelligenza).

 

* SEMU TUTTI DI 'NA VENTRI, MA NON TUTTI DI 'NA MENTI.

(Siamo tutti simili, ma con intelligenze diverse).

 

* MEGLIU 'NA VOTA ARRUSSICARI, CA CENTU VOTI AGGIANNIARI.

(Con i prepotenti occorre trovare la forza di ribellarsi almeno una volta, per evitare

di subire sempre angherie e sopraffazioni).

 

* PIGLIA LU BON TEMPU MENTRI L'HA, CA LU MALU TEMPU UN MANCA MA'.

(Bisogna approfittare delle buone occasioni, poiché le cattive non mancano mai).

 

* QUANNU C'E' PITITTU, TUTTU LU MANCIARI E' BONU.

(Quando c'è vera fame, qualunque cibo appare buono).

 

* L'ERBA TINTA UN MORI MA'.

(E' difficile liberarsi della gente spietata e cattiva).

 

* PI UN MONACU NUN SI PERDI UN CUMMENTU.

(Le colpe di un singolo non possono essere addebitate a tutti).

 

* OGNI MALI NUN VENI PI NOCIRI.

(A volte da un male può scaturire un bene).

 

* PI AMURI DI LU LARDU, SI VASA LU CULU A LU PORCU.

(A volte, per ottenere un profitto, si è disposti anche ad umiliarsi).

 

* GUAI A CHIDDA CASA, UNNI GADDINA CANTA E GADDU TACI.

(Guai a quella casa dove comanda la moglie anziché il marito).

 

* JETTA LU FUMERI E NUN PRIGARI SANTI.

(Aiutati da solo e non sperare nell'aiuto degli altri).

 

* LA MAISATA CUNTRASTA LA MAL'ANNATA.

(Il maggese spesso compensa lo scarso raccolto del grano).

 

* MEGLIU SBIRRI DARRE' LA PORTA, CA PARRINI DINTRA LA CASA.

(Meglio andare in prigione che essere in attesa di ricevere l'estrema unzione.

E' simile al proverbio "Megliu scrusciu di catini, ca rintoccu di campani").

 

* E' CCHIU' CRIDUTA LA MINZOGNA DI LU RICCU, CA LA VIRITA' DI LU POVIRU.

(Anche se la cosa è dubbia, i ricchi, secondo tale proverbio, risultano più credibili dei poveri).

 

* ARBULU CA NUN FA SCIURI E MANCU FRUTTU, TAGLIALU DI SUTTA A QUATTRU BOTTI.

(Bisogna disfarsi delle cose improduttive ed inutili).

 

* AMURI DI BUTTANA E VINU DI SCIASCU, LA SIRA E' BONU E LA MATINA E' GUASTU.

(Bisogna stare attenti alle cose che danno molto piacere, in quanto possono essere conseguenza di futuri guai).

 

* CHIANTA ARBULI 'NTA LA VIGNA, S'UN COGLI FRUTTI, COGLI LIGNA.

(Conviene sfruttare tutte le possibilità che si hanno a disposizione).

 

* HAIU OCCHI E NUN VIU, HAIU ARICCHI E NUN SENTU.

(E' il motto di chi vuole stare tranquillo e non intende immischiarsi nelle altrui faccende).

 

* TANTU VA' LA QUARTARA ALL'ACQUA, CA SI RUMPI O CA SI SCIACCA.

(E' come dire: "Tanto va' la gatta al lardo, che ci lascia lo zampino". Quando si persiste

in un comportamento scorretto, prima o poi se ne possono piangere le conseguenze).

 

* DISSI LU PUDDICINU 'NTI LA NASSA: -UNNI MAGGIURI C'E', MINURI CESSA.

(Dal latino "Ubi major, minor cessat", si evidenzia che sono sempre i più forti a comandare).

 

* A LU RICCU RICCHIZZI, A LU POVIRU PUVIRTA'.

(Il ricco diventa sempre più ricco ed il povero sempre più povero).

 

* LU SAZIU NUN CRIDI A LU DIUNU.

(Chi sta bene non si prende pena dei più bisognosi).

 

* VESTI ZUCCUNI, CA PARI BARUNI.

(Uno zotico vestito bene, sarà sempre riconosciuto per ciò che è in realtà).

 

* LU LETTU E' SEMPRI 'NA BONA COSA, S'UN SI DORMI S'ARRIPOSA.

(Il letto è sempre utile, sia per dormire, che per riposare).

 

* LI DISCURSI SU COMU LI CIRASI, 'NNI TIRI UNA E SI NNI VENNU DECI.

(Quando si discute, si passa facilmente da un discorso all'altro).

 

* LASSA A TO' SORU E PIGLI LU SETTI D'ORU.

(Se si rinuncia a qualcosa, a volte, si potranno ricavare degli utili).

 

* NUDDU SI PIGLIA, CA NUN S'ASSUMIGLIA.

(Spesso marito e moglie hanno in comune molti caratteri).

 

Una casa dei primi anni del 1900, dove si può notare la caratteristica

"naca"e un "sulareddu" ala quale si accedeva con una scala a pioli.

 

* UN CORPU A LA VUTTI E UNU A LU TIMPAGNU.

(Fare cose diverse nello stesso tempo per poter riuscire in un'impresa).

 

* DIU 'NNI SCANZA DI ZUTICUNA ARRINISCIUTI.

(Bisogna sapersi guardare dagli incivili benestanti).

 

* SPARAGNU A ME MUGLIERI 'NTA LU LETTU, E ATRU SI LA GODI A LU RUVETTU.

(Proverbio che si addice a chi, dopo una vita di sacrifici e risparmi, si vede truffato).

 

* CI DISSI LU SURCI A LA NUCI: -DAMMI TEMPU CA TI PERCIU.

(Con la costanza, il lavoro e la pazienza, prima o poi si avrà successo).

 

* ZU' PE', ZU' PE', ZU' PE', FINERU LI PIRA E FINI' LU ZU' PE' !

(Le premure e i servigi verso i parenti anziani, a volte si interrompono, quando non si intravede la possibilità

di ottenere un’eredità o una ricompensa).

 

* LA GADDINA SI SPINNA QUANNU E' MORTA.

(Fare le cose a tempo opportuno. E’ simile a "Non vendere la pelle dell'orso prima di averlo catturato"

e si addice molto, alle persone che attendono la morte di un parente, per dividersi le sue sostanze).

 

* PI SAN VALENTINU LU BON TEMPU E' VICINU.

(E’ credenza diffusa che dal giorno di San Valentino (14 febbraio) in poi, comincino le belle giornate).

 

* CU SIMINA 'NTRA LA VIGNA, NE' METI, NE' VINNIGNA.

(Il grano deve essere seminato in un campo libero e mai consociato ad altre colture, se non si vuole compromettere il futuro raccolto).

 

* CU SIMINA NE' MODDU NE' DURU, VENI L'ESTATI E SI GRATTA LU CULU.

(Il terreno da seminare deve essere arato e ben soffice, se non si vuole rimanere senza raccolto).

 

* LU CANI MUZZICA SEMPRI LU STRAZZATU.

(La mala sorte si accanisce sempre sui poveri sventurati).

 

* QUANNU LU SCECU UNN'AVI SITI E' INUTILI CA CI FRISCHI.

(E' tempo sprecato cercare di far lavorare gli sfaticati).

 

* SI A ZOCCU PENSI, PINSATU AVISSI, A ZOCCU PENSI, ORA NUN PINSASSI.

(Se si riflette bene prima di agire, si potranno evitare future preoccupazioni).

 

* PACENZIA CI VOLI A LI BURRASCHI, CA MELI UN SI 'NNI MANCIA SENZA MUSCHI.

(Ci vuole pazienza nell’affrontare gli inconvenienti della vita).

 

* DI LI PARRINI SI PIGLIANU LI VINI.

(E’ credenza diffusa che i padrini e le madrine trasmettano le loro doti ai figliocci).

 

* SCECU CA SI VANTA, NUN VALI MANCU UN SORDU.

(Chi si vanta e' considerato un vero e proprio somaro che non vale nulla).

 

* ZOCCU FA LA MAMMA A LU CUFILARU, FA LA FIGLIA A LU MUNNIZZARU.

(Da buoni genitori nasceranno buoni figli e da cattivi genitori cattivi figli).

 

* OGNI SCECCU SI 'NNI PREGA DI LU SO' RAGLIU.

(Ogni persona e' orgogliosa e fiera di ciò che fa).

 

* ANCORA UNN'HA NASCIUTU E JANNI S'HA CHIAMATU.

(Fare previsioni, senza avere alcun elemento concreto. E’ una variante dell’altro detto "Janni unn’era natu e Cola si chiamava").

 

* CU PORTA LA MUGLIERI AD OGNI FESTA E LU SCECCU A VIVIRI A OGNI FUNTANA,

SI RITROVA LU SCECCU MALATU E LA MUGLIERI BUTTANA !

(Portare spesso in giro la propria moglie o esagerare in qualche cosa può essere causa di avvenimenti spiacevoli e inaspettati).

TORNA INDIETRO