RIBERA: IL MERCATINO DEL GIOVEDI'

 

 

 

 

 

IMMAGINI E...POESIA

Foto e versi di Giuseppe Nicola Ciliberto

 

 

LU MERCATINU DEL GIOVEDI’

 

 

Ogni jovidi a Ribera

‘nti ‘na piazza c’è ‘u mercatu,

è davveru ‘na gran festa

e vennu genti d’ogni latu.

 

 

Bancareddi e barraccuna

sunnu chini di mircigli,

e di l’ottu ‘nsina all’una

vennu: nanni, matri e figli.

 

C’è una granni cunfusioni

e si fa lu viavai,

‘mmezzu a cosi tinti e boni

tutti scordanu li guai.

 

Etta vuci un vinnituri:

- Signurini avvicinati,

taliati chi sù beddi

sti mutanni arraccamati.

 

 

Cincu "Euri" stu gulfettu,

prestu, sordi ‘nta li mani,

cu deci "Euri" un riggipettu

e un paru di suttani.

 

Taliassi chi eleganza,

chi sù fini sti cazetti,

sù pirnenti, sù scuntati

e pi un’annu si li metti.

 

C’è cchiù supra un salumeri

cu tumazzu e parmigianu,

di davanti e di darreri

tutti allonganu li manu.

 

 

Lu salami è menu caru

e anchi la sò muzzarella,

avi puru: baccalaru,

stoccafissa e murtatella.

 

 

‘Nti stu jornu pari festa

e cu ansia è aspittatu,

‘nti li casi nuddu arresta

ca si curri a lu mercatu.

 

 

Pasta, vinu, passuluna,

tuttu a prezzu ribassatu,

polli arrostu, crast’agneddu

e prosciuttu affumicatu.

 

 

Stu mircatu è chinu chinu

di rumeni e marocchini

ca ti vinninu CD

film, borsi e cullanini.

 

 

E li guardii assai prigati

sunnu tutti a lu mercatu

quarchidunu nunn’è vistu…

quarchi atru è assicutatu.

 

 

Chi gran fudda e confusioni

'mmezzu a milli barraccuna,

tanti Euri sù spinnuti,

c’è cu piglia e c’è cu duna.

 

Grattalori, spinguluna,

sculapasta e anchi biccheri,

tanti tipi di pumetta

pi bunachi e granateri.

 

 

Cazzalori, vaschi e cati,

‘nzalateri e pignatuna,

tazzi nichi e tazzi granni,

cicareddi e cicaruna.

 

 

Cu s’accatta ‘na cammisa,

cu s’accatta un pantaluni,

cu s’accatta detersivi

e cu un paccu di lisciuni.

 

 

Quantu genti ! granni e nichi,

chini chini hannu li sacchi,

hannu puru anciddi e spàraci

e pinsina picchi pacchi.

 

 

Tunnu, carni, capunati,

scatulami in quantità

e ci sù sardi salati

ca sù propriu ‘na bontà.

 

 

Coffi e criva, pianti e sciuri,

lampadari e lampadini,

brillantina e dentifrici,

tovaglioli e pannolini.

 

 

Polli arrostu e anchi panini

e gingilli in fintu oru,

accendini, accendigassi

e anchi passapumadoru.

 

 

Centu tipi di trubbera,

muscalora e murtareddi,

lemmi, bummula e carusi,

spicchia, grasti e bacareddi.

 

 

Ci sù coppuli e cappeddi,

stivaluna e anchi tappini,

tutti quanti fannu acquisti

e hannu sporti chini chini.

 

 

Carta igienica di gustu

e pigiami assai di gala

e si grapi l’occhi giustu

trovi puru li rinala.

 

 

C’è la crisi, c’è scarsizza

ma c’è sempri l’alligrizza,

cu li sordi avi di latu

si li spenni a lu mercatu.

 

________________________

NOTA:

La poesia, riveduta ed integrata oggi, era stata scritta nel 1977 ed era stata  recitata

a Radio Torre Ribera durante la serie di

trasmissioni del Gruppo Folk-Cabaret

SICILIA CANTA, SICILIA FRANA.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ME MUGLIERI… A LU MERCATU 

 

Poesia vincitrice del  Primo Concorso “Una poesia, un sorriso”,

organizzato dal quindicinale “Ribera, Città del riso”

Il premio è stato consegnato durante il corso di una manifestazione canora e cabarettistica,

svoltasi nella Piazza di Borgo Bonsignore il 30 agosto, in occasione dell'Estate riberese del 2001.

 

Ogni jovidi matina,  propriu immancabilmenti,

sempri allegra mè muglieri, si pripara  sveltamenti,

è un mumentu assai aspittatu, ccà a Ribera c’è mercatu !

 

Nun pò certu sistimari: letti, càmmari e cucina,

iu mi cercu d’arrangiari pirchì è un ‘nfernu 'dda matina.

Mi rassegnu e com’e gghè,  mi priparu lu cafè.

 

Avi sempri gran primura e veloci avà scappari,

curri lesta a prima ura, sinnò nenti po’ attruvari;

Pò mi dici: - Ciau ciau...Centu Euru e mi 'nni vaiu !

 

Sta muglieri appatintata ca a guidari è un giuellu,

metti in motu la sò Puntu, e parti comu a Barrichellu !

‘mmezzu a sterru e strati rutti, di li scaffi… si ‘nni futti !

 

Gaia e allegra è arrivata,  ‘mmezzu a centu e cchiù barracchi,

ch’è filici !  ch’è prigata ! e aumentanu li sacchi.

Và in cerca sulamenti, di li prezzi cchiù  pirnenti !

 

- Talìa ccà chi bella offerta ! setti  pacchi di mottini !

ottu scatuli di tunnu e quaranta formaggini !

Spissu nun ci ‘mporta nenti, si li cosi sù scadenti !

 

Piglia olivi e mandarini, passuluna e anchi patati,

cascavaddu e salamini,  e anchi li sardi salati.

E un si scorda quasi mà lu gran beddu baccalà !

 

Spenni sordi pi cazetti, pi tuvagli e pi tendini,

                cerca scampuli, collant, gonni, cazi  e anchi vistini.

Dici: - Sunnu  rinfurzati !  e pi ghiunta sù scuntati !

 

E’ già l’una e nun si vidi e iu mettu la pignata,

a cuntallu un si ci cridi,  si tirà ‘na matinata.

Finalmenti fa ritornu  cu la testa ‘nta un fastornu.

 

Sfirnisciata piglia appunti, d’ogni cosa ca ha accattatu

e s’un  quàtranu li cunti scappa arrè ‘nta lu mercatu.

Torna sempri, mancu mali… senza un'euru pi signali !

 

Mentri vuddi la pignata  ricontrolla li sacchetti :

- Matri mia chi fù stunata, mi scurdavu li spachetti !

Anchi oggi a quantu pari, arrè ‘nsiccu amà mangiari !

 

 

 Giuseppe Nicola Ciliberto

 

 

 

HOME PAGE

                                          

 

 

 

++++++