LU TELEFONINU

      (La febbre del 2000)

 

 

La moda comu in epuca luntana,

di jornu e jornu cancia di cuntinu,

semu ‘nti lu Dumila e nunn’è strana

sta voglia pazza di telefoninu.

 

E’ addivintata ‘na vera manìa

e già si l’accattaru tanti e tanti,

pari ca fussi  vera epidemia

pirchì sta cuntagiannu a tutti quanti.

 

Ci nn’è d’ogni culuri e ogni putenza,

d’ogni modellu e d’ogni misura,

è l’urtimu giuiellu di la scienza

e lu sò costu a nuddu fa paura.

 

Ci ‘l’hannu artigiani e cummircianti,

li viduvi, li schetti e maritati,

duttura, artisti e rappresentanti,

ci l’hannu puru li disoccupati.

 

Ci l’hannu Giuanni, Peppi e Niculinu,

Caloiru, Pasquali e anchi Turiddu,

ci l’hannu puru Ciccu e Sarafinu,

Gilormu, Batassanu e anchi ‘Gnazziddu.

 

Lu zù Vicenzu l’accattà avantèri

e si lu porta quannu và a zappari,

prima ca torna avvisa a sò muglieri:

- li cavatuna ci li pò calari !

 

Ci l’hannu sia li beddi ca li brutti, 

chisti nun sù palori ma sù fatti,

lu cellulari cunquistà a tutti

e ormai lu vonnu li cani e li gatti.

 

Sciuri, profumi, robi e anchi cullani,

si rigalava pi San Valentinu,

ma oggi cu sti modi assai baggiani,

lu megliu donu è lu telefoninu.

 

Ormai ci nni sù in giru miliuna

ca signu sù  di tecnologia,

e fannu beati certi babbasuna

chi vannu chiacchiariannu via via.

 

Don Mimu lu talìa assai priatu

ed anchi s’un ci servi l’avi appressu,

di st’apparecchiu è troppu ‘nnammuratu

e si lu porta ‘nzina ‘nti lu cessu.

 

Quarchi atru si lu porta anchi a la missa,

e c’è cu l’utilizza chiazza chiazza,

c’è cu gisticulìa comu un fissa

e tanta genti pari propriu pazza.

 

Un medicu ch’è sempri assai ‘mpignatu

‘nzigna li curi anchi strati strati,

‘na vota d’un pazienti fu chiamatu

ca li supposti li vulia canciati.

 

Si chiamanu  l’amici e anchi li ziti,

li nori, li cugnati, soru o frati,

ma in certi casi un mancanu li liti,

pirchì li costi sunnu assai salati.

 

A voti lu signali è disturbatu 

‘nta zoni ca nun captanu l’ondi,

e quarchidunu comu un dispiratu

pi sèntiri si metti a culu a ponti.

 

Stu simplici gingillu fa smaniari,

fa divintari stoliti e nirbusi,

fa ‘ncretiniri si un si sapi usari

perciò è megliu nun ni fari abusi.

 

Ma un meritu ci l’avi sta invenzioni,

ca cu è luntanu si senti vicinu,

e siddu  po’  riuniri li Nazioni, 

sia benvenutu lu telefoninu.

 

TORNA INDIETRO