INCONTRO DI PASQUA

DI RIBERA

 

Poesia di Giuseppe Nicola Ciliberto

 

 

Chi amuri! Chi alligria sta jurnata,

‘ntall’aria: canti, soni e tanti vuci,

la Risurrezioni è fistiggiata

di lu Signuri mortu ‘nta la Cruci.

 

E’ Pasqua e pi Ribera è ‘na gran festa,

li genti sunnu tutti ‘nta li strati,

li surbizzedda sù fatti a la lesta

e li pitanzi tutti priparati.

 

Si fa lu ‘Ncontru, genti in tutti lati,

la fudda crisci a vista ogni mumentu,

tirrazzi e barcuna sù affuddati,

picciotti, addevi e vecchi unn’hannu abbentu.

 

Largu! Ca passa ‘na chiurma di carusi

cu friscaletti, cappeddi e banneri,

mani manuzzi, satànnu fistusi,

‘sprimennu gioia in centu maneri.

 

Po’ ‘n’atra banda, tutti picciuttuna

appressu a un paliu granni e maistusu,

‘ntall’aria,  scrusciu di trona e mascuna

ca unu quasi si senti cunfusu!

 

Un paliu, ‘n’atru paliu, ‘n’atru ancora

s’innalzanu a lu celu a svintulari,

pi discrivilli nun trovu palora

ca quannu passanu fannu ‘ncantari.

 

C’un velu nivuru sta l’Addulurata

c’ancora cridi ca sò Figliu è mortu,

ma San Micheli fistanti l’ha avvisata

ca Gesù Cristu l’aspetta ch’è risortu.

 

 

Idda s’allegra, lu nivuru lu etta,

l’Arcangilu la porta ‘nta lu Figliu;

chinu di sciuri è prontu chi l’aspetta

cu lu splinduri d’un biancu gigliu.

Si fa lu ‘Ncontru, quanta emozioni!

Migliaia d’occhi di lacrimi vagnati,

la Madunnuzza fa tri flissioni

e a sò Figliu ci duna tri vasati.

 

Un battimani davveru esultanti

vibra pi l’aria cu granni arduri,

cori ca battinu, cori fistanti,

sunnu scurdati li peni e duluri.

 

Ora si torna a la casa filici

ca la Madonna ‘ncuntrà lu Signuri,

‘nti chistu jornu tutti sù amici,

si fussi eternu,  chi paci!  chi amuri  !

 

 

HOME PAGE