IL DIALETTO DI  RIBERA

e cenni sulle origini del dialetto siciliano

Riporto qui di seguito una mia poesia ove sono citate numerose parole del dialetto riberese,

oggi quasi del tutto scomparse nel linguaggio quotidiano ed in via di estinzione. Alla fine della

stessa viene inserito anche un glossario con la traduzione letterale

dei vocaboli di più difficile comprensione.

                     

                         LU DIALETTU DI RIBERA

 

Quanti palori antichi rivilisi, 

nun sentu cchiù ca vannu scumparennu,

si cangia e si stracangia  lu paisi

e lu passatu ormai si và pirdennu.

L’amatu nostru siculu parlari

è funti di cultura ca nun muta,

in puisia a tutti fa ‘ncantari

ch’è un focu sempri vivu e mai s’astuta.

 

Iu ‘nni facissi lingua nazionali,

‘nsignalla ‘nti li scoli a tutti quanti,

è ricca di sapuri, senza uguali,

è bedda e si fa amari sull’istanti.

Tanti palori sù mudernizzati,

ma unn’hannu cchiù ddu gustu e dda magìa,

vucabuli ca sunnu ormai scurdati

quann’era nicu sempri li sintia.

 

Ricordu: gattaloru e cufilaru,  

bunaca, lu cufinu e lu gristuni,

lu meccu di lu spicchiu e lu casdaru,

la cicaredda e anchi lu cicaruni.

Si jucava a li mazzi e a la cannedda

a l’une monti oppuru a li pumetta,

mangiannu passuluna e ‘na guastedda

si sparagnava e un si facia la detta.

 

Ogni palora antica ch’era bedda, 

e pensu birriuni e anchi maidda,

ch’era espressivu “sciatara e mataredda” 

e un mulu fazu chi sempri ‘ncarzidda.

C’era la cazzalora e la scumera,  

lu rogiu si mittia ‘nta lu gileccu,

la fimmina ‘ndussava la suvera

e lu sidduni si mittia a lu sceccu.

 

Oggi si usa tanta curtisia

parlannu cu lu “lei” a li pirsuni,

ma prima si dicia “vù” o “vossia”,

don Pè”, “zù Cì”, o “’gnuri” pi taluni.

E si sintia puru “masciu Cola”  

e masciu Brasi” o “masciu Batassanu”,

mi pari ajeri, ma lu tempu vola

e lu passatu è sempri cchiù luntanu.

 

Li fimmineddi schetti eranu beddi

o cu lu tuppu o cu lu ‘ntrizzaturi,

mittianu ‘nti l’aricchi li ciurceddi

e ‘mpettu spilli, oppuru tanti sciuri.

Si a li picciotti d’oggi ci dicemu:

zaccagnu, muscaloru o cantaranu,

sicuru ca ‘mbriachi ci paremu,

ca stu linguaggiu assai ci pari stranu.

 

Ricordu lu  zimmili e  la  ‘ncirata

e  lu trubberi e anchi la gazzanedda,

la strummula, la pica e la lazzata,  

la  sbria,  lu chiumazzu e la fascedda.

E po’ c’è ancora stipu e scanaturi

e màttula, camella e anchi lu ‘nziru,

li vrachi, lu portò, lu sagnaturi,

lu càntaru, lu cardubulu e lu tiru.

 

Li vertuli, l’ancinu e l’ancineddu,

lu mònacu, la naca e la curdedda,

la cuttunina e anchi lu murtareddu,

lu muccaturi e puru la cincedda.

Tanti  palori ormai si cancillaru,

ma iu spirassi falli riturnari,

pirchì sù un patrimoniu troppu raru, 

ca a li nostri antinati fa pinsari.

 

Parlamulu a Ribera stu dialettu, 

cu l’anima, lu cori e cu l’affettu,

amamu lu linguaggiu sicilianu

ca fu  la matri di l’italianu.

 

                                                                   Giuseppe Nicola Ciliberto

 

GLOSSARIO

Si riporta la traduzione delle parole dialettali

scritte in neretto nella poesia sopra riportata

 

- cufilaru :  struttura in muratura e gesso ove si accendeva il fuoco

-bunaca : giacca

-cufinu : cesta fatta di canne e legno   

-gristuni : fondo di quartara o vaso in argilla, usato per dar da mangiare alle galline

gattaloru : buco nel muro di casa per il passaggio del gatto

-meccu : parte del lucignolo delle lucerne o stoppino delle candele ove arde la fiamma

-spicchiu : lucerna in terracotta ove arde "lu meccu"

-casdaru : grossa pentola in rame o alluminio

-cicaredda : tazzina da caffè

-cicaruni : grossa tazza di terracotta o maiolica senza manici, usata per il latte

-mazzi : due pezzi di legno, uno grande ed uno piccolo, usati nel gioco dei bambini

-cannedda :dischetto di terracotta o ceramica usato nel gioco omonimo

-l’une monti : gioco molto in voga negli anni ’50

-pumetta : bottoni

-passuluna : olive nere

-guastedda : forma di pane arrotondata

-detta : comprare a credito

-birriuni : copricapo di lana usato per la notte

-maidda : grosso contenitore in legno ove si impastava il pane

-sciata e mataredda (oppure "sciatara e mataredda): espressione di meraviglia

-fazu : imbizzarrito

-‘ncarzidda : mulo nervoso che scalcia

-cazzalora : pentola d’alluminio o d’acciaio

-scumera : mestolo con fori

-rogiu : orologio

-gileccu : gilèt

-sidduni : sella

-sceccu : asino

-vù - vossìa : lei

-don Pè-zù Cì : don Giuseppe - zio Francesco

-‘gnuri : signore

-masciu : maestro

-tuppu : mucchio di capelli intrecciati dietro la nuca

-‘ntrizzaturi : nastro di seta per legare i capelli

-ciurceddi : orecchini

-zaccagnu : coltello

-muscaloru : ventaglio di paglia per alimentare la legna che arde

-cantaranu : sorta di grosso armadio, dove si custodiva anche il vaso da notte detto "càntaru".

-zimmili : grosso contenitore in vimini per trasportare paglia o prodotti erbacei

-‘ncirata : mantello cerato con cappuccio

-trubberi : tovaglia da tavola

-gazzanedda : nicchia ricavata nella muratura usata per riporvi oggetti casalinghi

-strummula : trottola in legno

-pica : corda

-lazzata : spago per avvolgere la trottola. E’ detta anche "rumaneddu"

-sbria : grossa tavola con asta mobile in legno per impastare il pane

-chiumazzu : cuscino

-fascedda : contenitore di ricotta, intessuto di prodotti vegetali detti vinchi

-stipu : armadio

-scanaturi : tavola per impastare il pane o i dolci

-màttula : orinatoio

-camella : contenitore d’alluminio per alimenti, detta anche "cubanagera"

-‘nziru : vaso di terracotta

-vrachi : pantaloni

-sagnaturi : pezzo di legno cilindrico per spianare la pasta

càntaru: Vaso in terracotta che serviva per i bisogni fisiologici

-cardubulu : grosso insetto che come le api va’ di fiore in fiore

-tiru : grossa lucertola con pelle a forti colori tra il giallo e il verde

-vèrtuli : contenitori in tela per riporvi oggetti o alimenti del contadino

-ancinu : strumento che si usava durante la mietitura

-ancineddu : idem come sopra, ma più piccolo

-mònacu : scaldino in lamiera per contenere il carbone ardente

-curdedda : cordella usata negli indumenti femminili

-cuttunina : pesante coperta imbottita in lana e cotone, usata per l’inverno

-murtareddu : vasetto in rame usato per triturare la cannella, l’aglio e altri prodotti

-muccaturi : fazzoletto

-cincedda : cinghia per i pantaloni

 

 

Ecco adesso, alcune quartine, da me composte, in cui sono presenti vocaboli dialettali di vari paesi dell'agrigentino ed anche qualcuno

proveniente da altre zone della Sicilia. Naturalmente i versi, almeno in questo caso, sono stati scritti appositamente, con parole dialettali

di diversa origine, non tanto per fare poesia, ma esclusivamente per mettere in evidenza vari termini della lingua siciliana e conoscerne il significato.

 

A destra, in rosso, viene riportata la relativa traduzione in italiano.

Aieri a dalloi partivu di la Favara

e a notti funna junsi a la Licata,

a jornu m'accattavu 'na pitara

e m'arricampai a Rivela 'mpintaiota.

Ieri nel pomeriggio sono partito da Favara

e a notte profonda sono arrivato a Licata,

fattosi giorno ho comprato una giara

e sono rientrato a Ribera con l'autobus.

Pi curpa di 'na rinnina strammata

ca a 'mmestiri mi vinni 'nta lu pettu,

supra 'na pupjanna ivu a sbattiri

e ci appizzai la biffa e lu bunettu.

Per colpa di una rondinella stordita

che è venuta ad investirmi sul torace,

sopra un paracarro sono andato ad urtare

e ho perduto il basco e il parrucchino.

Truvannumi cu Masi a "sticchi e 'nnicchi"

dicisimu di iri a picchi pacchi,

vittimu sulu: casintulicchi,

buffi, lapuna, zimmari e vacchi.

Trovandomi con Tommaso a tu per tu

decidemmo di andare a cercare chiocciole,

abbiamo visto solo: lombrichi,

rospi, gosse api, caproni e vacche.

Rimischiannu 'nta 'na gazzanedda,

truvai mircigli di me catananna:

'na màttula, 'na cutra, 'na ciurcedda,

un 'nziru, un chiumazzu e 'na lavanna.

Rovistando dentro una nicchia,

ho trovato cianfrusaglie della mia bisnonna:

un orinatoio, una coperta, un orecchino,

un vaso, un cuscino ed una peretta.

Cutuliannu 'u muscaloru

la zà Cà sta a camiari

e 'u zù Cì pi la furtura,

usa: monacu e scappulari.

Agitando il ventaglio

la zia Carmela accende il fuoco

e lo zio Francesco per il freddo,

utilizza: uno scaldino e una mantellina.

Lu paraninfu, 'na zita m'ha purtatu,

ciraula, 'nfirnicchia e munzignara,

sta tabbarana già m'ha scuitatu

ca mi s'abbrancicà comu areddara.

Il messaggero, una fidanzata mi ha portato,

ciarliera, irrequieta e bugiarda,

questa stupida già mi ha sconvolto

perchè mi si è appiccicata come l'edera.

Ajeri a lu mercatu ivu accattari:

du cischi, un 'mbragagliu, 'na cartedda,

'na pica, un zaccagnu pi 'nnistari,

'na zicca di pezza e 'na guastedda.

Ieri al mercato sono andato a comprare:

due secchi, una zappa, una grossa cesta,

una corda, un coltello per innestare,

un po di stoffa e una pagnotta.

Si marità Trisidda cu don Saru

e riala a bbuluni arriciveru:

quattru scurruggi, un càntaru d'azzaru,

du tiani, un tiestu e puru un pullèru.

Si è sposata Teresa con don Rosario

e regali a bizzeffe hanno ricevuto:

quattro tazze, un vaso da notte d'acciaio,

due tegami, un pentolone e pure uno scialle.

Ajeri schiticchiai cu quattru amici,

maccu e scaleri mangiai a munziddu,

"catammari catammari" mi fici

la panza comu a chidda d'un jamiddu.

Ieri ho banchettato con quattro amici,

fave e gambi di carciofi ho mangiato in quantità,

piano piano mi sono fatta

la pancia come a quella di un cammello.

Di strummuli quann'era nicareddu

'nn'avia gran cornacopj e a tanti ammischi,

mi li sciaccava sempri un caruseddu,

ma cci accansava: gastìmi e bardischi.

Di trottole quando ero piccolino

ne avevo in quantità e di diversi tipi,

me le spaccava sempre un ragazzino,

ma si prendeva: maledizioni e rimproveri.

Turnà di Brucculinu lu caru zù Pitrinu,

purtà un jppuni jancu e un minnulinu,

a me muglieri un russu 'ntrizzaturi,

a mia du vurzi e puru un muccaturi.

E' tornato da Brooklin il caro zio Pietro,

ha portato una veste bianca e un mandolino,

a mia moglie un rosso nastro,

a me due borse e pure un fazzoletto.

 

Credo che, molti anziani rivivranno i tempi della loro giovinezza, mentre i più giovani potranno incuriosirsi

e perché no, sorridere anche, per le tante "strane" parole usate dai loro antenati più lontani ed anche

dai loro nonni e padri, molti dei quali, li usano ancora oggi.

 

Ed ora ecco alcuni curiosi termini dialettali siciliani, inseriti in un altrettanto curioso Menù  :

 

ANTIPASTO:      Cazzilli quadiati a ti viu e nun ti viu.

Traduzione:      Supplì di patate poco calde.

 

PRIMO:             Attuppateddi cu lu sangeli fidduliatu.

Traduzione:      Ditali (tipo di pasta) con il sanguinaccio affettato.

 

SECONDO:        Tincuni arrustutu cu putrusinu ammartucatu.

Traduzione:      Cernia arrostita con prezzemolo pestato.

 

DOLCE:             'Mpignulata cu meli abbuccateddu.

Traduzione:       Pignolata (dadini di pasta fritta) con miele abbondante.

 

Segue

Una mia poesia in dialetto strettamente riberese, formata

da quartine in endecasillabi, a rima alternata.

 LU ‘NCONTRU DI PASQUA A RIBERA

 

          

 

 

Il Santino di Pasqua, che viene distribuito ogni anno

a Ribera durante la raccolta delle offerte per la Festa.

Nel retro di tale cartolina, ogni anno viene stampata un'altra mia poesia

dal titolo PASQUA A RIBERA, vincitrice del Concorso poetico

 indetto nel 1998 dal Comitato Festa e dal Distretto Scolastico-2° Circolo.

 

 

 

Chi amuri! Chi alligria sta jurnata,

‘ntall’aria: canti, soni e tanti vuci,

la Risurrezioni è fistiggiata

di lu Signuri mortu ‘nta la Cruci.

 

E’ Pasqua e pi Ribera è ‘na gran festa,

li genti sunnu tutti ‘nta li strati,

li surbizzedda sù fatti a la lesta

e li pitanzi tutti priparati.

 

Si fa lu ‘Ncontru, genti in tutti lati,

la fudda crisci a vista ogni mumentu,

tirrazzi e barcuna sù affuddati,

picciotti, addevi e vecchi unn’hannu abbentu.

 

Largu! Ca passa ‘na chiurma di carusi

cu friscaletti, cappeddi e banneri,

mani manuzzi, satànnu fistusi,

‘sprimennu gioia in centu maneri.

Po’ ‘n’atra banda, tutti picciuttuna

appressu a un paliu granni e maistusu,

‘ntall’aria,  scrusciu di trona e mascuna

ca unu quasi si senti cunfusu!

 

Un paliu, ‘n’atru paliu, ‘n’atru ancora

s’innalzanu a lu celu a svintulari,

pi discrivilli nun trovu palora

ca quannu passanu fannu ‘ncantari.

 

C’un velu nivuru sta l’Addulurata

c’ancora cridi ca sò Figliu è mortu,

ma San Micheli fistanti l’ha avvisata

ca Gesù Cristu l’aspetta ch’è risortu.

 

Idda s’allegra, lu nivuru lu etta,

l’Arcangilu la porta ‘nta lu Figliu;

chinu di sciuri è prontu chi l’aspetta

cu lu splinduri d’un biancu gigliu.

 

Si fa lu ‘Ncontru, quanta emozioni!

migliaia d’occhi di lacrimi vagnati,

la Madunnuzza fa tri flissioni

e a sò Figliu ci duna tri vasati.

 

Un battimani davveru esultanti

vibra pi l’aria cu granni arduri,

cori ca battinu, cori fistanti,

sunnu scurdati li peni e duluri.

 

Ora si torna a la casa filici

ca la Madonna ‘ncuntrà lu Signuri,

‘nti chistu jornu tutti sù amici,

si fussi eternu,  chi paci!  chi amuri  !

_________________________________________

La poesia è stata pubblicata:

- nel volume “Ribera canta...e comu canta canta” - Edizione: Biblioteca comunale di Ribera - 1980.

- nel volume “La strina” di G.Nicola Ciliberto - Ediz. Comune di Ribera - 1991

- inserita sulla copertina della litografia   “La Pasqua a Ribera” di Lillo  Bavetta  –  Anno 1998

***

LE ORIGINI DELLA "LINGUA" SICILIANA

dalle dominazioni di Elimi e Siculi fino all’Immigrazione in America

 

Il siciliano è il risultato della fusione dei dialetti italo-romanzi che caratterizzavano le popolazioni della Sicilia, già prima dell’arrivo di Greci, e Romani.

La loro origine sembra essere di tipo indoeuropea, il che confermerebbe una natura totalmente distinta, del siciliano, dal volgare italiano. Secondo l’organizzazione Ethnologue, la sua peculiare struttura lo renderebbe un idioma a sé, e grazie a Federico II di Svevia è anche stata la prima lingua letteraria d’Italia.
Si presume dunque che il siciliano possa derivare direttamente dalla lingua elìma, utilizzata dal popolo che ne occupava la parte più a Occidente, sicula e sicana. Vengono considerate sicane tutte quelle iscrizioni non indoeuropee, che sono state ritrovate sull’Isola, ma per il tipo di struttura, si presume che furono la lingua sicula, di origini latine, e la lingua degli Elimi, di origini indoeuropee, a costituire il nucleo centrale portante del linguaggio siculo.

L’UNESCO ha riconosciuto al siciliano lo status di lingua madre, insieme ad altre lingue europee non a rischio di estinzione. Oggi, sono più di 5 milioni le persone che nel mondo parlano il siciliano; la maggior parte di loro è ovviamente dislocata nella Regione, ma vi è anche un numero imprecisato di cittadini statunitensi, argentini, australiani, canadesi, tedeschi e franco-belgi, i cui discendenti lo praticano ancora; negli Stati Uniti, nel corso della prima metà del XX secolo, si è persino venuta a creare una curiosa variante detta ‘siculish’, dalla sicilianizzazione di alcuni termini inglesi, utilizzata anche da Leonardo Sciascia nel racconto “La zia d’America”.

Nonostante il siciliano non sia stato esplicitamente riconosciuto come lingua, dalla Repubblica Italiana, è stata comunque oggetto di diverse norme regionali volte alla sua promozione e valorizzazione, all’interno delle strutture culturali e didattiche siciliane.
Nel 2012, dalla collaborazione tra Università di Palermo e Università di Rosario è nato il Centro de Estudios Sicilianos e l’istituzione di una cattedra di “Cultura e lingua siciliana”; l'organizzazione internazionale Arba Sicula, con sede a New York, annovera tra i suoi lavori la pubblicazione di una rivista bilingue (sia in inglese che in siciliano). Nel 2004, è stata creata una versione sicula di Wikipedia, oggi completa di ben 24.490 voci.
Data la posizione strategica dell’Isola, è evidente che anche la sua lingua abbia subìto diverse trasformazioni, nel corso dei secoli. Le diverse invasioni di fenici, greci, arabi e spagnoli, hanno dunque portato ad arricchirne il vocabolario e a cambiarne o acquisirne le forme grammaticali.

Le influenze più antiche sembrerebbero essere visibili oggi nei nomi attribuiti alle piante che popolavano, spontaneamente la regione; come ‘alastra’, che sta ad indicare genericamente una specie di leguminosa spinosa, oppure termini più tecnici che derivavano da quella che era la semplice vita contadina del tempo, e la spiegazione dei fenomeni che accadevano intorno a sé, come il termine ‘ammarrari’, che significa costruire un canale d’acqua o fermarne la corrente, oppure ‘calancuni’, un termine che sta ad indicare un’onda impetuosa o un torrente in piena.
Dopo le parole di origine latina, una delle influenze principali sulla lingua siciliana, è sicuramente rappresentata dalla lingua greca (per un 14,66%), approdata sull’Isola anche e con tutta probabilità,  tramite la dominazione Romana e Bizantina; alcuni esempi sono dati dai vocaboli ‘appizzari’ cioè appendere, attaccare, da ‘babbiari’ ovvero scherzare (termine che si trova anche nel dialetto calabro), e dal termine càntaru, ovvero ‘tazza’, esteso poi a catino o bacinella, (da kantharos), che ritroviamo anche, simile, nella lingua salentina. Persino il noto termine ‘caruso’ (ovvero ‘ragazzo’), sembrerebbe derivare dal greco (kouros); stesso discorso per ‘cammisa’, ‘tumassu’ (da cui il tumazzu, tipico formaggio siculo), ‘cirasa’, parola sicula che presenta similitudini anche nella lingua calabra e napoletana, e ‘chìanca’, che indica la macelleria (dal verbo greco ‘kiankeo’, macellare). Di origine greca sono anche diversi cognomi tipici siciliani, soprattutto di influenza dorica, come Alfeo o Alfei, Nunziato o Nunzi e Maffeo o Maffei, derivati normalmente da nomi propri di persona.
L’influenza araba è particolarmente persistente già a partire dalla dominazione Bizantina della Sicilia, voluta ed effettuata dalle armate dell’Imperatore Giustiniano I che ne fece sua provincia. Primo fra tutti è sicuramente il termine ‘partuallu’ (arancia), di cui si hanno forme simili anche nella lingua calabra e portoghese, che per alcuni sembrerebbe derivare dal greco ‘portokali’, mentre con tutta probabilità trae origine dal termine ‘burtuqal’.

Tra i vocaboli di origine araba ritroviamo forse quelli più noti del siciliano, anche al di fuori dei confini della Regione; forse perché furono gli Arabi ad occuparsi dello sviluppo, agricolo, urbano e dunque economico, dell’Isola, nella sua totalità. Dalla parola araba ‘harrub’, deriva infatti il termine carrubo (da cui probabilmente derivò poi il castigliano ‘algarroba’), la parola ‘cassata’, il ‘dammusu’ e la ‘giuggiulena’, che oggi dà anche il nome ad un tipico dolce calabro-siculo fatto a base di semi di sesamo. Dall’arabo derivano inoltre ‘favara’ (sorgente), da cui probabilmente deriverebbe il nome dell’omonima città sita in provincia di Agrigento, il termine siculo di ‘zafarana’, da cui lo zafferano in italiano, e di ‘zibbibbu’, della nota uva introdotta proprio dagli Arabi, che dà origine al Moscato di Pantelleria. Da parole arabe derivano anche i nomi di alcune città sicule, come Calatafimi, Caltagirone, Caltanissetta, (tutte derivate dal termine ‘qalʿa’, ovvero cittadella, fortificazione), Marsala e Marzamemi; Giarre, Misilmeri, Racalmuto e Regalbuto, e alcune espressioni come ‘Mongibello’, nonché alcuni cognomi come Butera, dalla nota famiglia nobile che occupò alcuni feudi della regione, che si pensa possa derivare da un'italianizzazione del nome arabo ‘Abu Tir’ (padre di Tir); stesso discorso per i Gedda, toponimo della nota città dell’Arabia Saudita, e dei cognomi Fragalà e Zappalà, che dovrebbero originare dalla traslazione di alcune espressioni idiomatiche quali ‘gioia di Allah’ o ‘forte in Allah’, e del toponimo Sciarrabba, derivante dalla nota bevanda alcolica del ‘sarab’.

Dai franco-normanni, il siciliano ha mutuato diversi vocaboli, come ‘accattari’ cioè comprare, dal normanno ‘acater’ (da cui il francese ‘acheter’), che si trova anche nei linguaggi dialettali di altre parti meridionali d’Italia come la Puglia, la Calabria e la Campania, o ‘appujari’, cioè appoggiare. Stesso discorso per la ‘buatta’ (contenitore di latta o barattolo), usata ancora oggi anche nella lingua napoletana, ‘custureri’ (sarto), ‘firranti’ (grigio), ‘mustàzzu’ (baffi), da cui probabilmente deriva il termine mustazzolo, ad indicare il tipico dolce siciliano a base di vino cotto, sesamo, cannella, chiodi di garofano e pepe nero, che in Puglia viene preparato con mandorle, limone, cannella, farina e miele, e che si prepara, con ulteriori varianti, anche in Calabria e Campania; il termine ‘raggia’ (rabbia), anch’esso condiviso con altre lingue del Sud, e il termine ‘travagghiari’, dal quale sorge il francese moderno ‘travailler’ e il castigliano ‘trabajar’.   
Di notevole importanza è stata, per il siciliano, anche l’influenza lombarda, determinata dall’invasione normanna (ad opera di armate provenzali e piemontesi soprattutto), che hanno portato alla formazione dei cosiddetti dialetti gallo–italici, che ancora caratterizzano le zone di San Fratello, Novara di Sicilia, Nicosia, Sperlinga e Piazza Armerina. Derivanti dal lombardo sono infatti i termini ‘soggiru’ (suocero), ‘figghiozzu’, e i giorni della settimana. La cosiddetta ‘Scuola poetica Siciliana’ ha poi subito una grande influenza da parte del provençal, grazie all’intervento di Federico II di Svevia, tra le cui parole principali ricordiamo esserci ‘addumari’ (accendere), ‘aggrifari’ (rapinare), ‘burgisi’, che era il termine con cui si definiva l’antico proprietario terriero siciliano, e ‘lascu’, cioè molle, largo.

Dalla dominazione aragonese derivano all’incirca 771 termini, tratti sia dal castigliano che dal catalano; un’influenza anche maggiore di quella della lingua greca, secondo il Dizionario Etimologico Siciliano di Salvatore Giarrizzo. Oltre al lessico, il siciliano è stato influenzato dallo spagnolo anche nella sua grammatica e struttura sintattica, che si riscontra nelle terminazioni verbali dell'imperfetto e del condizionale, ma anche in alcune espressioni idiomatiche e perifrastiche. Le parole più emblematiche sono sicuramente ‘tiempu’ (e tutti i termini simili come ‘vientu’, ‘chianu’), e il verbo ‘chiamari’ e simili. I termini presi in prestito dal catalano sono decisamente meno, ma comunque influenti: come ad esempio ‘abbuccari’, piegarsi, capovolgere (simile anche nel napoletano), ‘addunnarisi’, ‘stricari’ e ‘arriminari’, o ad esempio il verbo ‘dunari, la cui coniugazione si mescola all’italiano ‘dare’, oltre alla ‘e’ originaria atona, così come appare nella parola ‘asempiu’.

Non è inoltre da escludere che il pronome relativo e congiunzione ‘ca’, possa derivare dal catalano ‘que’.
Dal castigliano derivano invece noti vocaboli come ‘manta’ (coperta), ‘pigliari’ e ‘zita’ (fidanzata), dal toponimo spagnolo ‘cita’, che significa appuntamento.

Per quanto strano possa sembrare, vi è una piccola percentuale di termini siciliani, che, a causa delle migrazioni in massa effettuate tra la fine dell’Ottocento e la prima parte del Novecento, in zone di lingua Anglosassone, hanno subìto l’ingerenza di termini inglesi e americani. Il secondo periodo di contatto inevitabile, tra le due lingue, è ovviamente posto alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Le parole a questo proposito, più utilizzate e conosciute, sono ‘firrabbottu’ (da ferry boat), ‘bissinìssi’ (da business) e ‘friggideri’.

Enrica Bartolotta da Siciliafan

 

  NUOVO CAPITOLO SPECIALE  ILLUSTRATO SUL NOSTRO DIALETTO 

 

 PAROLE SICILIANE

che non provengono dall'italiano ma da varie lingue straniere   (A cura di G.N.Ciliberto)

Clicca sotto

DIALETTO CHE SCOMPARE

 

 

 

HOME PAGE