Storielle e "Cunti" siciliani, tratti da libri e da siti internet,

scelti e riadattati da Giuseppe Nicola Ciliberto

 ***

 

 SI CUNTA...E SI RACCUNTA.............

 

2 ottobre FESTA DEI NONNI:  Perchè ? 
 

  Fin dai tempi antichi, per tradizione sono stati sempre i nonni a tenere buoni i lori nipotini raccontando simpatiche storielle e favole che ancora oggi, se riproposte riescono molto interessanti ed incuriosiscono chi li ascolta. Quindi la sezione parte con i primi racconti che vedono protagonista il personaggio di Giufà, ma proseguiranno con altre storie siciliane che spero saranno gradite non solo dai bambini che li ascolteranno, ma soprattutto dai loro nonni che rileggendole glieli racconteranno con le loro parole, sicuri di conquistare ancor di più il loro affetto, uguale se non superiore a quello dei genitori.

Innanzitutto facciamo festa ai nonni per dire loro "grazie". Un "grazie" particolare a due figure fondamentali della famiglia e della società intera: il nonno e la nonna. 
Il 2 ottobre si celebra la ancora “giovane” festa dei nonni. Istituita nel 2005 dal Parlamento che ha riconosciuto ufficialmente il ruolo fondamentale dei nostri nonni e non sfigura certamente accanto alla festa del papà e a quella della mamma. La ricorrenza cade il 2 ottobre, il giorno in cui la Chiesa celebra gli Angeli, ed è concepita proprio come momento di incontro e riconoscenza nei confronti dei nonni-angeli custodi dell'infanzia. 
L'istituzione della festa prevede l'impegno concreto da parte degli Enti locali (Regioni, Province e Comuni) ad istituire iniziative per valorizzare il ruolo dei nonni ed un premio annuale, consegnato dal presidente della Repubblica

al nonno e alla nonna d'Italia. E' davvero importante festeggiare i nonni in un grande abbraccio, ricordandoci quanto questa figura dà ogni giorno, in termini di aiuto concreto (e soprattutto dal punto di vista umano), alle loro famiglie e ai loro nipoti.

 

Ecco le prime storielle di GIUFA'

GIUFA' E LU CANTA LA NOTTI

 

  'Na vota la matri di Giufà aveva un gaddu. 'Na jurnata lu cuciu e si lu manciaru a tavula. Giufà, ca nu nn'avia manciatu mai, cci piacíu e cci spijau a sò matri: comu si chiamava. 
Sò matri cci dissi:  - Canta-la-notti.
'Na siritina Giufà vitti un puvireddu chi cantava darreri 'na porta; pigghia un cuteddu, cci l'azzicca 'nta lu cori, si lu càrrica e si lu porta a la sò casa, e cci dici a sò matri:
- Mamma, I'haju purtatu lu Canta-la-notti
La matri vidennu a ddu mortu si misi 'n cunfusioni, e pigghia lu rnortu e lu jetta intra lu puzzu.
La Giustizia accuminzau a circari di chiddu ch' avia statu ammazzatu; e Giufà cci dissi ca l'aveva ammazzatu iddu e ca cci l'avia purtatu a sò matri pi fariccillu còciri. La matri comu sappi sta cosa subbitu scannà un crastu ch'avia, e cci lu jetta supra lu mortu 'nna lu puzzu.

Nna mentri, veni Giufà cu la Giustizía. Idda spija si Giufà avia purtatu un mortu; e sò matri cci dici, ca avia purtatu un crastu fìtusu, e cci l'aveva jittatu 'nta lu puzzu. 
Unu di la Giustizia si cala 'nta lu pozzu e tuccannu tuccannu vitti pilu. E cci spijau a li parenti di lu mortu ca eranu supra:
- Chi è? pilusu?
- Forsi 'nti lu pettu.
Tuccannu tuccannu vidi quattru pedi.
- Chi havi quattru pedi?
- Havi du' pedi e du' manu.
Tantiannu tantiannu vidi ca havi du' corna e spija:
- Ch'avìa du' corna?
Ddocu s'addunanu ch'era buffuniata.

TRADUZIONE
CANTA LA NOTTE
Una volta la mamma di Giufà cucinò un gallo e tutti a tavola lo mangiarono. A Giufà, che non lo aveva mai mangiato, piacque molto e volle sapere dalla madre come si chiamava.
La madre disse:
- Canta-la-notte
Giufà una sera vide un poveraccio che cantava dietro una porta, prese un coltello e glielo ficcò nel cuore. Poi si caricò sulle spalle il poveraccio e se lo portò a casa e disse a sua madre:
- Mamma ho portato un Canta-la-notte
La madre, vedendo il morto, entrò in confusione e decise di buttarlo nel pozzo.
La giustizia si mise alla ricerca dell'uomo morto e Giufà raccontò che l'aveva ucciso lui e che l'aveva portato alla madre per cucinarlo.
La madre , appena venne a sapere della confessione di Giufà, prese un castrato che aveva lo scannò e lo buttò sopra il morto nel pozzo.
Nel frattempo i gendarmi si presentarono a casa e chiesero alla madre se era vero che Giufà avesse portato a casa un morto.
La madre rispose che Giufà aveva portato a casa un castrato puzzolente e che le l'aveva buttato nel pozzo.
Un gendarme si calò nel pozzo per controllare e tastando al buio trovò del pelo. Allora, chiese ai parenti del morto che erano sopra:
- Che è, peloso?
- Forse nel petto - risposero i parenti
- Ha quattro piedi? - chiese il gendarme
- Ha due piedi e due mani - risposero sopra
Il gendarme guardando e toccando sentì che il presunto morto aveva due corna e chiese:
- Aveva due corna? E allora hanno capito che era tutta un abuffonata.
 

 

GIUFA E L’OTRI LAVATA

 

Ora la matri di Giufà vidennu ca cu stu figghiu 'un cci putia arrèggiri, lu mannà pi picciottiu di tavirnaru.

Lu tavirnaru lu chiamau: — "Giufà, va a mari, e va lava sta ventri, ma bona lavala, sai!  masinnò abbuschi."  Giufà si pigghiò la ventri e iju a spiaggia di mari. Lava, lava;  ddoppu aviri lavatu 'na matinata, dissi: — "E ora a cu' cci spiju s'è bona lavata?" 'Nta stu mentri s'adduna d'un bastimentu chi stava partennu; nesci un muccatturi, e si metti a fari signali a li marinara, e a chiamalli: — "A vui! a vui! Viniti ccà! Viniti ccà!" Lu capitanu si nn'addunà e dissi: — "Accustamu picciotti,  ca cu' sa chi ‘nni scurdamu 'n terra..." Scinni 'n terra, e va nni Giufà. — "Ora chi cc'è?" "Vassìa mi dici: f," bona lavata sia ventri?" Lu capitanu unu era e centu si fici; afferra un pezzu di lignu e cci li sunau boni boni. Giufà chiancennu cci dissi: — '"Linea com'hé diri?" — "Ha' a diri, cci arrispunni lu capitanu: — Signuri. facitili curriri. — E accussi nn'accanzamu lu tempu ch'àmu persu."

Giufà cu li spaddi beddi càudi, si pigghia la ventri e sferra pi 'na campagna, dicennu sempri: — "Signuri, facitili curriri! Signuri, facitili curriri!" 'Ncontra a un cacciaturi ca tinfa di fittu du' cunigghia. 'Ncugna Giufà: — "Signuri, facitili curriri! Signuri, facitili curriri!" Li cunigghia scapparu. — "Ah! figghiu di scarana! macari tu mi nn'ha' a fari?" cci dici lu cacciaturi, e cci chianta di mani a culazzati di scupetta. Giufà chiancennu chiancennu cci dici: — "'Dunca com'hé diri?" — "Comu ha' a diri? — Signuri facitili uccidiri!"

Giufà si pigghia la ventri e jva ripitennu zoccu avi'a a diri. Scontra, e scontra a dui chi si sciarriavanu.

Dici Giufà: — "Signuri, facitili uccidiri!" — "Ah 'nfamuni! puru tu attizzi!" dicinu chisti dui; e lassanu di sciarriàrisi e chiantanu di manu a Giufà. Poviru Giufà arristau cu la scuma a la vucca, e 'un putia cchiù parlari. Ddoppu un pizzuddu, dici sugghiuzziannu: — "'Dunca com'ha diri?" — "Comu ha" a diri? cci arrispunninu iddi: ha' a diri:"Signuri facitili spàrtiri!" — '"Nca. Signuri, facitili spàrtiri, accuminciò a diri a Giufà;

Signuri, Facitili spartiri." E jva caminannu cu la ventri 'mmanu e sempri dicennu la stissa canzuna.

Caminannu caminannu, a cui 'ncontra? a du' picciotti ca niscìanu di la Chesa maritati allura allura;

comu sentinu: —  "Signuri, Facitili spàrtiri! Signuri, facitili spàrtiri!" curri lu zitu, si sciogghi la cintura  e tiritinghi  e tiritanghi supra Giufà dicènnucci:   —  "Aciddazzu  di malagùriu!   ca mi voi fari spàrtiri cu me mugghieri!..." Giufà 'un ni putennu cchiù si jittò pi mortu. Li parenti di li ziti 'ncugnaru pi vidiri si Giul'à era mortu o vivu.

Ddoppu un pizzuddu Giufà arrivinni e si susiu. Cci dicinu li genti: - "Unca tu accussì cci avìvi a diri a li ziti?"

— "E comu cci avi'a a diri?" cci addumanna Giufà.

—  "Cci avìvi a diri:  — Signuri. facitili ridiri' ...Signuri. facitili ridiri!"

Giufà si pigghiò la ventri e si nni turnò a la taverna. Passannu di 'na strata, cc'era 'nta 'na casa un mortu cu li

 cannili pi davanti, e li parenti chi chiancìanu a chiantu ruttu. Comu sentinu diri a Giufà:

— "Signuri, facitili ridiri! Signuri, facitili ridiri!" — zoccu cci avìanu dittu chiddi di lu zitaggiu,

— cci parsi 'na cosa fatta apposta; nesci unu cu un marrùggiu, e a Giufà cci nni detti pi iddu e pi àutru.

Allura vitti Giufà ca lu megghiu era di zittirisi e curriri a la taverna. Lu tavirnaru comu lu vitti cci detti lu restu, ca l'avia mannatu cu la matinata, e s'arricugghiu 'versu vintitrì uri; e poi cci detti la coffa.

 

 

TRADUZIONE "GIUFA E L'OTRE LAVATA"

Ora la madre di Giufà, vedendo che con questo figlio non ci poteva reggere, lo mandò come sguattero da un taverniere. Il taverniere lo chiamò: "Giufà, vai al mare e vai a lavare questa otre, ma bene lavala, sai! sennò le prendi. "Giufà si prese l'otre e andò alla riva del mare.

Lava, lava, dopo avere lavato una mattinata, disse: "E ora a chi chiedo se è ben lavata?" In quel mentre si accorge di un bastimento che stava partendo; esce un fazzoletto e si met­te a fare segnali ai marinai, e a chiamarli: "A voi! a voi! Venite qua!" Il capitano se ne accorse e disse: "Accostiamo ragazzi, chissà che ci scordiamo a terra..." Scende a terra e va da Giufà: "Ora che c'è?" — "Vossignoria mi dica, è ben lavata questa otre?" Il capitano uno era e cento si fece; afferra un pezzo di legno e gliele suonò buone buone. Giufà, piangendo, gli disse: "Ma come devo dire?" — "Devi dire" gli rispose il capitano: "Signore, fateli correre! e cosi' recuperiamo il tempo che abbiamo perso."

Giufà, con le spalle belle calde, si prende l'otre e parte per la campagna, dicendo sempre: "Signore, fateli correre! Signore, fateli correre!" Incontra un cacciatore che teneva sotto tiro due conigli. Si accosta a Giufà: "Signore, fateli correre! Signore, fateli correre!" I conigli scappano: "Ah! figlio di puttana! magari tu me ne devi fare?" gli dice il cacciatore, e comincia a menarlo con la culotta dello schioppo. Giufà, piangendo piangendo, gli dice: "Ma come devo dire?" — "Come devi dire? — Signore, fateli uccidere!"

Giufà si prende l'otre, e andava ripetendo ciò che doveva dire. E chi incontra? Incontra due che si legnavano. Dice Giufà: "Signore, fateli uccidere!"— "Ah, infame! Pure tu attizzi!" dicono questi due; e lasciano di legnarsi per menare Giufà. Povero Giufà, restò con la schiuma in bocca, e non poteva più parlare. Dopo un poco, dice singhiozzando: "Ma come devo dire?" — "Come devi dire?" gli rispondono quelli; "Devi dire :- Signore, fateli dividere!" — "Allora, Signore, fateli dividere, cominciò a dire Giufà, Signore, fateli dividere." E andava camminando con l'otre in mano e sempre dicendo la stessa canzone.

Camminando camminando, chi incontra? Due giovani che uscivano dalla chiesa, allora allora sposati; come sentono: "Signore, fateli dividere! Signore, fateli dividere!" accorre lo sposo, si scioglie la cintura e,tiritinghi e tiritanghi sopra Giufà dicendo: "Uccellaccio del malaugurio! che mi vuoi fare dividere da mia moglie!..." Giufà non potendone più si buttò per morto. I  parenti degli sposi si avvicinarono a Giufà per vedere se era morto o vivo. Dopo un poco Giufà rinvenne e si alzò.

Gli dicono le persone: "Ma tu cosi dovevi dire agli sposi?" — "E come dovevo dire?" domanda Giufà. "Dovevi dire: Signore, fateli ridere! Signore, fateli ridere!" Giufà si prese l'otre e se ne tornò alla taverna. Passando da una strada, c'era in una casa un morto, con le candele davanti e i parenti che piangevano con pianto rotto. Come sentono dire a Giufà: "Signore, fateli ridere! Signore, fateli ridere!". Quello che gli avevano detto quelli delle nozze, gli sembrò una cosa fatta apposta: esce uno con un bastone, e a Giufà gliene diede per lui e per gli altri. Allora Giufà vide che era meglio zittirsi e correre alla taverna. Il taverniere come lo vide gli diede il resto, perché l'aveva mandato la mattina, e si era ritirato verso le ventitré; e poi gli diede la coffa (1)

Note: 1) _Lo ha licenziato

 

 

GIUFA’ : -TIRATI LA PORTA

 

'Na vota la matri di Giufà si 'nni ju a la Missa e dissi a sò figliu:

- Giufà, vaju a la Missa; tirati la porta e mi veni a truvari a la chesa.

Giufà, comu niscíu sò matri, piglià la porta e la misi a tirari; e tira e tira,

tantu furzau ca la porta si nnì vinni.

Giufà si la càrrica 'n coddu, e va a la Chiesa a jittariccilla davanti di sò matri:

- Ccà cc'è la porta!... Naturalmenti so matri ci detti 'na bonna fracchiata di lignati. Su' cosi di fari chisti ? !...

 

TRADUZIONE "GIUFA: - TIRATI LA PORTA"
Una volta la madre di Giufà andò alla messa e disse a suo figlio:

-Giufà vado alla messa; tirati la porta e mi vieni a trovare in chiesa.

- Giufà, come uscì sua madre piglia la porta e si mette a tirarla; tira tira, tanto forzò che la porta se ne venne.

Giufà se la carica sulle spalle e va in chiesa a buttargliela davanti a sua madre:

-Qua c’è la porta! ... Naturalmente sua madre gli diede una buona dose di legnate.

Sono cose da fare queste ? !...

  

 

 

GIUFA’ E LA CIOCCA

 

Si cunta ca 'na vota cc'era Giufà; sò matri si nni ij' a la Missa e cci dissi:
- Giufà, vidi ca staju jennu a la Missa, vidi ca cc'è la hjocca, e havi a scuvari l'ova, la pigli, cci duni a manciari la suppa e pò la menti 'n capu arrieri, ca nun bazzi ca s'arriffriddanu I'ova.
'Nqua Giufà piglia la hjocca, cci fa la suppa cu pani e vinu e la civa, tantu chi la civava ca cci la fuddava cu la jita e l'affuccà' e murì'; quannu Giufà vitti la hjocca morta, dissi:
- Ora comu fazzu, ca l'ova s'arrifriddanu! ora mi cci mintu ia 'n capu l'ova.
Si leva li pantaluna e la cammísa e s'incula 'n capu l'ova, e si cci assetta. 
Vinni sò mà' e ci gridava: - Giufà, Giufà!  Arrispunni Giufà:
- Chila, chila, 'un cci puozzu viniri, ca sugnu hjocca e sugnu misu 'n capu l'ova , vasinnò s'arrifriddanu.
Sò matri si misi a gridari: - Birbanti, birbanti ! ca tutti l'ova scrafazzasti!
Si susi Giufà e I'ova eranu tutti 'na picata. Naturalmente ne seguirono le solite legnate.

 

 

TRADUZIONE "GIUFA E LA CHIOCCIA"


Si racconta che una volta c'era Giufà; sua madre se ne va a messa e gli dice:
- Giufà vedi che sto andando a Messa, vedi che c'è la chioccia che deve covare le uova. Prepara la zuppa e falla mangiare. Quando ha finito riportala a covare, altrimenti le uova si raffreddano.
Giufà, prende la gallina per farla mangiare le fa la zuppa con pane e vino, e la imbocca, tanto la imboccava che l’affogò e morì. 
Vista la gallina stesa per terra, morta ammazzata, si disse:
- Ora come faccio che le uova si raffreddano? Mi metto a covarle io.
Si levò pantaloni e camicia e si pose sulla covata. 
Quando tornò la madre, si mise a chiamare: - Giufàa! Giufàa! Giufà rispose:
- Chila, chila.. non posso venire, sto facendo la chioccia e sono sopra la covata sennò le uova si raffreddano!
Sua madre si mise a gridare: -Birbante, birbante! Hai schiacciato tutte le uova!
Giufà si alza e le uova erano tutte una frittata ! Naturalmente sono seguite le solite legnate.

 

 

 

 

STORIE E LEGGENDE DI SICILIA

 

La storia di Aretusa
Aretusa, figlia di Nereo e di Doride, amica della dea Diana, fu trasformata da quest’ultima in una fonte di acqua dolce che sgorga lungo la riva bagnata dalle acque del porto grande di Siracusa.

La metamorfosi fu attuata per sottrarre la timida ninfa alla corte del dio Alfeo. Costui, però, è la divinità fluviale, quindi scorrendo sotto le acque del mare Egeo, arriva in prossimità della fonte nella quale era stata trasformata la sua amata per consentire alle sue acque di raggiungere quelle della fonte stessa e quindi mescolarsi con loro.

In realtà, Alfeo era un piccolo fiume della Grecia che effettua un breve tragitto in superficie per poi scomparire sotto terra.

Quando i Greci trovarono la piccola sorgente nei pressi della fonte di Aretusa, trovarono la spiegazione fantasiosa alla scomparsa del fiume Alfeo in Grecia, che sarebbe riapparso in superficie in Sicilia.

 

La leggenda di Aci e Galatea

Tale leggenda ha un’origine greca e spiega la ricchezza di sorgenti d’acqua dolce nella zona etnea.

Aci era un pastorello che viveva lungo i pendii dell’Etna.

Galatea, che aveva respinto le proposte amorose di Poliremo, lo amava. Poliremo, offeso per il rifiuto della ragazza, uccide il suo rivale nella speranza di conquistare la sua amata.

Ma Galatea continua ad amare Aci.

Nereide, grazie all’aiuto degli dèi, trasforma il corpo morto di Aci in sorgenti d’acqua dolce che scivolano lungo i pendii dell’Etna.

Non lontano dalla costa, vicino l’attuale Capo Molini, esiste una piccola sorgente chiamata dagli abitanti del luogo "il sangue di Aci" per il suo colore rossastro.

Sempre nei pressi di Capo Molini esisteva un modesto villaggio chiamato, in memoria del pastorello, Aci.

Nell’undicesimo secolo dopo Cristo un terremoto distrusse il villaggio, provocando l’esodo dei sopravvissuti che fondarono altri centri. In ricordo della loro città d’origine, i profughi vollero chiamare i nuovi centri col nome di Aci al quale fu aggiunto un appellativo per distinguere un villaggio dall’altro. Si spiega così, ad esempio, l’esistenza di Aci Castello (appellativo dovuto alla presenza di un castello costruito su di un faraglione che poi fu distrutto da una colata lavica nell’XI secolo) ed Acitrezza (la cittadina dei tre faraglioni).

 

La storia di Colapesce

Cola o Nicola è di Messina ed è figlio di un pescatore di Punta Faro. Cola ha la grande passione per il mare. Amante anche dei pesci, ributta in mare tutti quelli che il padre pesca in modo da permettere loro di vivere. Maledetto dalla madre esasperata dal suo comportamento, Cola si trasforma in pesce. Il ragazzo, che cambia il suo nome in Colapesce, vive sempre di più in mare e le rare volte che ritorna in terra racconta le meraviglie che vede. Diventa un bravo informatore per i marinai che gli chiedono notizie per evitare le burrasche ed anche un buon corriere visto che riesce a nuotare molto bene. Fu nominato palombaro dal capitano di Messina. La sua fama aumenta di giorno in giorno ed anche il Re di Sicilia Federico II lo vuole conoscere e sperimentarne le capacità. Al loro incontro, il Re getta una coppa d’oro in mare e chiede al ragazzo di riportargliela. Al ritorno Colapesce gli racconta il paesaggio marino che ha visto ed il Re gli regala la coppa. Il Re decide di buttare in mare la sua corona ed il ragazzo impiega due giorni e due notti per trovarla. Al suo ritorno egli racconta al Re d’aver visto che la Sicilia poggia su tre colonne, una solidissima, la seconda danneggiata e la terza scricchiolante a causa di un fuoco magico che non si spegneva. La curiosità del Re aumenta ancora e decide di buttare in acqua un anello per poi chiedere al ragazzo di riportarglielo. Colapesce è titubante, ma decide ugualmente di buttarsi in acqua dicendo alle persone che avessero visto risalire a galla delle lenticchie e l’anello, lui non sarebbe più risalito. Dopo diversi giorni le lenticchie e l’anello che bruciava risalirono a galla ma non il ragazzo, ed il Re capì che il fuoco magico esisteva davvero e che Colapesce era rimasto in fondo al mare per sostenere la colonna corrosa.

 

La storia di Scilla

Scilla, figlia di Crateide, era una ninfa stupenda che si aggirava nelle spiagge di Zancle (Messina) e fece innamorare il dio marino Glauco, metà pesce e metà uomo. Rifiutato dalla ninfa, il dio marino chiede l’aiuto della maga Circe, senza sapere che la maga stessa era innamorata di lui.

La maga, offesa per il rifiuto del dio marino alla sua corte, decide di vendicarsi preparando una porzione a base di erbe magiche da versare nella sorgente in cui Scilla si bagna usualmente.

Appena Scilla si immerge, il suo corpo si trasforma e la parte inferiore accoglie sei cani, ciascuno dei quali con una orrenda bocca con denti appuntiti. Tali cani hanno dei colli lunghissimi a forma di serpente con cui possono afferrare gli esseri viventi da divorare.

A causa di questa trasformazione, Scilla si nasconde in un antro presso lo stretto di Messina. Decide anche di vendicarsi di Circe privando Ulisse dei suoi uomini mentre lui stava attraversando lo stretto. Successivamente ingoia anche le navi di Enea.

La leggenda vuole che Eracle, attaccato dalla ninfa mentre attraversa l’Italia con il bestiame di Gerione, la uccide, ma il padre della ragazza riesce a richiamarla in vita grazie alle sue arti magiche.

Il suo nome ricorda “colei che dilania”. Insieme a Cariddi, per i greci impersona le forze distruttrici del mare. Queste due divinità, localizzate tra le due rive dello stretto di Messina, rappresentano i pericoli del mare.

 

La storia di Cariddi

Tale mostro impersona, nell’immaginario collettivo, un vortice formato dalle acque dello stretto. Tale ninfa mitologica greca è figlia di Poseidone e di Gea ed era tormentata da una grande voracità. Giove la scaglia sulla terra insieme ad un fulmine. E’ abituata a bere grandi quantità di acqua che poi ributta in mare Anche in questo caso, come il precedente, il passaggio di Eracle dallo stretto di Messina insieme all’armento di Gerione è provvidenziale: quando essa gli rubò alcuni buoi per divorarli, Giove la colpisce con il fulmine e la ninfa precipita in mare trasformata in un mostro. Il primo a raccontare questo mito fu Omero spiegando che Cariddi si trova di fronte a Scilla. Anche Virgilio parla di Cariddi nel suo poema Eneide.

 

La storia della Fata Morgana

La leggenda ci tramanda che, dopo aver condotto suo fratello Artù ai piedi dell'Etna, Morgana si trasferisce in Sicilia tra l'Etna e lo stretto di Messina, dove i marinai non si avvicinano a causa delle forti tempeste, e si costruisce un palazzo di cristallo. Sempre in base alla leggenda, Morgana esce dall'acqua con un cocchio tirato da sette cavalli e getta nell'acqua tre sassi, il mare diventa di cristallo e riflette immagini di città. Grazie alle sue abilità, la Fata Morgana riesce ad ingannare il navigante che, illuso dal movimento dei castelli aerei, crede di approdare a Messina o a Reggio, ma in realtà naufraga nelle braccia della fata. La Fata Morgana non è altro che un fenomeno ottico che si ammira spesso nello stretto di Messina e nell'isola di Favignana a causa di particolari condizioni atmosferiche. Guardando da Messina verso la Calabria, si vede come sospesa nell'aria l'immagine di Messina e, viceversa, guardando da Reggio Calabria verso Capo Peloro, si vede nello stretto Reggio.

 

La storia di Mata e Grifone

A Messina viveva una bella ragazza dalla grande fede cristiana, figlia di re Cosimo II da Casteluccio; il suo nome Marta in dialetto si trasforma in Matta o Mata. Verso il 970 dopo Cristo il gigante moro Hassan Ibn-Hammar sbarcò a Messina, con i suoi compagni pirati e incominciò a depredare nelle terre in cui passava. Un giorno il moro vide la bella fanciulla e se ne innamora, la chiede in sposa ma ottiene un rifiuto. Ciò provocò l'ira del pirata che uccise e saccheggiò più di prima. I genitori, preoccupati, nascosero Marta, ma il moro riuscì a rapirla con la speranza di convincerla a sposarlo. Marta non ricambiava il suo amore trovando nella preghiera la forza a sopportare le pressioni del moro. Alla fine, il moro si converte al cristianesimo e cambia il suo nome in Grifone. Marta apprezza il gesto e decide di sposarlo. La tradizione ci tramanda che furono loro a fondare Messina.

 

La leggenda del gigante Tifeo

E’ la leggenda che stabilisce che la Sicilia è sorretta dal gigante Tifeo che, osando impadronirsi della sede celeste, fu condannato a questo supplizio.

Con la mano destra sorregge Peloro (Messina), con la sinistra Pachino, Lilibeo (Trapani) poggia sulle sue gambe e sulla sua testa l'Etna. Tifeo vomita fiamme dalla bocca. Quando cerca di liberarsi dal peso delle città e delle grandi montagne la terra trema.

 

La leggenda del cavallo senza testa

Nasce nella Catania del 700. Leggenda ambientata nella Via Crociferi ed in passato residenza di nobili che vi tenevano i loro notturni incontri o intrighi amorosi che dovevano esser tenuti nascosti. Quindi, essi fecero circolare la voce che di notte vagasse un cavallo senza testa, voce che intimorì la cittadinanza ed impediva alle persone di uscire di casa una volta calate le tenebre. Soltanto un giovane scommise con i suoi amici che ci sarebbe andato nel cuore della notte, e, per provarlo, avrebbe piantato un grosso chiodo sotto l’Arco delle Monache Benedettine. Gli amici accettarono la scommessa ed il giovane si recò a mezzanotte sotto l’arco delle monache, e vi piantò il chiodo ma non si accorse di avere attaccato al muro anche un lembo del suo mantello, quindi, quando volle scendere dalla scala, fu impedito nei movimenti e, credendo d’esser stato afferrato dal cavallo senza testa, morì. Pur vincendo la scommessa, la leggenda fu confermata.

 

La leggenda di Pippa la catanese

Popolana e lavandaia d’origine catanese, visse a cavallo tra il XIII e il XIV secolo. Il suo vero nome era Filippa. Giovanissima, diventa nutrice di Luigi, figlio di Roberto d’Angiò e Violante d’Aragona. Allorché gli Angioini furono cacciati dalla Sicilia e ritornarono a Napoli, Pippa seguì la Corte. Nel 1343 sul trono salì Giovanna I d’Angiò che aveva sposato il principe Andrea d’Ungheria che volle essere consacrato re di Napoli. I numerosi dissidenti facevano affidamento sull’antipatia che la sovrana, innamorata del cugino Luigi duca di Taranto, nutriva per il marito contro il quale fu ordita una congiura; in effetti, Andrea fu strangolato. Il Papa, supremo signore feudale sul Regno di Napoli, cominciò la caccia dei congiurati; la prima ad essere indiziata fu Pippa che era diventata confidente della Regina. L’ex lavandaia fu atrocemente torturata, per farle confessare quanto sapeva e la donna disse solo di sapere della congiura ma di non avervi partecipato. Coloro che avevano assassinato Andrea restarono impuniti.

 

Il clima della Sicilia - il ratto di Proserpina

Cerere, sorella di Giove e dea che aveva insegnato agli uomini come coltivare i campi, era la madre della bella Proserpina, amante dei fiori.

La leggenda mitologica ricorda che un giorno di primavera il Dio Plutone rimase colpito dalla vista della giovane Proserpina, se ne innamora e la rapisce portandosela negli inferi. Plutone era il più odiato fra gli dei, perché il suo regno era quello delle ombre. Proserpina era morta con lui e tutto ciò era avvenuto con il consenso di Giove. Plutone, in onore della sposa, aveva creato la fonte azzurra Ciana.Il ratto fu così improvviso che nessuno seppe informare bene la madre della ragazza, Cerere che per tre giorni e tre notti la cercò ininterrottamente per tre giorni e tre notti. La verità le fu rivelata da Elios, il dio Sole, che le confessò anche il consenso di Giove agli eventi.

Alla fine, Cerere si adirò e cominciò a far soffrire gli uomini provocando siccità, carestie e pestilenze. Gli uomini, privati dell’aiuto della Madre Terra, chiesero aiuto a Giove. Ma Proserpina aveva gustato il melograno, simbolo d'amore, donatole da Plutone e quindi a tuttii gli effetti sua sposa, e non poteva più tornare definitivamente da sua madre. Giove, commosso dal dolore della sorella, risolse il problema decidendo che Proserpina stesse per otto mesi, da gennaio ad agosto, sulla terra assieme alla madre; e per quattro mesi da settembre a dicembre, sotto terra col marito Plutone, creando così l’alternanza di due stagioni nel clima della Sicilia. La leggenda spiega che Proserpina risalga alla terra in primavera per portare all’isola l’abbondanza e per poi scompare ai primi freddi invernali.

 

Gli scongiuri del popolo siciliano

Tra le credenze popolari c’è la convinzione che dei poteri soprannaturali possono difendere e proteggere e per questo esistono vari scongiuri: contro il malocchio, contro varie malattie come quelle degli occhi e quelle esantematiche dei bambini, contro gli animali nocivi e le tempeste e per le questioni amorose. Buona parte di queste credenze popolari sono oggi raccolte nel Museo Etnografico Siciliano a Palermo, Museo fortemente voluto da Giuseppe Pitrè.

 

La pantofola della regina Elisabetta

Maletto è in provincia di Catania. Quando nel 1603 i diavoli gettarono la regina dentro il cratere dell’Etna sulla rupe "Rocca Calanna"

cadde una pantofola della regina Elisabetta.

Molto tempo dopo, un pastorello ritrova tale pantofola, la volle toccare, ma si bruciò.

Fu chiamato un frate esorcista e la pantofola volò su una torre del castello di Maniace, presso Bronte.

Nel 1799 tale castello fu donato dai Borbone all’ammiraglio inglese Orazio Nelson, durante una festa da ballo a Palermo. In quell’occasione una dama misteriosa, si dice il fantasma della regina Elisabetta, donò a Nelson un cofanetto contenente la fatidica pantofola;

e gli raccomandò di non farla mai vedere a nessuno.

Ma l’amante dell’ammiraglio, Emma Hamilton, riesce a trafugarla. La stessa notte l’ammiraglio vede in sogno la misteriosa dama che gli ricorda

che ha perso tutta la sua nfortuna. Pochi giorni dopo Nelson morì nella battaglia di Trafalgar, esattamente il 21 ottobre 1805.

 

La leggenda della bella Angelina 
Spiega il toponimo di Francavilla di Sicilia (ME)

La leggenda popolare racconta della nobile fanciulla Angelina di cui era innamorato il delfino di Francia.

Questi, durante il Vespro, la rapì ed Angelina raccomanda alla sua ancella Franca di vegliare (Franca, vigghia!),

per essere pronte al momento dell’atteso segnale di partenza.

 

La leggenda dei due fratelli 
Spiega l’origine del monte Mojo, in provincia di Messina, monte che ha l’aspetto di un cumulo di grano.

Essa parla di due fratelli, di cui uno era cieco e l’altro profittatore il quale, al momento della spartizione del grano, cercava di imbrogliare il fratello cieco riempiendo il moggio completamente quando toccava a lui e dal fondo quando toccava al fratello cieco. Quest’ultimo, passando la mano sul misero mucchio, si raccomandava agli occhi del Signore che attuò le giuste vendette: alla fine della fraudolenta spartizione una folgore bruciò il fratello ladro e trasformò il mucchio di frumento nell’attuale monte Mojo.

 

L’elefante di Catania
Il simbolo di Catania dal 1239 è legato ad un’antica leggenda legata alla sua origine. Questa leggenda narra che quando Catania fu abitata per la prima volta, tutti gli animali feroci furono allontanati da un elefante al quale i catanesi, per ringraziamento, eressero una statua, da loro chiamata “liotru”, correzione dialettale del nome Elidoro, un dotto catanese dell’VIII secolo bruciato vivo nel 778 dal vescovo di Catania San Leone II il Taumaturgo, perché, non essendo designato vescovo della città, disturbava le funzioni sacre con magie, tra cui quella di far camminare l’elefante di pietra.

Diverse ipotesi sono state fatte per spiegare l’origine e il significato di tale statua, oggi visibile in Piazza Duomo.

Di queste ipotesi, due sono meritevoli di menzione:

1) quella dello storico Pietro Carrera da Militello che lo spiegò come simbolo di una vittoria militare dei catanesi sui libici;

2) quella del geografo arabo Idrisi nel XII secolo secondo la quale l’elefante è una statua magica costruito in epoca bizantina per allontanare da Catania le offese dell’Etna.

 

Pietra del mal consiglio

Ricorda gli eventi legati alla morte di Ferdinando il Cattolico (23 gennaio 1516), quando il viceré Ugo Moncada rifiutò di lasciare la carica e scatenò una guerra civile partì da Palermo e che funestò la Sicilia per tre anni. A Catania, dove la rivolta aveva numerosi seguaci, i nobili ribelli scelsero per le loro riunioni un giardino nel piano dei Trascini vicino un capitello dorico e un pezzo di architrave, entrambi in pietra lavica.La lotta continuò finche i fautori del Moncada non furono sconfitti. Il nuovo viceré, Ettore Pignatelli, stroncò le ribellioni colpendo direttamente e ferocemente i responabili.

Il Senato della città, a ricordo di questi avvenimenti, spostò i due avanzi lavici: il capitello, da allora chiamato "Pietra del mal consiglio" fu innalzato nel piano della Fiera (oggi Piazza Università) mentre l’architrave fu sistemata all’ingresso del palazzo della Loggia. La pietra del mal consiglio nel 1872 fu posta nella corte del Palazzo Carcaci ai Quattro canti. L’architrave si trova nel cortiletto posteriore del teatro Massimo Bellini.

 

Il Viceré e la Baronessa

Alla fine del XVI secolo don Marcantonio Colonna era viceré in Sicilia. Quando giunse a Palermo si innamorò della nobildonna Eufrosina Valdaura, moglie del nobile Calcerano Corbera e baronessa del Miserendino. Il marito e il suocero pronunciarono minacce contro il viceré durante un ricevimento. Il viceré, temendo per la sua vita, fece arrestare il suocero della baronessa per debiti non pagati; l’uomo morì di li a poco nel carcere della Vicaria. Il marito fu trovato ucciso. Dopo un breve periodo di lutto la baronessa celebrò il suo amore con il viceré che fece preparare alcune stanze su Porta Nuova per i loro incontri amorosi e fece costruire una grande fontana nei pressi di piazza Marina adorna di sirene, putti e creature marine dove spiccava l’immagine di una sirena che ricorda l’effige della baronessa Eufrosina del Miserendino.

 

La leggenda di Jana di Motta

Nel 1409 Bianca di Navarra divenne Vicaria del regno, e il Conte di Modica Bernardo Cabrera avrebbe voluto sposarla per aumentare il suo potere. La regina Bianca non volle sposarlo ed il conte la inseguì per tutto il regno. La regina chiese aiuto al suo ammiraglio Sancio Ruiz de Livori che catturò Giustiziere facendolo rinchiudere nel Castello di Motta. Una congiura era in atto contro il Conte: Jana, una fedele e astuta damigella della regina Bianca, d’accordo con l’ammiraglio Sancio e della regina, si travestì da paggio e si fece assumere dal conte convincendolo a tentare un’evasione per cercare di sposare la regina Bianca. Il conte abboccò e una notte, fattolo travestire da contadino, Jana lo fece calare da una finestra del castello con una corda; ma ad un certo punto, Jana mollò la corda,e il conte cadde dentro una grossa rete preparata precedentemente dove rimase tutta la notte; al mattino Jana, rivelatasi,lo fece imprigionare al Castello Ursino di Catania.

 

Il fiume di latte

A Catenanuova in provincia di Enna, ed esattamente in contrada Cuba, esiste un’antica masseria che in passato fungeva anche da albergo e da stazione di posta. Una lapide sotto il balcone ricorda che in quella stazione pernottarono un re e una regina nel 1714 ed il poeta tedesco Wolfgang Goethe con l’amico e pittore Crisoforo Kneip.

La coppia regale vi pernottò nel 1714 a causa del marchingegno del cavaliere Ansaldi da Centùripe, il proprietario della masseria-albergo, che voleva ossequiare personalmente il re Vittorio Amedeo II di Savoia, re di Sicilia dal 1713, che con la regina Anna d’Orlèanns si stava recando a Messina per tornare in Piemonte. Quando il corteo reale stava per giungere alla sua masseria, il cavaliere ordinò ai suoi dipendenti l’ordine di versare nel torrente vicino tutto il latte che avevano munto quel giorno. Quando il re fu avvisato dalle sue guardie, incredulo, volle assaggiare e riconobbe che i suoi uomini avevano ragione. Il cavaliere Ansaldi si rivelò ed ammise tutta la storia ed il suo desiderio. L’invito fu gradito al re che alla partenza nominò Ansaldi Capitano onorario delle Guardie reali.

 

L'isola Ferdinandea

Fra Pantelleria e Sciacca nel 1831 spuntò un’Isola vulcanica.  I fenomeni eruttivi si presentarono a metà luglio, per cessare nei primi di agosto, quando l’isola raggiunse il suo massimo sviluppo. Nella parte nord c’era il cratere con due bocche eruttive, dalle quali uscivano i materiali vulcanici.

L'eruzione durava da mezz'ora ad un'ora ed era ad intermittenza. Cessata l'eruzione, le due bocche del cratere si riempirono di acqua marina formando due laghetti. L'analisi di questi laghetti dimostrò che erano formati da acqua marina con sali ferrosi ed idrogeno solforato. All'isola furono dati vari nomi (Sciacca, Nertita, Corrao, Hotham, Giulia, Graham, Ferdinandea), ma ebbe una breve vita perché, flagellata dalle onde, scomparve presto negli abissi.

 

La grotta delle colombe

La Grotta delle Colombe si trova a Santa Maria La Scala (frazione di Acireale, in provincia di Catania) e raccoglie due leggende. In base alla prima tale grotta era il rifugio segreto dei due innamorati Aci e Galatea. L'altra racconta la storia della ninfa Ionia che curava dei colombi che ogni inverno si rifugiavano in questa grotta. Purtroppo altre ninfe invidiose ne ostruirono l'entrata facendo morire i colombi e suscitando la disperazione della ninfa che fece crollare la grotta rimanendo seppellita insieme ai suoi amici.

 

La leggenda della Zisa

A Palermo c’è il Palazzo La Zisa. Questo palazzo fu costruito al tempo dei pagani e custodiva i tesori dell’imperatore. Qui c’è un incantesimo per tutelare un tesoro nascosto costituito da monete d’oro. Tale incantesimo è stato fatto dai Diavoli che non vogliono che il tesoro sia preso dai Cristiani. All’entrata della Zisa ci sono dipinti dei diavoli: chi li guarda nel giorno della festa dell’Annunziata (25 di marzo) vede che essi si muovono e non si finisce di contarli. Non si conosce neanche l’esatta quantità delle monete e nessuno è mai riuscito a prenderle.

 

Il terremoto del 1693

A questo cataclisma sono legate due leggende catanesi: quella di "Don Arcaloro" e quella del vescovo Carafa.

La prima narra che nella mattina del 10 gennaio 1693 si presentò al palazzo del barone catanese Don Arcaloro Scamacca una fattucchiera locale che gridò a Don Arcaloro di affacciarsi perché gli doveva dire una cosa di grande importanza. Don Arcolaio ordinò che la facessero salire. La vecchia strega confidò al barone che quella notte aveva sognato Sant’Agata che supplicava il Signore di salvare la sua città dal terremoto, ma il Signore a causa dei peccati dei catanesi rifiutò la grazia. Il Barone si rifugiò in aperta campagna, dove attese che la profezia della strega si verificasse.

Un vecchio quadro settecentesco di Salvatore Lo Presti rappresenta il barone con l’orologio in mano in attesa dell’evento.

La seconda leggenda è quella del vescovo di Catania Francesco Carafa, capo della diocesi dal 1687 al 1692. La leggenda dice che questo vescovo, mediante le sue preghiere, era riuscito per ben due volte a tenere lontano dalla sua città il terremoto. Ma nel 1692 egli morì e l’anno dopo Catania fu distrutta. L’iscrizione posta sul suo sepolcro ricorda proprio tale evento ed il ruolo incisivo delle sue preghiere.

 

Le tradizioni religiose

La leggenda della messa interrotta

Riguarda la distruzione di Gulfi (Rg) nel 1299.In base a tale leggenda, dei soldati francesi penetrarono nella Chiesa dell’Annunziata uccidendo i fedeli ed il sacerdote interrompendo la messa durante l’elevazione del calice per poi andare a godere dei frutti del loro saccheggio. Allo scoccare della mezzanotte si sentì suonare messa nella stessa Chiesa ed appare il prete col calice in mano seguito da tutti i fedeli. Come trascinati da una forza misteriosa, tutti i soldati francesi entrarono in Chiesa insieme ai fedeli uccisi, la messa ricominciò dal punto in cui era stata interrotta; alla fine un turbine scosse la Chiesa e fece aprire una voragine nel pavimento dove precipitarono tutti i soldati francesi, voragine che poi si richiuse su di loro.

 

La leggenda del vascellazzu

Grazie ai Vespri siciliani Messina e Palermo si liberano dal dominio Angioino chiamando come re della Sicilia, nell’ordine, Pietro III d' Aragona, Giacomo e Federico II d'Aragona. Prima della pace di Caltabellotta, gli Angioini cercarono di riconquistare le città perdute, soprattutto Messina. Roberto D'Angiò, per conquistare tale città, mandò il suo esercito a Catona e assediò Reggio Calabria, in modo da bloccare gli aiuti per Messina che al momento era governata da Federico II D'Aragona. La città soffriva una grossa crisi alimentare. Nicolò Palizzi suggerì di andare da Alberto da Trapani, già considerato Santo per dei grandi prodigi che aveva effettuato. Il giorno seguente, Federico II e la sua corte si diressero alla Chiesa del Carmine in cui Sant'Alberto celebrava la messa. Egli cominciò a pregare ed alla fine delle sue preghiere una voce dal cielo gli confermò che le sue preghiere erano state esaudite: si videro arrivare tre navi i cui equipaggi scaricarono del grano. I messinesi si convinsero che le navi fossero state mandate dalla Madonna. L’evento determinò la nascita della tradizione del "vascelluzzo". Tutti corsero ai piedi del Santo per ringraziarlo, lui li benedì e lì esortò a credere in Dio e nella Madonna della Lettera. Qualche giorno dopo arrivarono altre quattro navi cariche di vettovaglie. Roberto d'Angiò capì che non poteva più sconfiggere la città per la fame e si convinse ad arrendersi e stabilì un trattato di pace con Federico II D'Aragona La leggenda narra che in quei giorni accadde un altro prodigio: una signora vestita di bianco passeggiava sugli spalti delle mura con lo stendardo di Messina, un francese lanciò una freccia contro di lei ma la freccia ritornò indietro. Anche in questa occasione la Madonna della Lettera difese Messina. Sant'Alberto morì nel 1307. Quando Federico II fece alloggiare i suoi cavalli nel convento del Carmine, trasformando in stalla la chiesa in cui era il Santo era sepolto, un male misterioso portò alla morte i cavalli ed i soldati. Aprendo la tomba di Sant'Alberto, questi fu trovato in ginocchio per chiedere la punizione per i profanatori.

 

Il miracolo di Suor Eustochia Calafato

Tale miracolo avviene a Messina, esattamente nel monastero di Montevergine ed al cadavere di tale suora morta del 1491: le crescono le unghie e i capelli che ogni anno, nel giorno a lei dedicato, le vengono tagliati. Esmeranda Calafato nacque nel 1837. Nonostante fosse una ragazza molto bella ed appartenente ad una ricca famiglia, si dedicava esclusivamente alla vita spirituale. Nell'adolescenza un giovane signore si innamorò di lei, ma la ragazza, per evitare le tentazioni, entrò nel monastero di Basicò. Non contenta delle ristrettezze e della vita spirituale di quel monastero, ottenne dei soldi da un ricco zio per fondare il monastero di Montevergine. Si dice che il suo spirito avverta le suore della loro prossima morte parecchie settimane prima attraverso un rumore cupo.

La Madonna dei Mirti

Nella campagna di Villafranca Sicula (AG) esiste una chiesetta dedicata alla Madonna dei Mirti la cui origine è spiegata da una leggenda locale. Un vecchio frate stava rientrando al suo convento di Bugio recando sul suo asinello due quadri sacri, di cui uno dedicato alla Madonna. Quando fu nei pressi del convento, si accorse di aver perduto proprio tale quadro.

Ritornando sui suoi passi, lo ritrova dentro un cespuglio di mirti. Arrivato al convento raccontò agli altri frati l’avventura; ma, quando volle mostrare il quadro in questione, esso scomparve per la seconda volta per essere nuovamente ritrovato dentro lo stesso cespuglio di mirti.Si capì che la Madonna voleva essere onorata in quel punto e così fu costruita la chiesetta.

 

San Corrado Gonfalonieri

Il Santo Patrono di Noto è tale santo d’origine piacentina che si ritirò a vita eremitica a Noto, dove visse dal 1343 fino alla morte nel 1351.Ttra i suoi miracoli c’è quello di avere allargato la sua grotta a forza di spallate Si dice che le campane delle chiese, alla sua morte suonarono da sole.

 

 

 HOME PAGE