GIOVEDI' 18 Aprile 2019

 

Domenica 28 Aprile 2019,

si disputerà la diciottesima edizione della granfondo di ciclismo su strada, “ Ribera Città delle Arance - Trofeo Riberella ”, sotto l’egida dell’ACSI ciclismo prova del Campionato Regionale Siciliano di Granfondo 2019, tappa del circuito Coppa Sicilia, organizzata dall’A.S.D. Pedale Riberese, con il patrocinio del comune di Ribera.

 

Il ritrovo è previsto alle ore 07.00 in Piazza Duomo, la partenza sarà data alle ore 9.00 e proseguirà per Seccagrande, Montallegro, Bivio Piana Grande, Ribera, Seccagrande, Bivio Borgo Bonsignore, Salita Magazzolo, Ribera, Calamonaci, Bivio Tamburello, Barucco, Lucca Sicula, Villafranca Sicula, Burgio, Martusa, Ribera per complessivi 120 Km, con un tratto cicloturistico di km 20. Il tempo massimo è di ore 6.30.

 

La gara è aperta a tutti d'ambo i sessi, in regola con il tesseramento 2019 con ACSI ciclismo, FCI, UISP, CSAIN, CSI e agli Enti di Promozione Sportiva.

Cinque i colli da scalare, il più importante con un grado di difficoltà di 1a categoria è il muro del Barucco, di 4.0 km, con una pendenza media del 10% e una massima del 21%, il secondo, il muro di Martusa di 700 metri, con una pendenza media del 7% e una massima dell’ 11%, più facile la salita di Magazzolo, di 3.0 km, con una pendenza media del 5% e una massima del 7% .

 

Il Presidente Pietro Di Grado, con i dirigenti e i ciclisti riberesi, per festeggiare al meglio, il diciottesimo compleanno della manifestazione regina e lasciare il segno, nei tanti ciclisti che verranno nel nostro paese, ha voluto “ i muri terribili ” del Barucco e di Martusa, muri che metteranno a dura prova i ciclisti ma che daranno soddisfazioni indimenticabili.

 

La gara in cifre ci dice che c’è un pacco gara che comprende un gadget, in ricordo della manifestazione, l’acqua a volontà, la segnaletica con strisce a terra e cartelli ben visibili, i bivi presidiati dalle forze dell’ordine, dai volontari della protezione civile e dal personale in forza al pedale riberese, alcuni prodotti tipici locali, come le arance, offerte dal consorzio Riberella, servizi in gara che prevedono camion scopa, radio corsa, ristoro e per finire, pranzo e premiazione.

 

Nell’augurare una vera giornata di sport e di divertimento, voglio ricordare che “nonostante l’ordine d’arrivo, la manifestazione, è un raduno cicloturistico, dove ognuno può procedere con la propria andatura, ammirando il bel paesaggio che il percorso offre”. 

                                                                                                                              

Mario Castelli

 

                          ALBO D’ORO

2000: Alessandro Vella Velo Club L’Airone-Catania

2001: Rosario Condipodaro        Cicli Merenda-Brolo

2002: Salvatore Coco                   Euroteam-Catania

2003: Rosario Di Falco                Interliggi Trasporti-Modica

2004: Fabio Alessi                       Euroteam-Catania

2005: Fabio Alessi                       Euroteam-Catania

2006: Rosario Ferlito                  Città di Misterbianco-Catania

2007: Rosario Ferlito                  Città di Misterbianco-Catania          

2009: Francesco Pizzo                 A.S.D. Elettro System-Scordia

2010: Antonino Figura                A.S.D. Amici del Pedale - Ragusa 

2011: Carmelo Nicolosi               A.S.D. Amici del Pedale Team - Scicli

2012: Giuseppe Di Salvo             A.S.D. Napoli

2014: Salvatore Coco                   A.S.D. Viagrande – Catania

2015: Luca Terlato                       Team GRM Comiso – Ragusa

2017: Barbera Baldassare           A.S.D. Grasso Villanti

 

 

 

 

 

LUNEDI' 15 Aprile 2019

 

Forte prevenzione e sicurezza dei luoghi dove si studia. L’Amministrazione Pace ha affidato, ad una ditta esterna, uno studio mirato a radiografare lo stato antisismico delle scuole cittadine. Lo ha reso noto l’assessore comunale ai Lavori Pubblici Nicola Inglese che ha dichiarato che a fine anno scolastico lo studio sarà consegnato all’Amministrazione comunale. Sarà, quindi, comunicato lo stato dell’arte degli edifici scolastici.

Per il progetto è stata impegnata la somma di 175.544 euro che viene finanziata dal ministero dell’Istruzione e dell’Università, appunto con lo scopo di accertare la sicurezza dei plessi scolastici con calcoli ed accertamenti tecnici aggiornati alle nuove disposizioni ministeriali.
Sotto esame saranno istituti comprensivi statali come la “Navarro” di via Imbornone, la “Crispi” di piazza Giulio Cesare e la “Don Bosco” di via “Platania”, come pure le loro succursali di via Berlinguer, via Mosca, via Pier Delle Vigne e via Imbornone.

“Per ottenere il finanziamento – ci dice l’assessore Nicola Inglese – abbiamo partecipato, tra le poche scuole siciliane che ne hanno fatto richiesta, ad un bando del ministero che è andato a buon fine e ci ha permesso di potere ottenere un congruo finanziamento che stiamo rendendo operante subito in questo scorcio di anno scolastico. Lo studio tecnico avrà il vantaggio di poter certificare gli istituti riberesi che sono a norma antisismica e lo scopo di tranquillizzare tutte le famiglie che hanno i bambini a scuola. Gli accertamenti consentiranno all’Amministrazione comunale di potere presentare allo Stato e alla Regione ulteriori richieste per ottenere altri finanziamenti finalizzati a ristrutturare, riqualificare e ampliare tutti quegli edifici e le scuole che ne hanno bisogno”.

Redazione "Corriere di Sciacca"

 

 

 

VENERDI' 12 Aprile 2019

 

COMUNICAZIONE DAL PALAZZO DI CITTA'
Comune di Ribera


AVVIO PROCEDURA DI GARA LAVORI PER MANUTENZIONE
STRAORDINARIA IN VIA DEGLI APPENNINI, 27
12 Aprile 2019

L’Istituto Autonomo Case Popolari della Provincia di Agrigento

ha comunicato la procedura di gara per i lavori di manutenzione straordinaria da realizzarsi nelle alloggi popolari siti in via
degli Appennini, 27 a Ribera.
Il finanziamento dei lavori dell’appalto è di € 450.000,00 e riguarderà la messa in sicurezza delle palazzine in questione.


“Dopo mesi di attesa le famiglie che abitano presso le palazzine avranno effettuata la giusta ristrutturazione – afferma il sindaco Carmelo Pace – l’Istituto ha accolto le richieste inoltrate
dai residenti e da questa Amministrazione mettendo a disposizione le risorse necessarie a
concretizzare un progetto indispensabile”.
_______________________________________
Ufficio di Gabinetto del Sindaco
Comune di Ribera
0925 561214 / 266
gabinettosindaco@comunediribera.ag.it
sindaco@comunediribera.ag.it

 

 

 

MERCOLEDI' 10 APRILE 2019

 

COMUNICATO pervenuto al sito il 9 Aprile 2019

 

Buongiorno, in allegato la nota stampa dei consiglieri di opposizione del Comune di Ribera in merito 

al servizio affidato e poi revocato alla ditta "NICA Onlus" in tema di informazione ai cittadini

sul sistema di raccolta monomateriale dei rifiuti solidi urbani.

Cordialmente

Fabio D'Azzo

Rossella Failla

Margherita Farruggia

Emanuele Li Voti

Claudia Lupo

Federica Mulè

Giuseppe Tramuta

 

 NOTA STAMPA

In merito alla questione relativa al caso “ Riberambiente – NICA Onlus”, preso atto degli ultimi risvolti della vicenda, ed in particolare ai dettagli venuti fuori dalla ultime precisazioni da parte di NICA Onlus, i sottoscritti consiglieri comunali sentono la necessità di evidenziare quanto segue.

Appare di assoluta evidenza che l’ultimo Consiglio Comunale, avente appunto ad oggetto la problematica relativa al servizio affidato e poi revocato alla ditta NICA Onlus, si è purtroppo trasformato nell’ennesima vergognosa farsa proposta dall’Amministrazione Comunale: questa, a fronte di un comportamento quanto meno incoerente e contrario alle più elementari regole di gestione della cosa pubblica, ha cercato di nascondere tutte le proprie gravi responsabilità tentando di scaricarle esclusivamente sul povero Amministratore della società Riberambiente.

Nel corso del Consiglio Comunale proprio il sig. Sindaco ha lasciato intendere che era venuto meno il rapporto fiduciario con l’Arch. Lo Brutto, il quale si sarebbe reso inadempiente rispetto alle istanze del Socio Unico (ossia il Comune di Ribera) già a partire dall’aprile 2018: ed allora, come mai il Sindaco o l’Assessore al ramo fino ad oggi non hanno mai informato di tali problematiche il Consiglio comunale (organo di controllo deputato ad avere piena contezza sulla gestione e rendicontazione non solo dell’Ente Comune di Ribera, ma anche delle società partecipate dallo stesso), e si preoccupano solo ora, con evidente e colpevole ritardo, delle presunte inadempienze dell’Amministratore Unico dallo stesso Sindaco Pace a suo tempo nominato!?

Ed ancora, perché se la revoca dell’affidamento era stata inizialmente giustificata da motivazioni di carattere finanziario (mancanza di risorse della Società Riberambiente, come da nota del 30 gennaio 2019 della stessa società), improvvisamente solo ora viene fuori – da parte dell’Amministrazione - che la ditta aggiudicataria non sarebbe stata in possesso dei requisiti necessari per ottenere l’incarico!?

Purtroppo le bugie hanno le gambe corte, e così è bastata la puntuale precisazione della NICA Onlus a chiarire la pretestuosità delle giustificazioni date dal Sindaco nel corso del Consiglio Comunale del 27 marzo scorso: basta rileggere quanto dichiarato dalla ditta al settimanale Momenti (vd N° 1462 del 7 aprile), e prendere atto della documentazione dalla stessa riportata, per comprendere che la società fosse in realtà in possesso di tutto quanto richiesto per ottenere l’affidamento del servizio (come era regolarmente avvenuto).

Del resto, nemmeno l’Amministratore di Riberambiente (l’unico soggetto in realtà preposto alla verifica dei requisiti necessari per l’affidamento del servizio) aveva avuto modo di mettere in discussione la sussistenza dei requisiti richiesti e la completezza della documentazione che NICA Onlus aveva presentato ai fini dell’ottenimento dell’incarico: né a quanto pare, cosa ancora più inquietante, l’Arch. Lo Brutto era mai stato informato – prima del famigerato Consiglio comunale del 27 marzo – di tali asserite carenze (come sopra detto, del resto, inesistenti).

Insomma, si deve purtroppo prendere, per l’ennesima volta, atto che ciò che muove l’operato del Sindaco Pace e della sua Giunta è improntato all’improvvisazione e nulla ha a che vedere con il buon andamento, la trasparenza e l’efficienza della Pubblica Amministrazione, e meno che mai con gli interessi della cittadinanza.

Evidentemente, per un qualche recondito motivo che il Sindaco ed i suoi collaboratori si guardano bene dallo svelare - ma che certamente non ha a che fare con la tutela della Cosa

Pubblica e del Bene comune, la società NICA Onlus non andava più bene; così, fregandosene di ogni possibile conseguenza – anche di natura giuridico/contabile – l’Amministrazione ha suggerito e/o preteso la revoca dell’affidamento, cercando goffamente di accollarne la responsabilità esclusivamente al “povero” Arch. Lo Brutto.

Se è vero che formalmente era questi a porre in essere l’annullamento dell’atto di aggiudicazione, pare ormai chiaro che in realtà lo stesso ha sostanzialmente eseguito quanto il proprio Socio Unico (ossia l’Amministrazione Comunale) gli ha pesantemente sollecitato e richiesto: e cioè, prima di annullare il Bando/Avviso inizialmente predisposto perchè non sarebbe stata prevista la presenza di personale incaricato dell’informazione “porta a porta” per la raccolta del monomateriale; e poi sollecitarne l’affidamento a ditta che invece avrebbe dovuto operare anche con tale personale qualificato ed adeguatamente formato, salvo poi infine pressare l’Amministratore di Riberambiente affinché l’incarico (già aggiudicato in maniera definitiva) venisse revocato ed annullato, proprio per la mancanza delle risorse necessarie.

A questo punto, forse (tranne ulteriori colpi di teatro dell’ultima ora), non serve più promuovere ulteriori confronti o dibattiti per chiedere conto delle vere motivazioni di tali comportamenti dovendosi, purtroppo, prendere amaramente atto dell’ennesima prova di inefficienza, arroganza e tracotanza dell’Amministrazione in carica.

Come ha da tempo dimostrato il Sindaco Pace e la sua Giunta, i Consiglieri Comunali, sia di maggioranza che di opposizione, che non si appiattiscono sulle decisioni già prese sono considerati un fastidio da evitare (vedi le numerose interrogazioni avanzate dai sottoscritti nel corso di questi anni di consiliatura, che sono state costantemente ignorate).

Chi ha a che fare con l’Amministrazione Pace e non si adegua ai suoi “diktat” viene messo da parte, come è probabilmente accaduto anche alla malcapitata NICA Onlus e magari accadrà, da qui a poco, allo stesso Amministratore di Riberambiente, anche lui reo di lesa maestà per non essersi uniformato, senza se e senza ma, al suo volere.

Quanto alla cittadinanza, non ci si preoccupa minimamente di dare risposte alle reali necessità ed ai suoi bisogni; l’Amministrazione Pace naviga a vista preoccupandosi soltanto di organizzare le solite feste e festini con la speranza di imbonire i riberesi; ciò, del resto, era stato rinfacciato e rimproverato al Sindaco ed alla sua giunta anche da alcuni consiglieri della maggioranza di quel naufragato progetto di federazione tra Progetto Comune e Sicilia Futura.

Pertanto, alla luce di quanto emerso, i sottoscritti Consiglieri comunali chiedono all’Amministrazione con il Sindaco Pace in testa di prendere finalmente atto del proprio fallimento assumendosi le relative responsabilità dello stesso: certamente il Sindaco e la sua Giunta dovrebbero avere un sussulto di dignità e, traendo le dovute conseguenze, rassegnare le dimissioni dall’incarico facendo, in questo modo sicuramente, il bene di questa nostra ormai martoriata cittadina.

Ribera (AG) 08 aprile 2019

I Consiglieri Comunali

Fabio D’Azzo,  Giuseppe Tramuta, Margherita Farruggia , Emanuele Li Voti,  Claudia Lupo,  Federica Mulè Rossella Failla

 

 

 

 

 

LUNEDI' 8 APRILE 2019

 

 

 

 

MARTEDI' 2 APRILE 2019

 

 

COMUNICAZIONE DAL PALAZZO DI CITTA'
Comune di Ribera


ANCHE RIBERA DIVENTA “PLASTIC FREE”
2 Aprile 2019


Anche Ribera diventa “plastic free”. Il sindaco Carmelo Pace ha infatti firmato un’ordinanza
che include questo comune tra le città che si impegnano a ridurre l’uso della plastica, in linea
con le norme europee, nazionali e regionali che tentano di limitare la produzione di rifiuti e di
incentivare la differenziata.
Con ordinanza sindacale n. 14 del 01.04.2019 il Sindaco Carmelo Pace dice stop, in maniera
graduale così come specificato nell’ordinanza, alla vendita e l'uso di piatti, bicchieri, posate,
coppe, ciotole, aste per palloncini di plastica non compostabile, nonché di bastoncini cotonati
cotton fioc in materiale plastico non biodegradabile. "Obiettivo è quello di promuovere e
soddisfare i necessari criteri di riciclo, sulla base della riduzione della produzione dei rifiuti e
delle conseguenti emissioni inquinanti con notevoli rischi ambientali" – afferma il Sindaco.
"E’ un atto di civiltà e di amore per l'ambiente, da amministratore ho sentito il dovere etico di
salvaguardare ciò che la natura ci ha donato tutelando, allo stesso, la salute pubblica.
“Si tratta di un piccolo, ma importante primo passo perché anche a Ribera si arrivi a una
limitazione all’uso della plastica”.
“Si coglie l’occasione per ringraziare il Partito Democratico di Ribera per il prezioso
suggerimento e la felice intuizione”.

 


Ufficio di Gabinetto del Sindaco
Comune di Ribera
0925 561214 / 266
gabinettosindaco@comunediribera.ag.it
sindaco@comunediribera.ag.it

 

 

 

***

 

 

Ribera

 

 SFILATA DELLA STRAULA 2019

 

 VEDI LE FOTO

 

 

HOME PAGE